Saperi

L’olivo e l’arancio, una storia d’amore

Che rapporto intercorre tra i due alberi? L’arancio è albero maschiaccio che ama il predominio, prepotentemente egoista. L’olivo vanta una imperiale e magica forza di vita. Nessuno se n’accorge, ma nell’anima dell’aranceto, forse anche l’oliva è capace di trasmettere amore. Riflessioni a margine della presentazione del volume Gli agrumi, ultimo libro della collana “Coltura&Cultura” di Bayer CropScience

Enzo Lo Scalzo

L’olivo e l’arancio, una storia d’amore

Nel web troneggia addirittura un blog (QUI) decorato con un serto d’ulivo e arancio. C’è Valeria che commenta: “l'idea di una ghirlanda con rami di ulivo e arancia è bellissima e originale!”).

La domanda è posta, al di fuori della presentazione nell’aula magna dell’Universita di Catania, del volume Gli agrumi della collana “Coltura&Cultura”, al coordinatore del libro, il professor Eugenio Tribulato, del Dispa, il Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agrarie e Alimentari, e al cavalier Filadelfo Scrofani, presidente di Apal, consorzio di produzione dell’Arancia Pigmentata, una OP, organizzazione produttori.

Nel paesaggio siciliano sono frequenti i filari d’ulivo inseriti tra la regolare presenza di aranci nei declivi o nelle radure. Chiedo: cosa combinano olivo e arancio sotto e/o sopra il lenzuolo di humus? Si amano? Hanno rapporti intimi? Da sposi? Da amanti? Con scappatine da week end?

La vite convive generosamente con tanti altri crop, tra cui alcuni fedelmente si accoppiano per l’eternità, scambiando umori e odori sopra e sotto le lenzuola. Questi amori stimolano la ricerca da parte di fini maestri assaggiatori, che se ne approfittano per descriverne i “sentori” che ne distinguono personalità rudi, fini, nobili o popolari...

No, No! L’arancio è albero maschiaccio che ama il predominio, prepotentemente egoista di primissima ricerca d’assorbimento (più che di donazione) dei catalizzatori di qualità dal letto di humus e dall’ambiente, tanto avida è la ricerca di sali, enzimi, calore, freddo e magari anche sentimenti che partecipano alla colorazione sensuale nell’intimità e nell’aspetto delle cellule. Acqua e non altro, è un carrier che condiziona qualità e quantità alla porosità e fertilità del suolo.

La risposta è netta, apparentemente inoppugnabile. L’imperiale e magica forza di vita dell’olivo che riversa essenze e enzimi dall’ambiente al suo frutto e dall’ambiente al terreno assiste con indifferenza alla via di richiamo della presenza fascinosa degli agrumi che concentrano intimi desideri nei fiori e amore aperto del bello nei profumi e colori dei germogli. Per quanto ne sappiamo. Ca c’est la vie d’une orange, che presenta i suoi organi volubilmente anche senza semi...

Da queste premesse ne deriva che la figura di “assaggiatore” non è ancora diffusa e che il certificato a spettro di qualità degli agrumi, dal recente pompelmo al classico citrus Bergamotto di Calabria, lasciano ai maestri profumieri la rara esperienza di accredito della qualità di prodotto, e al singolo consumatore l’apprezzamento della qualità di ciascun frutto.

L’olio essenziale, che si ottiene dalla scorza, è super pregiato e, tra gli agrumi, è il più raffinato, in quanto possiede note calde e fruttate assenti nel limone e nell’arancia.
Il piccolo citrus potrebbe dare occasione di risveglio dal buio di mis-conoscenza, ancora dimenticata generatrice della medicina alternativa moderna, tra cui la cronoterapia.

Il colore verde intenso e le qualità del bergamotto sono notissime in cromoterapia, per l’azione sul sistema nervoso come tonico e come calmante. Miracoloso. Fumigato nei luoghi di lavoro e studio favorisce una “concentrazione distesa”, purifica l’aria e ridurrebbe il desiderio di fumare.

Accedere a green e red in: QUI.

E’ molto più di un amante incognito questo giovanile bergamotto cugino dell’olio, succo del frutto dell’oliva. Nessuno se n’accorge, ma nell’anima dell’aranceto, forse anche l’oliva è capace di trasmettere amore oltre che pace ai frutti che colorano con il sangue la bontà di un’arancia dolce!

La foto è di Luigi Caricato

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter