Saperi

Xylella fastidiosa, il documento

Ed ecco le linee guida di riferimento destinate alle aziende colpite dallo stato di emergenza. Le indicazioni sono utili anche a coloro che, trovandosi nello stesso areale, sono chiamati ad adottare misure preventive per evitare che gli olivi si infettino

Olio Officina

Xylella fastidiosa, il documento

E così, dopo tanta comprensibile attesa, l'Ufficio Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia, in collaborazione con le Istituzioni scientifiche, le Organizzazioni del settore agricolo, gli Ordini professionali, le Amministrazioni locali e le Strutture regionali e provinciali della regione, ha elaborato le linee guida con il dichiarato scopo di fornire indicazioni operative per la prevenzione e il contenimento della diffusione del batterio sia alle aziende colpite dall’'emergenza della Xylella fastidiosa sia alle aziende che, trovandosi nell'’area contaminata, sono a rischio e devono adottare misure preventive per evitare di essere infettate.

Il documento, oltre ad integrarsi con le misure e le azioni previste nelle disposizioni normative emanate dalla Regione, dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e dalla Commissione Europea, tiene conto delle conoscenze scientifiche sinora acquisite sulla Xylella fastidiosa, mettendo in risalto gli aspetti tecnici da attuare sul territorio al fine di evitarne la diffusione.

La gestione fitosanitaria, inoltre, mira anche al contenimento ed eliminazione di altri parassiti che determinano il "Complesso del disseccamento rapido dell'olivo". Le linee guida rappresentano un utile strumento che contempla oltre alle pratiche fitosanitarie anche pratiche agronomiche ritenute fondamentali per prevenire le infezioni di Xylella fastidiosa, come le lavorazioni del terreno e le potature. Vengono evidenziate anche precauzioni che possono interessare chiunque sosti o frequenti i siti infetti, al fine di evitare movimentazione accidentale di insetti vettori o vegetali infetti.

SCARICA IL DOCUMENTO QUI

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter