Saperi

L’olio da olive come cura e benessere del corpo

Che l’olio sia un alimento fondamentale per la nostra dieta, è risaputo. Che le sue proprietà benefiche possono essere fondamentali anche per la pelle e i capelli, attraverso un massaggio o un automassaggio, spesso viene ignorato. Guida essenziale al massaggio con l’olio è un viaggio alla scoperta di questa pratica e ai miglioramenti che apporta al nostro essere e alla nostra mente

Chiara Di Modugno

L’olio da olive come cura e benessere del corpo

Comunque lo si impieghi, l’olio porta con sé infiniti benefici.

Lo sapevano bene i Greci e i Romani, che lo utilizzavano prima e dopo il bagno per proteggere i pori, ma anche per rendere più lucidi e morbidi i capelli.

Oggi, l’uso dell’olio da olive non è più limitato alla cucina e ai fornelli, ma da diversi anni a questa parte è considerato un elemento base di molti prodotti cosmetici, o in generale per la cura del proprio corpo.

Come i massaggi, pratica antichissima che rigenera l’anima e allevia fastidi e dolori.

Imparare a usare l’olio da olive per regalarsi un momento di benessere può rivelarsi più importante di quanto si immagini.

Guida essenziale al massaggio con l’olio, di Maria Carla Squeo e Ivana Sagramoni, è un volume che mette al centro la bellezza che rilasciano le nostre mani, prima impreziosite con un filo di olio, a contatto con le parti del nostro corpo.

Parlo di bellezza perché alcuni movimenti aiutano i nostri tessuti a mantenersi nel tempo e a migliorare, se eseguiti con costanza e pazienza.

Così, la prima parte del libro, è un percorso che ci insegna a prendere confidenza sia con gli oli vegetali impiegati in queste pratiche, perché ognuno ha un compito ben preciso, dal cicatrizzare al purificare, sia con il nostro essere, non solo esteriore.

Spesso ci si dimentica di cosa significhi il benessere del proprio corpo, di tutto ciò che lo compone: dalla parte esposta, quindi fisica, a quella intangibile, che vive dentro di noi.

Attenzioni, delicatezza e amore verso quello che siamo, sono elementi necessari per aiutarci a trovare una dimensione più leggera, al termine delle lunghe giornate lavorative, per riconciliarci con noi stessi.

E questo libro ce lo insegna, per questo, soprattutto per le donne, si rivela una guida fondamentale da avere con sé.

Per raggiungere questo momento sereno e rilassante, gli oli essenziali possono essere degli ottimi compagni, come ci spiega Maria Carla Squeo, art buyer e collaboratrice di Olio Officina.

Il potere del profumo che rilasciano agisce in modo inconsapevole sulla nostra mente e sulla nostra parte più profonda e intima, contribuendo così nel raggiungere quelle piacevoli sensazioni di tranquillità.

L’olio essenziale di basilico, ad esempio, è perfetto per contrastare la stanchezza mentale che può assalire studenti e lavoratori, o chi sta attraversando un periodo particolarmente complesso.

Uno dei miei preferiti, che utilizzavo molto nelle sessioni di studio in università, è l’olio di eucalipto, che favorisce uno stato maggiore di concentrazione.

Gli oli essenziali sono tantissimi, e nel volume potrete incontrare quelli più diffusi.

La seconda parte del volume è a cura di Ivana Sagramoni, massaggiatrice olistica e maestra Reiki, e si apre con una frase che racchiude tutta la delicatezza che possiede chi lavora con il corpo degli altri e chi tratta il proprio come un elemento prezioso, e cita “Il massaggio unisce la persona divisa, mette pace tra la mente, il cuore e il corpo. Protagonista principale è il tocco, che non mente mai. L’olio, in tutto ciò, è l’elemento di congiunzione”.

Da qui si aprono le pagine dedicate ai movimenti che bisogna eseguire per regalarci quella cura di cui abbiamo bisogno.

Si parte dalla testa, dal viso e dal collo e ad accompagnare le descrizioni della maestra Sagramoni, le bellissime, e fondamentali per aiutarci ad avere una idea più concreta dei passaggi, illustrazioni della graphic designer Giulia Serafin.

Nessun angolo del nostro corpo va trascurato.

Dai piedi al nostro volto, vengono spiegati accuratamente i movimenti delle dita, quanta pressione esercitare e quanto occorre soffermarsi in un determinato punto.

Al seno è stata dedicata una sezione speciale. Sono nove le fasi che compongono il massaggio completo, dove ogni movimento va ripetuto per tre volte consecutive, lentamente.

Ogni singolo passaggio corrisponde a un determinato colore che, a sua volta, porta con sé uno specifico significato.

Questo libro è un viaggio all’interno del nostro corpo, della nostra anima.

Non è un volume tecnico, ma tutto viene spiegato in modo impeccabile.

E qui si trova la sua unicità, nell’essere un punto di incontro tra la conoscenza che serve per poter parlare di questi argomenti, e la delicatezza che si trova quando si viene accolti nei centri benessere e in tutti quei luoghi adibiti alla cura della persona.

Qui, di nuovo, rientra anche la visione sempre rivolta al futuro di Olio Officina, che non si pone mai limiti di argomento ma accoglie tutto quello che questo mondo comprende e può offrire.

Non a caso, l’undicesima edizione di Olio Officina Festival ha avuto come tema portante L’olio della bellezza.

Non si possono scindere l’olio e la cura, l’olio e la bellezza, e per questo vanno raccontati come complementari.

E noi, uomini e donne del ventunesimo secolo, non abbiamo inventato nulla.

Ci siamo solo riappropriati di conoscenze che hanno accompagnato lo sviluppo di civiltà che vedevano nell’olio una manifestazione di cura e armonia.

 

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter