Saperi

Frammenti

Un involucro che racchiude una serie di cartelline doppie, di raffinata originalità, ciascuna dotata di propria autonomia. Contengono versi poetici abbinati alle immagini di dodici artisti. È un gioiello di Piero Mastroberardino, prezioso e originale

Ilaria Santomanco

Frammenti

Ricordate la pubblicità della Sperlari degli anni Settanta? “Un cofanetto di caramelle Sperlari non si incarta mai!”, asseriva Gianrico Tedeschi, ammonendo l’incauta commessa che voleva celare il pregiato scrigno in un foglio di carta.
Questa è l’immagine che ha fatto capolino tra i miei ricordi qualche giorno fa, nel ricevere in dono un’elegante confezione, semplice e trasparente, che permetteva di godere immediatamente del suo prezioso contenuto. Un tesoro per l’anima e per gli occhi.

Si chiama Frammenti: l’involucro racchiude una serie di cartelline doppie, di raffinata originalità, ciascuna dotata di propria autonomia. Contengono versi poetici abbinati a immagini. Dodici sono gli artisti che hanno interpretato i testi, realizzando le opere espressamente per questa pubblicazione. Mentre i frammenti non sono legati a una posizione fissa, al centro, marcata da un sottile cordoncino rosso, deve rimanere la poesia, l’unica priva di apparato iconografico e dall’eloquente titolo Solo. Come uno solo è l’autore-poeta di questo gioiello, Piero Mastroberardino.

Di questo vulcanico personaggio si è già parlato a proposito del suo romanzo Giro di vite (QUI).
Impegnato nella produzione vitivinicola nella grande azienda di famiglia, in Irpinia, Piero Mastroberardino è anche professore ordinario di Business Management e da due anni Presidente dell’Istituto del Vino Italiano di Qualità Grandi Marchi. La sua particolare sensibilità lo ha portato a esprimersi con successo nel campo delle arti figurative, esponendo le sue opere in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

L’approccio con la parola scritta, più tardo, mostra fin da subito grande maturità e una personalità non comune. Piero padroneggia con maestria sia le composizioni in versi sciolti, sia la scrittura in prosa.

I frammenti che compongono questo florilegio rivelano un’intensa carica evocativa, che gli artisti, scelti insieme a Maria Savarese, hanno saputo interpretare attraverso la forma a loro più congeniale.
I loro nomi sono: Andrea Aquilanti, Mathelda Balatresi, Cristina Balsotti, Lino Fiorito, Giosetta Fioroni, Alessandro Nocentini, Mikayel Ohanjanyan, Roberto Paci Dalò, Vincenzo Rusciano, Donatella Spaziani, Giuliano Tomaino, Carla Viparelli.

Un’opera preziosa anche per la sua rarità, riservata a un numero limitato di estimatori, solo 330 fortunati.


Piero Mastroberardino
Frammenti
pp. 64
Ilfilodipartenope 2015

In apertura, particolare di una illustrazione di Giosetta Fioroni

Iscriviti alle
newsletter