Olivo Matto

La magnifica e fascinosa Croazia degli oli da olive

Luigi Caricato

La magnifica e fascinosa Croazia degli oli da olive

Provate a sfogliare la rivista “Maslina”. Vi renderete conto che in Croazia – ultimo Paese entrato a far parte dell’Unione europea lo scorso primo luglio – si fa sul serio. L’olivicoltura croata – e io ve lo posso testimoniare per presa diretta – ha radici che affondano nel glorioso passato di altre civiltà e che ora, a distanza di secoli, esprimono tutta la forza propulsiva della modernità. In questa terra a est d’Europa, nel tessuto vivo dell’Istria e della Dalmazia, già zone operative note ai tempi degli antichi Romani, non vi è solo una generica e ordinaria coltivazione degli olivi, ma un modo di essere in cui molti, tra gli agricoltori del luogo, vi si ritrovano. Prima ancora che alberi di olivo, le piante sono considerate parte della famiglia, parenti stretti. Chi conosce la lingua, può leggere e documentarsi attraverso “Maslina”. Nelle sue pagine si trovano tante storie, saperi e aspirazioni. Nell’ultimo numero, fresco di stampa, ci sono anche due pagine dedicate a me, alla mia recente visita da cui presto ricaverò storie ed emozioni da raccontare. Posso dire che è stata davvero incredibile l’esperienza del mio recente viaggio in Istria. Nnon resta che attendere i miei resoconti, il primo dei quali è già apparso, nella sua prima puntata, su “q. b.” di luglio. Il resto arriverà. Intanto, ecco, nelle immagini che vi propongo, quel che scrivono di me su “Maslina”, proprio un bel giornale.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter