Economia

Azioni mirate e nuovi interventi per il settore olivicolo

La Spagna ha avviato un nuovo progetto volto al riconoscimento delle organizzazioni di produttori e delle loro associazioni nel settore olivicolo. Lo scopo è quello di rendere maggiormente competitive e redditizie queste realtà, affrontando le debolezze attuali tramite i sostegni economici che l’Unione europea ha messo a disposizione del settore agroalimentare

Olio Officina

Azioni mirate e nuovi interventi per il settore olivicolo

Il Ministero dell’agricoltura ha iniziato la procedura di consultazione pubblica per il progetto del regio decreto per il riconoscimento delle organizzazioni di produttori e delle loro associazioni nel settore olivicolo.

Questo permetterà di approfittare delle nuove opportunità offerte dalla normativa comunitaria per migliorare la redditività, la competitività e la sostenibilità ambientale del settore olivicolo spagnolo attraverso una serie di azioni che le organizzazioni possono realizzare tra quelle incluse nel regolamento sull’organizzazione comune del mercato dei prodotti agricoli.

Queste misure possono essere mirate ad affrontare le debolezze di questo settore, rilevate nel lavoro di diagnosi e analisi realizzato per la preparazione del Piano Strategico della Pac (2023-2027), soprattutto per aumentare la dimensione economica e sociale delle aziende olivicole, e quindi migliorare il loro importante contributo al tessuto delle zone rurali in cui si trovano.

Le organizzazioni del settore saranno anche ammissibili al sostegno nell’ambito del futuro intervento settoriale per gli oliveti tradizionali, che la Spagna ha deciso di attuare, con un budget di 30 milioni di euro all’anno.

Questo sostegno permetterà di migliorare le aziende attraverso azioni collettive per contribuire ad aumentare la redditività e la vitalità di questo tipo di aziende tradizionali.

Il progetto del regio decreto sarà oggetto di informazione pubblica dal 9 febbraio al 1° marzo 2022 ed è disponibile cliccando QUI.

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.