Olivo Matto

Non solo panel. Spazio anche all’assaggiatore creatore di blend

Luigi Caricato

Non solo panel. Spazio anche all’assaggiatore creatore di blend

A Olio Officina Food Festival ci sarà spazio per festeggiare il tentennale Onaoo, l’organizzazione di assaggiartori d’olio con sede a Imperia che ha dato il via uffficale al mondo delle degustazioni d’olio e dei corsi di formazione sin dall’ormai lontano 1983. Lunedi vi comunicherò nel dettaglio tutti gli interventi di una convention che si svolgerà a Palazzo delle Stelline a Milano. L’aspetto su cui interverrà Marcello Scoccia, il vicepresidente Onaoo, nonché capo panel e direttore della Scuola per assaggiatori professionisti di oli alimentari di oliva, è il ruolo dell’assaggiatore quale figura professionale in grado di creare anche dei blend. Un motivo in più per riflettere. Finora si è inquadrato l’assaggiatore d’olio solo ed espressamente nel ruolo tradizionale di figura esterna al prodotto già finito, senza pensarlo in un ruolo attivo, intento a realizzare l’olio da produrre e selezionare gli oli da colocare in bottiglia in funzione delle esigenze del mercato e del soddisfacimento dei gusti del consumatore.

La grande domanda è la seguente: può esserci un assaggiatore che vada oltre la veste del panelista, diventando così, a tutti gli effetti, responsabile della qualità e artefice, nel contempo, nell’ambito della creazione dei blend?

Sono maturi oggi i tempi per questa nuova connotazione professionale?

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.