Visioni

Pensare e fare domande

Daniela Marcheschi

La Nato è un Paese sovrano o una alleanza militare fra liberi stati sovrani? E l’Europa in che modo è sovrana? E la Russia, non è parte dell’Europa?

L’Ucraina, parte dell’Europa, ha ragione da vendere, ma a chi giova non insistere per trattare, cioè per fare tutti insieme un riesame delle proprie posizioni e pensare una nuova Europa?

Biden sembra pensare non agli Usa insieme con l’Europa, ma agli Usa al di sopra dell’Europa. Putin è pure rimasto al 1945. E anche lui pensa la Nato come uno stato sovrano…

E dov’è l’Italia, che ha per prima pensato l’Europa di nazioni democratiche e sorelle, grazie a Giuseppe Mazzini e a Vincenzo Gioberti, bistrattato per due anni di neoguelfismo, presto abbandonato per ben altro concetto di “primato”, che però continuiamo a raccontare attraverso le distorsioni fasciste (ma si studia o si chiacchiera?)?

L’Italia ha lasciato sola Emma Bonino, che a Bruxelles, e non solo, invocava gli Stati Uniti d’Europa; ha abbandonato a Bruxelles un bel po’ di commissioni, l’ufficio brevetti, ecc. Ha “dismesso” un pensiero politico propositivo e costruttivo, lasciando l’Europa in mano a chi non ha la nostra lunga tradizione di pensiero europea ed europeistica, agli interessi tedeschi e francesi, agli affaristi, ecc. ecc.

In un contesto di discussione politica in cui prevalgono bulli, sceriffi, cinici e violenti di vario genere, l’unico lucido e determinato alla pace sembra solo il Papa, che potrebbe essere il mediatore ideale, come Giovanni XXIII lo fu durante la crisi di Cuba.

TAG: ,

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.