Olivo Matto

Ulivi sotto la pioggia

Luigi Caricato

Ulivi sotto la pioggia

Che ne dite di un post letterario quest’oggi, sabato 15 dicembre? Ogni tanto per ricaricarmi ho bisogno di attingere a fonti che restituiscano il piacere della vita. Basta poco, a volte. E’ sufficiente immergersi in qualche autore del passato dimenticato ma che è opportuno riproporre. Non sempre è facile trovare alcuni libri, ma si può essere fortunati in qualche remainders, oppure più agevolmente in biblioteca. Ed ecco perciò l’occasione di riprendere la lettura di Giuseppe Bonaviri, autore nel 1958 del romanzo La contrada degli ulivi. Per la campagna – scrive – non si vedeva a vista d'occhio nessuno, tranne gli ulivi.

Il frumento era di là, nella "pagliarola", entro i sacchi ben chiusi. Per la campagna, a vista d'occhio, non si vedeva nessuno, tranne gli ulivi con le loro grandi ombrelle di rami ricurvi sotto la pioggia che cadeva. Manco compare Iano si vedeva più, chiuso nel suo catoio a pensare ai fatti suoi e al frumento che chissà quando doveva spuntare. Massar'Angelo sospirava e diceva, rivolto alla pioggia: "Avremo lo stesso una cattiva annata. Una cattiva annata".

Giuseppe Bonaviri

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter