Visioni

Il rapporto tra etica e impresa

Alfonso Pascale

Quando, il 23 aprile 1955, parla agli operai di Pozzuoli in occasione dell’apertura di una nuova fabbrica, Adriano Olivetti si chiede: “Può l’industria avere dei fini? Vanno essi ricercati soltanto nell’entità dei profitti o non vi è nella vita della fabbrica anche un ideale, un destino, una vocazione?”.

Per l’imprenditore di Ivrea la risposta a questa domanda era scontata e su tale consapevolezza fondò il Movimento di Comunità che venne combattuto aspramente dal mondo politico e imprenditoriale dell’epoca. Ma la coscienza che in un’impresa debba esserci un ideale, una missione, una vocazione si è andata estendendo. E in Confindustria il rapporto tra etica e impresa è oggi finalmente materia di riflessione e di iniziativa concreta, come dimostra l’udienza in Vaticano del 27 febbraio scorso.

Si apre la prospettiva di un allargamento della multi-idealità dell’impresa? Vedremo. Il tema è posto da tempo.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.