Saperi

Quando l’olio è anche fonte di luce

Buone letture. Avete mai pensato al connubio tra luce e olio? Sono due elementi imprescindibili, dove nel volume Luce e olio tra antico e moderno se ne comprende la profondità del loro legame. Il valore dell’olio è innegabile, qualunque sia, o sia stato, il suo impiego nella storia, e in questa pubblicazione ci si trova davanti a molti lati e aspetti che, spesso, non vengono percepiti o compresi

Maria Carla Squeo

Quando l’olio è anche fonte di luce

È una pubblicazione a più voci, di cui è autore e curatore Custode Silvio Fioriello, responsabile dell’unità di ricerca dell’Università di Bari.

Tanti i coautori, quindici in tutto, dei quali segnaliamo in particolare Antonio Monte, che scrive sui trappeti ipogei in Terra d’Otranto, una vasta area a sud della Puglia che è stata capitale commerciale di punta in passato, per diversi secoli, per l’olio lampante destinato all’illuminazione o ad altri impieghi non alimentari, un olio che, non dimentichiamo, ha prodotto tanta ricchezza nel territorio e che aveva un valore indiscutibile che andava oltre l’aspetto meramente economico.

Un altro autore che segnaliamo è Salvatore Camposeo, il quale ha esaminato i percorsi agronomici ed elaiotecnici che vanno dall’XI al XXI secolo e che segnano il passaggio dall’olio “lampante” all’olio “fino”.

La luce e l’olio sono due elementi imprescindibili e con questo volume si offre una preziosa lettura in prospettiva storico-archeologica, in grado di esaminare il tema della luce in un’ottica interdisciplinare.

Al centro dell’attenzione di questa raccolta di saggi è l’olio ricavato dalle olive, ritenuto “combustibile d’elezione mediterranea nella tradizione plurimillenaria dei dispositivi per l’illuminazione artificiale”, anche se di fatto a tale operazione concorrono molti altri grassi, utilizzati allo scopo, seppure tra tutti a vincere è l’olio da olive.

Ed ecco allora le lucerne, oggetti che per secoli hanno consentito di dare luce artificiale agli ambienti in cui vivevano e operavano le varie comunità.

L’illuminazione non era soltanto una mera esigenza dettata dalla necessità di non stare al buio: “Dire luce è dire vita”, scrive nel suo saggio Carmela Minenna. “Dire luce è dire uomo.

Dire luce è dire la percezione che l’uomo ha della vita. Perché la luce è anche il filtro della conoscenza”.

Si comprende dunque bene, in quest’ordine di idee, quanto il nesso tra luce e olio sia stato alquanto profondo e abbia avuto una centralità significativa, soprattutto nel periodo tra antichità e mondo moderno.

Il libro mette in evidenza il valore dell’olio e ci apre ad aspetti che in molti di fatto ignorano, motivo per il quale ne consigliamo la lettura.

Custode Silvio Fioriello, Luce e olio tra antico e moderno, Edipuglia, Bari-Santo Spirito 2021, pp. 256 , euro 60

Questa recensione è possibile leggerla sul numero 26 del mensile Oliocentrico, la rivista edita da Olio Officina

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.