Saperi

La maggior parte di ciò che ci uccide? Troppo piccolo per essere notato

Quando si pronuncia la parola scienza, occorre essere consapevoli del suo significato reale ed evitare di cadere in ciò che troppo spesso viene usurpato o mistificato. Così, per non dimenticare, rievochiamo le discussioni con il premio Nobel per la chimica Kary Mullis intorno agli aspetti immunitari del nostro organismo di fronte alle invasioni batteriche e virali. Il combattimento cellula contro cellula, le interazioni molecola contro molecola, sono il luogo in cui viviamo o moriamo in quest’epoca

Massimo Cocchi

La maggior parte di ciò che ci uccide? Troppo piccolo per essere notato

Correva l’anno 2007, uno dei tanti anni nei quali con l’amico Kary trascorrevamo un paio di settimane rincorrendo le bellezze italiane, il buon vino e il buon cibo.

Kary era innamorato di questi periodi che non erano, poi, solo dedicati al piacere gastronomico ma anche al piacere conoscitivo e a lunghe discussioni su argomenti scientifici.

Un giorno mi raccontò dell’argomento sul quale si era messo a lavorare una volta esaurita “l’ubriacatura del Nobel” del 1993, precisamente, gli aspetti immunitari del nostro organismo di fronte alle invasioni batteriche e, perché no, aggiunse, anche virali.

Su questi argomenti stava lavorando come sempre supportato dalla sua straordinaria capacità intuitiva.

Non era la prima volta che ci scambiavamo informazioni su tovaglioli di carta, dovunque fossimo.

Kary Mullis (a sinistra) con Massimo Cocchi

Non voglio fare commenti al testo che segue, qualunque persona con un minimo di capacità intellettiva può capirne, se non l’aspetto tecnico, l’aspetto etico. E quando si pronuncia, come spesso accade, la parola Scienza, bisogna essere consapevoli del significato reale di questa parola che troppo spesso viene usurpato o mistificato.

Lettura personale di Kary Mullis a Massimo Cocchi sulla nuova scoperta relativa al problema immunitario

Malattia umana

Kary B. Mullis, 12 settembre 2007

I punti di svolta in medicina tendono a essere poco appariscenti all'inizio. Grandi cambiamenti si insinuano sempre nelle persone.

Le prime fasi dei grandi progressi non vengono mai annunciate o addirittura notate. Passano anni o decenni prima che le cose che domineranno un campo siano ovvie agli osservatori attenti. Gli investitori di successo sono fortunati o preveggenti.

Altermune è un netto cambiamento di direzione per il trattamento medico di infezioni microbiche, disordini metabolici, cancro, qualsiasi numero di problemi in cui le procedure chirurgiche sono troppo rozze, gli attuali interventi chimici stanno perdendo contro i ceppi resistenti, eppure un qualche tipo di intervento molecolare è necessario e ha ancora senso.

Il sistema immunitario dei vertebrati si è evoluto per affrontare i problemi molecolari e dell'organismo. La maggior parte di ciò che ci uccide è troppo piccolo per essere notato a occhi aperti. Il combattimento cellula contro cellula, le interazioni molecola contro molecola sono il luogo in cui viviamo o moriamo in questa epoca. I grandi animali, anche gli umani, non sono un nostro problema.

Il nostro sistema immunitario si è comportato in modo notevole mentre la nostra popolazione è cresciuta immensamente e la matematica delle malattie infettive da sola, ignorando per il momento il cancro e i disordini metabolici associati all'abbondanza di cibo malsano, non favorisce numericamente le specie di successo.

Questo è ragionevole, perché la biologia è squisitamente equilibrata. Ma non mi interessa vedere la mia prole finire prematuramente davanti ai miei occhi. Le malattie infettive sono quindi qualcosa a cui penso.

Nel 1917-1918, l'influenza fece crollare un particolare miscuglio, non i neonati o i vecchissimi, ma i giovani e i forti. Non sappiamo esattamente perché. Possiamo speculare sulle immunità, ma diventa ovvio piuttosto rapidamente che non sappiamo perché. E la prossima volta potrebbe essere lo stesso o potrebbe essere il contrario. Non lo sappiamo, ma possiamo ragionevolmente aspettarci che ci sarà una prossima volta. Quando i microbi diventano un disastro, nessuno sa subito perché o cosa fare. Di solito è una risposta sciocca che le persone prendono quando il loro numero è drasticamente ridotto da cose invisibili.

Pensiamo di sapere qualcosa solo ora. Spero che lo faremo.

Altermune è una possibilità. Gli esseri umani hanno questo sistema di immunità, che riconosce nuove strutture, possibili problemi, nei nostri fluidi. È sovraccarico di lavoro. Troppi di noi stanno passando troppe cose in giro e il pianeta si è praticamente ridotto alle dimensioni della portata giornaliera di un 747.

Abbiamo lentamente sviluppato la chimica, l'arte di trattare, usando strumenti che escogitiamo, con cose che sono troppo piccole per noi da vedere. Hanno carichi più e meno su di loro che non possiamo sentire; hanno punti lipidici su di loro troppo piccoli per noi per notarli e hanno aree che amano l'acqua troppo piccole per noi per vedere le goccioline lipidiche che gocciolano sull'acqua. I microbi hanno bisogno di tutte queste cose, tipi specifici di esse, per sopravvivere, e nessuna di esse va oltre lo scopo dei nostri strumenti. Nessuno di loro è al di fuori della portata dei nostri strumenti sintetici. Questo è il nostro vantaggio. Proprio in quest'ultimo secolo abbiamo imparato a conoscere queste cose nello stesso modo in cui conoscevamo giavellotti e spade.

Ecco cos'è la chimica: non solo flaconi di sostanze dai nomi esotici, anche se tutti i veri chimici le adorano loro unitamente ai loro preziosi odori; è la familiarità con il molto piccolo, il regno dei microbi. Questa è la chimica che abbiamo iniziato a conoscere nel secolo scorso. E giusto in tempo.

Abbiamo un sistema immunitario che ci ha preceduto qui. È una cosa nobile. Siamo creature in piedi con cervello e braccia, non pozze informi di poltiglia microbica, grazie a quel sistema. Ci ha mantenuto intatti nonostante la nostra netta somiglianza con il cibo universale.

Quel sistema potrebbe aver bisogno di aiuto ora. Ricorda i getti e le masse in crescita.

Il modo in cui possiamo aiutare è semplice. Abbiamo enormemente aumentato la velocità con cui il nostro sistema immunitario deve affrontare cose nuove. Forse solo per fortuna o per destino, ora siamo in possesso di cose come spettroscopia di risonanza magnetica nucleare, microscopi elettronici, sequenziatori di proteine e acidi nucleici, reagenti chimici di abbagliante complessità e la moltitudine di noi ora diventa un vantaggio. Ci sono molti chimici nel mondo. Comunichiamo elettronicamente alla velocità della luce utilizzando i satelliti; siamo una forza da non sottovalutare.

Come possiamo aiutare il nostro sistema immunitario?

Dona ai suoi anticorpi braccia bioniche. Esatto, piccole estensioni chimiche che consentono a un vecchio anticorpo di fare nuovi trucchi. Questo è quello che dobbiamo fare, e possiamo, e infatti, lo abbiamo. Altermune, LLC, in collaborazione con Biosearch a Novato, CA, questa estate, ha messo a punto alcuni anticorpi il cui compito era quello di legarsi a qualcosa chiamato galattosio-alfa-1,3-galattosil-beta-1,4-N-acetil glucosamina, con nuove braccia bioniche, sintetizzate su un Applied Biosystems ABI 3900, braccia che possono afferrare saldamente un virione influenzale, scuoterlo un po' per dare enfasi e consegnarlo a un macrofago umano affamato per un'ulteriore elaborazione. Il cambiamento è stato realizzato con un farmaco. Non c'è bisogno di inviare gli anticorpi alla fabbrica. I virus non hanno mai visto arrivare l'ABI 3900. Come studente di chimica alla Georgia Tech nel 1966 nemmeno io, ma ci sono molti miracoli nel 21° secolo che nessuno aveva previsto.

Cos'altro possiamo fare con questo sistema oltre a curare l'influenza? Ci sono batteri come il famoso E. coli là fuori che hanno imparato a superare in astuzia i nostri amati antibiotici. Dobbiamo occuparci di loro e dei ceppi resistenti di Staphylococcus aureus, che possono farti marcire davanti ai tuoi medici e alla tua famiglia nei migliori ospedali. E altri batteri resistenti sono in aumento. Nessuna sorpresa. La resistenza agli antibiotici era già presente nel mondo quando Alexander Fleming scoprì la penicillina in Inghilterra nel 1929. Il suo consigliere, Almroth Wright, predisse la resistenza agli antibiotici prima ancora che fosse notata sperimentalmente. Dopotutto, Fleming aveva solo preso in prestito la penicillina da una muffa, usata per uccidere i batteri da almeno cento milioni di anni. Alcuni batteri avevano inventato un antidoto, la penicillinasi, che nel 1929 nessuno sapeva fosse codificata su un plasmide che poteva essere trasferito da batterio a batterio secondo necessità. Ma ci sono voluti solo circa cinquant'anni prima che l'enzima fosse trasferito a un batterio con un gusto per il sangue caldo.

La storia è più o meno la stessa per tutti i nostri antibiotici.

Dobbiamo farcela da soli partendo da principi, da nuovi composti che non sono mai stati visti su questo pianeta. È il metodo Altermune, sfruttando la capacità evolutiva del nostro sistema immunitario di uccidere i microrganismi una volta che la loro struttura li ha identificati come nemici, che sta sviluppando il processo di costruzione di braccia bioniche per gli anticorpi, che una volta identificato il microrganismo offensivo, può afferrarlo. Il processo è già rapido ed efficiente, e lo è in modo sorprendente per i microbi, che sono abituati al lento avanzamento della biologia e non sanno nulla della risonanza magnetica nucleare o della spettroscopia di massa ad alta risoluzione.

Massimo Cocchi (a sinsitra) con Kary Mullis

In apertura, foto di Olio Officina

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter