Olivo Matto

Noi ci siamo, ci saremo sempre

Luigi Caricato

L’editoria sta attraversando un momento alquanto delicato e complesso, nello stesso tempo vive un momento storico favorevole per altri versi, perché ci sono mezzi facilitatori e nel contempo rivoluzionari, perché con l’avvento di Internet tutto è cambiato, in meglio come in peggio. Noi siamo coltivatori del meglio. Chi mi conosce sa che nel 2003 con Teatro Naturale[il nome era stato un omaggio all’amico Giampiero Neri, autore del volume di poesie intitolato, appunto, proprio Teatro Naturale] immaginai sin da allora un nuovo percorso di comunicazione, dando il via a una rivista che interpretasse in chiave moderna, e con uno sguardo differente e discontinuo, i temi dell’agricoltura e dell’alimentazione. Quell’esperienza, pur continuando in seguito per altre vie, mi ha portato a maturare un ulteriore percorso, come sempre discontinuo e nuovo, alternativo, perfino inattuale per quanto nuovo. Con Olio Officina, soprattutto a partire dal 2013, si è aperto uno scenario inedito, sicuramente inconsueto per i temi trattati, tutti incentrati sull’olio, ponendo i riflettori su questa materia prima tanto osannata quanto sconosciuta e incompresa. Osannata perché di fatto è universalmente riconosciuta come alimento “nutraceutico”, un “functional food” che ci accompagna per tutti i giorni della nostra vita assicurandoci benessere interiore, salute fisica e mentale, e procurandoci nondimeno godimento, perché l’olio ricavato dalle olive è piacere, in quanto attraverso la via dei sensi ci coinvolge emotivamente e rende i cibi migliori e più appetibili, valorizzando e amplificando i sapori di ciascun ingrediente. Sconosciuta e incompresa, la materia prima olio da olive, in quanto vittima di offerte sottocosto, di speculazioni politiche e sindacali e di tanti fraintendimenti.

Era impensabile, già solo vent’anni fa, immaginare un progetto culturale ed editoriale come quello intrapreso con audacia da me, con Olio Officina. Oggi, oltre a organizzare Olio Officina Festival [nel 2022 la undicesima edizione, dal 10 al 12 febbraio, a Milano] vi sono altri eventi di grande portata che aprono a nuove esigenze e colmano tante lacune, come nel caso del Forum Olio & Ristorazione [colgo l’occasione per dirvi che vi aspetto, in presenza, a Milano il prossimo 11 ottobre], Olio Officina svolge una intensa attività editoriale unica al mondo, per i tanti sviluppi segnatamente culturali. Olio Officina è una casa editrice che sfida a mani nude l’articolato e labirintico mercato editoriale attraverso una visione estremamente dirompente, pur senza esercitare alcuna violenza, ma ricorrendo alla mitezza dei propri contenuti e propositi, che sono senza dubbio marginali e periferici rispetto alle tendenze imperanti, ma non per questo etichettabili come superflui e infruttuosi. Stiamo seminando il futuro, proprio così, e ne siamo orgogliosi: viaggiamo verso i cinquanta titoli in catalogo, tra libri di manualistica, saggistica, narrativa, poesia, riviste monografiche in edizione cartacea come OOF International Magazine [in versione bilingue italiano/inglese] e L’Almanacco di Olio Officina[annuario], la rivista web omonima [olioofficina.it], e ora, da tre anni ad oggi, Oliocentrico, disponibile in versione digitale sfogliabile, che è l’unica pubblicazione al mondo interamente dedicata alle recensioni degli oli. Insomma, siamo fieri di ciò che facciamo. Ci dispiace solo uscire con il numero di giugno a fine mese, questo sì che è il nostro unico rammarico. Tornando al delicato e complesso momento che sta attraverso l’editoria, sta proprio qui lo scoglio da superare: ci vuole, da parte di chi ci legge, e crede nel nostro progetto, un sostegno concreto. Oggi l’editoria è in gran parte gratuita, non ci sono molte alternative del resto, ma questo nuovo corso deve tuttavia fare i conti ogni santo giorno con gli alti costi richiesti da una corretta informazione che appunto ha necessità di notevoli risorse economiche per potersi reggere in piedi e proseguire nel lavoro. Per fare un prodotto di qualità, attendibile e coscienzioso, occorre abbonarsi, o comunque sostenere in qualche modo i progetti culturali. Si riceve e si dà. Più si riceve, più risorse vi sono a disposizione e meglio ci si può organizzare per pubblicare ogni numero, uscendo perfino in anticipo sui tempi. Noi, comunque, ci siamo, ci saremo sempre.

LEGGI IL NUMERO 22 di OLIOCENTRICO CLICCANDO QUI

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter