Saperi

Quanta forza può esserci in una donna che cerca il proprio posto nel mondo

Libri per l'estate 2022.Due libri molto diversi tra di loro: Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin e L’acqua del lago non è mai dolce di Giulia Caminito, ma che parlano di due donne, profondamente opposte, ma con la stessa identica voglia di affermare se stesse e ciò che per loro conta

Adele Bonaro

Quanta forza può esserci in una donna che cerca il proprio posto nel mondo

Cambiare l'acqua ai fiori (Edizioni e/o)

Di Valérie Perrin è la storia della vita di Violette, una bambina abbandonata e mai adottata da nessuno del suo desiderio di arrivare ad una “casa”, del suo rapporto con il marito e dell’amore assoluto per la figlia. È un libro che svela, pagina dopo pagina, i suoi personaggi, mostrando vari lati della loro personalità e arricchendone i contorni, le sfumature e anche il giudizio che il lettore si fa di ognuno di loro man mano che prosegue nella lettura. Sullo sfondo il cimitero in cui Violette lavora, come guardiana.

L'acqua del lago non è mai dolce (Bompiani)

Di Giulia Caminito è una storia amara, tra due generazioni di donne. Intanto quella Antonia, la mamma della protagonista, una donna fiera, senza speranze e senza possibilità, ma con un grande senso morale, che nonostante i suoi mezzi limitati cerca e si impegna a fare sempre la cosa giusta, imponendo le sue regole a tutta la famiglia, ed in particolare alla figlia, Gaia, la protagonista e voce narrante di questa storia. Trovo romantica e vera la figura di Gaia che cerca di trovare una propria dimensione, tra i rigidi dettami della madre, un mondo esterno duro che la deride e ferisce e la voglia di affermare sé stessa, al di sopra di ogni cosa, nel bene e nel male.

LEGGI ANCHE

Marco Lanterna: TUTTA LA FILOSOFIA, E NON SOLO, DI CUI ABBIAMO BISOGNO

Alfonso Pascale: SIAMO TUTTI COSÌ FRAGILI

Maria Carla Squeo: UN ROMANZO, UN CORPUS POETICO E UN LIBRO PER STARE BENE CON SE STESSI 

Chiara Di Modugno: QUANTO PESANO, ALLA FINE, I SEGRETI?

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter