Olivo Matto

Perché oggi mancano i grandi pionieri dell’olio?

Luigi Caricato

Perché oggi mancano i grandi pionieri dell’olio?

Dialogando virtualmente via Internet con Stefano Tesi, giornalista e blogger, mi è venuto spontaneo fare una riflessione, che riporto qui di seguito a beneficio di chi segue Olio Officina. Alla questione se si debba o meno essere ottimisti, io ho dichiarato la mia piena fiducia nel futuro, senza tuttavia trascurare le difficoltà del presente, per l’intero comparto. D’altra parte è così: sono cicli. Ora stiamo conoscendo la discesa verso il basso. Ed è proprio per questo che sono ottimista, perché gli altri, altrove ma sempre nel mondo dell’olio, non stanno sprofondando, anzi: avanzano. D’altronde, i consumi si allargano, estendendosi verso nuovi Paesi che prima ignoravano l’olio ricavato dalle olive; siamo noi, piuttosto, che stiamo perdendo il treno, in casa e all’estero. Mancano di fatto i nuovi Bertolli, i Carli, i Novaro (con Sasso), i Carapelli, i Costa (con Dante)…

L’Italia dell’olio ha scelto la nicchia e vuole starsene chiusa nell’angolo. In attesa. Osservando gli altri Paesi produttori avanzare nei mercati. Restando a bocca spalancata, prima che qualche mosca entrando impavida in bocca non li ridesti dal sonno…

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.