Olivo Matto

Santa Mongiello, benedici il tuo popolo

Luigi Caricato

A me francamente viene da ridere. Perdonatemi, ma sono fatto così. Pensare all’insegnante – perché di professione Colomba Mongiello prima di concedersi alla politica ha fatto l’insegnante di inglese e francese nella scuola superiore pubblica – come a un punto di riferimento, mi fa solo venire in mente lo stato, penoso, in cui versa il paese Italia. Non che io giudichi male la signora Mongiello, per carità. Sono felice per lei, del suo successo. Peraltro non la conosco e non posso giudicarla, non mi permetterei mai. Alle volte ci sono persone del settore olio che non capiscono un’acca, magari lei, dal di fuori, può essere più lucida. Tuttavia, con tutta la franchezza che mi caratterizza, posso dire che la parte più ridicola della vicenda sono coloro che l’hanno eletta a simbolo del mondo dell’olio. Ci sta tutto, sia ben chiaro, ma, fatemelo dire dal cuore, l’Italia dell’olio poteva benissimo aspirare a ben altri simboli, più aderenti alla realtà, meno estranei della Mongiello. Però è accaduto questo e ne prendiamo atto. Ora, a parte questa digressione, mi viene da sorridere ancora una volta quando penso che la “legge Mongiello” – altrimenti detta “salva olio italiano” – viene evocata ogni volta, soprattutto in prossimità di eventi strairdnari come il periodo dell’olivagione, quando si ha necessità di dar fiato alle trombe. Per certi versi, e forse inconsapevolmente, la Mongiello è relegata al ruolo di “donna oggetto”. Si usa e si abusa del suo nome per dare credibilità e lustro a un testo di legge articolato come fosse un castello di sabbia, pronto a dissolversi nel tempo. La Commissione europea aveva disposto la sospensione della legge Mongiello fino al 22 novembre 2013. Oggi quei termini sono trascorsi e c’è chi grida al miracolo quasi avesse visto la Madonna benedicente. Io non è che sia un esperto giurista, sia ben chiaro, ma chi nel frattempo grida al miracolo e sostiene l’applicabilità di una legge così zoppicante mi sembra che assuma un comportamento piuttosto ardito. A me sembra evidente che nonostante sia trascorso il termine del 22 novembre, tutto resti ancora avvolto nel limbo. C’è un netto contrasto con il diritto comunitario che va ancora chiarito, ma forse il popolo vociante che invoca a gran voce la Mongiello ha troppa fretta per illudersi di cantar vittoria. A parte tutto, pur considerando le nobili aspettative di chi ha redatto tale mostro giuridico, la legge in quanto tale, per quanto possa essere un segnale di speranza, non risolve certo i problemi scaturiti da una totale assenza, ultraventennale, di visione del futuro da parte di una componente miope di una filiera (non tutta, per fortuna) che non sa guardare alle proprie responsabilità, per i disastri che si stanno viendno, ma sa solo evocare personaggi mitologici continuamente in cerca d’autore. Oh, santa Mongiello, prega per noi.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter