Visioni

La solita salsa

Massimo Occhinegro

Qualche tempo fa qui in Italia, ero in compagnia di un amico giapponese in un ristorante.
Ci era stata servita un'insalata e il mio commensale mi aveva chiesto della salsa di soia.
Prontamente ne avevo fatto richiesta al cameriere il quale me ne aveva portata una bottiglia a nome Kikkoman, marca molto diffusa nel nostro Paese.
L'amico giapponese l'aveva osservata, ma non l'aveva usata.

Incuriosito, gli chiesi come mai e lui in confidenza mi riferì - "quella è salsa di soia, ma è commerciale e preferisco non usarla perché mi rovinerebbe l'insalata".

Ecco a cosa porta la mancanza di cultura di prodotto - pensai - per me una salsa di soia vale l'altra, si tratta sempre di salsa di soia!

La stessa cosa accade per l'olio extra vergine di oliva. I vari soggetti si arrovellano per modificare insistentemente le leggi, per la cui comprensione ci vorrebbe un "azzeccagarbugli", perdendo di vista il "nocciolo" del problema: la mancanza della diffusione della cultura di prodotto.

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter