Visioni

Oltre il limite ragionevole

Alfonso Pascale

Alla fine degli anni ’70, Manlio Rossi-Doria firmò una illuminante prefazione al Quaderno della Cassa per il Mezzogiorno dedicato al Progetto speciale Aree Interne. Dopo aver messo in guardia i decisori pubblici dai due pericoli sempre in agguato in ogni politica di programmazione, la burocratizzazione e la politicizzazione, lo studioso si sofferma sul terzo pericolo: il dirigismo.

“Una politica come quella proposta richiede, per ogni zona elementare, una preparazione accurata e una chiara coscienza della natura e dei limiti degli interventi programmati. Occorrono tempo e riflessione per individuarne e studiarne i problemi, per valutarne le connessioni e le priorità e per indicare e definire le linee di azione, ma occorre principalmente tener presente che i risultati, ai quali si mira, più che dei programmi saranno il frutto del libero e in parte imprevedibile adattamento ad essi da parte dei singoli. Se pertanto nel programmare ci si spinge oltre il limite ragionevole, sino a voler prevedere ogni fase e ogni aspetto del processo, si incorre, appunto, nel pericolo del dirigismo. In tal caso anziché promuovere, si ostacoleranno le azioni spontanee, alle quali principalmente si deve mirare, e le conseguenze saranno di lasciare molte cose sulla carta, di essere smentiti dai fatti, di perdere credito e di dare spazio ai due pericoli rilevati precedentemente”.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.