Economia

Cosa succede sul fronte dei consumi di oli da olive nel mondo?

Nel 2020, il Consiglio oleicolo internazionale ha deciso di avviare uno studio sul comportamento dei consumatori per analizzare il consumo di oli da olive. C'è da osservare che nei Paesi aderenti al Coi i consumi hanno effettivamente subito significative variazioni in volume e per gruppi di paesi nel corso degli ultimi anni

Olio Officina

Cosa succede sul fronte dei consumi di oli da olive nel mondo?

Il Segretariato esecutivo del Coi attraverso la sua Unità “Economia e promozione” compie degli studi di mercato e sviluppa delle analisi economiche e dei lavori statistici incentrati sul settore dell’olio da olive, nonché su quello delle olive da tavola. Tali studi sono richiesti espressamente dai Paesi membri del Consiglio oleicolo internazionale, al fine di analizzare il consumo di olio da olive nei rispettivi paesi membri.

C’è da osservare che i cambiamenti nel consumo mondiale sono quasi raddoppiati dal 1990/91.

La caratteristica principale di questa evoluzione è la crescita del consumo nei paesi non aderenti al Coi, consumo che è aumentato costantemente nei decenni precedenti dal 14 al 30% del consumo mondiale.

Per contro, il consumo nell’ambito dell’Unione Europea, ha registrato una tendenza al ribasso a partire dalla campagna 2004/2005, passando da circa il 70% del totale mondiale nel 2004/2005 a circa il 50% attuale.

Così, da quando il consumo degli oli da olive è iniziato a diminuire nell’UE, ha registrato invece un incremento nel resto del mondo.

Distribuzione del consumo di olio d’oliva

Per questo motivo, lo studio sul comportamento dei consumatori è stato ritenuto necessario per analizzare le variabili coinvolte nel consumo e capire cosa ne ha causato il declino in alcuni paesi.

Lo studio consisterà in una revisione di tutte le informazioni pubblicate fino ad oggi sul consumo di oli e grassi sia a livello nazionale, sia internazionale, e nell’analisi di informazioni secondarie provenienti da fonti pubbliche e private.

Gli obiettivi dello studio sono molteplici.

Un primo obiettivo consiste nell’analizzare i cambiamenti e le tendenze nel consumo di oli da olive nei paesi membri del Coi rispetto ad altri oli e grassi commestibili per determinare se il consumo è diminuito solo per gli oli da olive o se si è verificata una riduzione complessiva del consumo di grassi. Per quanto possibile, l’analisi sarà effettuata in base alle varie categorie merceologiche: olio extra vergine di oliva, olio di oliva vergine, olio di oliva. Saranno inoltre esaminati i fattori di cambiamento delle abitudini alimentari, in particolare quelli che incidono sui modelli di consumo.

Altro obiettivo dello studio è analizzare il comportamento dei consumatori nei confronti degli oli e dei grassi commestibili in generale, e dell’olio da olive in particolare, nei paesi membri del Coi, in modo da determinare:

  • l’uso domestico dell’olio d’oliva (famiglie consumatrici, famiglie non consumatrici, famiglie che utilizzano esclusivamente olio d’oliva, famiglie che utilizzano sia olio d’oliva che olio di girasole, ecc.);
  • i motivi per non utilizzare gli oli da olive;
  • gli oli e grassi utilizzati secondo gli obiettivi (frittura, condimento per insalata, frittura, cottura al forno, stufatura, eccetera);
  • le ragioni per acquistare o utilizzare oli e grassi per ogni scopo;
  • l’immagine o la percezione degli oli da olive in funzione delle qualità o dei vantaggi ricercati nell’acquisto/consumo (prezzo, qualità, salute, ambiente, gusto, ecc.);
  • i punti vendita e le condizioni di acquisto, l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • le marche;
  • il livello di conoscenza delle diverse tipologie di oli da olive in commercio;
  • le fonti di informazione sugli alimenti in generale e sull’olio da olive in particolare;
  • la sensibilità del consumatore al prezzo, e quanto è disposto a pagare;
  • i segmenti di mercato secondo variabili sociodemografiche e psicografiche;
  • l’intenzione di riacquistare quando il consumatore ha smesso di acquistare petrolio.

Lo studio, in corso per l’anno 2020, ha riguardato Spagna, Italia e Grecia, paesi in cui i consumi sono diminuiti drasticamente.

Nel 2021 lo studio ha compreso Argentina, Egitto, Tunisia e Giordania.

Nel 2022 lo studio sarà completato e verranno studiati altri paesi.

Ulteriori informazioni saranno prossimamente rese note dal Consiglio oleicolo internazionale.

TAG: ,

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.