Olivo Matto

La felicità dei vincitori. Il Premio Biol ha i suoi numeri primi

Luigi Caricato

La felicità dei vincitori. Il Premio Biol ha i suoi numeri primi

Sono appena rientrato da Andria, dove si è svolta l’edizione numero diciassette del Premio Biol. Sono sempre occasioni piacevoli di incontro e di confronto, non c’è che dire. Una festa dei sensi, nel senso pieno del termine. Tanti gli oli extra vergini di oliva in concorso: oltre trecento, giunti da diciotto Paesi. Il 26 marzo ci sarà la premiazione a Bari. Intanto, per soddisfare la vostra curiosità, vi riporto l’elenco dei vincitori.

Ad aggiudicarsi il primo posto del Premio Biol, per il secondo anno consecutivo, è l’extra vergine “S. Andrìa” dell’Oleificio Sandro Chisu di Orosei, in provincia di Nuoro.

Il secondo posto è andato al monovarietale Coratina “De Carlo”, della storica azienda di Bitritto.

Il terzo posto invece al molfettese “Marcinase – Olio di Maria”, espressione di Gregorio Minervini, in ex aequo con il siciliano “Primo” dei Frantoi Cutrera di Ragusa.

Ad aggiudicarsi il primo premio nella sezione BiolPack è l’azienda Pantaleo di Fasano, con “Pantaleo Young”, quale miglior accoppiata etichetta-packaging assegnato da una specifica giuria di esperti in comunicazione e consumo. Hanno sopreso la giuria oltre all’estetica del packaging, anche l’aspetto relativo ai vari materiali riciclabili: vetro, tappo in plastica e carta staccabili.

Il premio speciale per l’innovazione della bottiglia è andato inoltre allo spagnolo “Cartijo de Suerte Alta”, mentre, per rimanere nell’ambito degli oli esteri, è da segnalare tra i primi dieci il portoghese “Risca Grande” e lo spagnolo “Rincon de la Subbetica”.

Infine, il vincitore del BiolKids è il puglies “Eccelso”, dell’andriese Agrolio.

L’elenco completo di tutti gli altri riconoscimenti territoriali e delle menzioni sarà presto online sul sito del Premio Biol. E intanto buon olio a tutti.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.