Economia

Consumare olio buono conviene

L'estero docet. La chiave di volta è favorire le opportunità di dialogo tra Horeca, produttori e consumatori. Aggiornamenti da Olio Officina Food Festival

Monica Sommacampagna

Consumare olio buono conviene

Più che uno slogan un dato di fatto. L’olio di qualità oggi costituisce infatti un investimento solo per i benefici nutrizionali e salutistici riconosciuti a questo alimento ma anche per qualificare ulteriormente l’offerta della ristorazione in Italia e nel mondo.

“L’olio, più che un costo, deve essere valutato come una reale opportunità economica” ha spiegato Luigi Caricato, autore di 31 libri specializzati sull’olio, a Olio Officina Food Festival. Chi apprezza una tipologia o un marchio al ristorante apprendendone le peculiarità non solo è disposto a spendere di più ma acquisisce conoscenze preziose che lo orientano nella scelta del prodotto anche per il consumo a casa”.

Al canale Ho.re.ca, quindi, l’importante compito di veicolare attraverso il menù e il servizio quello che oggi non può essere semplicemente considerato un mero condimento ma rappresenta un ingrediente a pieno titolo nella cucina italiana. L’estero docet. Nonostante la crescita indiscussa del livello qualitativo nella produzione e distribuzione dell’olio nazionale, spetta all’America il primato nella valorizzazione delle diverse tipologie al ristorante, con degustazioni finger food o proposte di abbinamenti prima della scelta dei piatti in carta. Ma anche l’Italia sta muovendo i primi passi, integrando marketing e comunicazione. La chiave di volta è favorire le opportunità di dialogo tra Horeca, produttori e consumatori.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.