Olivo Matto

Stanlio è olio. Parola di Sergio Miravalle

Luigi Caricato

E anche quest’oggi mi soffermo sull’educational tour cui ho partecipato nel primo fine settimana di aprile a Imperia, nella Riviera dei Fiori. Tra i vari giornalisti presenti, c’era pure Sergio Miravalle del quotidiano “La Stampa”, con una sopresa davvero divertente. Oltre a scrivere, Miravalle veste ora anche i panni – ma per puro divertimento – di produttore di olio extra vergine di oliva. Volete un aggettivo franco e sincero per esprimere un giudizio sull’olio degustato? Ottimo.

La bottiglia reca la dicitura “anno zero vendemmia delle olive 2010”.

L’olio è ottenuto dalla molitura di olive Taggiasca coltivate a Civezza, in provincia di Imperia.

In etichetta compare il nome di “Stanlio è olio. Per divertimento”. E infatti è un’edizione fuori commercio.

Sempre in etichetta si legge che le olive sono state raccolte da Sergio e Michele (il figlio) Miravalle, nonché dagli amici. Olive frante presso il frantoio Guasco di Torre Paponi.

Miravalle è orgoglioso della propria creatura. Sono solo 96 piante, da cui ha ricavato 120 litri con 0,3% di acidità libera. Un ottimo lavoro, in tre raccolte effettuate nella prima e seconda metà di novembre.

Ho degustato l’olio in un’atmosfera di gioia e spensieratezza, la sera di sabato 2 aprile, mentre noi giornalisti eravamo ospiti del Consorzio dell’olio Dop Riviera Ligure. Eravamo a Cervo, bellissima cittadina sul mare, nell’accogliente ristorante San Giorgio. Che bella serata, piacevolissima!

SAGGIO ASSAGGIO

Vista > Giallo dorato, limpido

Olfatto > Profumi fruttati leggeri, puliti, freschi, vegetali, dai toni mandorlati

Gusto > Al primo impatto una sensazione di “dolce”, poi lievi percezioni amare e picccanti, gusto vegetale, armonico, con richiami di carciofo; ha buona fluidità e pulizia in bocca

Sensazione retro-olfattiva > Richiami a frutta bianca, mela e mandorla

L’abbinamento > Con antipasti di crostacei, creme di verdura, pesci al cartoccio e nella preparazione di salse

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.