Olivo Matto

Per pura ignoranza o viltà

Luigi Caricato

Avete letto su Olio Officina Magazine l'articolo Evo versus olio di oliva e sansa? Io mi sono astenuto dal commentare, per non condizionare i lettori. Lo farò successivamente, con un articolo. Ciò che emerge, intanto, è che gli stessi produttori e tecnici (alcuni, non tutti per la verità) non conoscano la natura e l'identità degli oli da olive. Puntano gli occhi sugli extra vergini cosi come gli uomini puntano gli occhi sul sedere e sul seno delle donne, imbambolati; o, allo stesso modo, come le donne puntano gli occhi sul sedere e sui muscoli scultorei di un uomo. Gli oli da olive sono gli unici a contraddistinguersi, tra tutti i grassi alimentari, nella loro molteplice e variegata identità, ma anziché farne un vanto e un punto di forza, si screditano le categorie inferiori. Per pura ignoranza, o per viltà. Si, perché si è proprio vili se si teme che valorizzando l'intera gamma degli oli da olive si possa nuocere il primato degli oli extra vergini di oliva. E' vero esattamente il contrario.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter