Economia

Dop Terra di Bari e Gdo

L'indagine sul canale della Distribuzione Organizzata mette in luce le dinamiche dei mercati. Qualità e tipicità sfidano la congiuntura sfavorevole. La Dop pugliese per quantità e rapporto qualità/prezzo è la sola a poter essere fornita in maniera continuativa

Olio Officina

Dop Terra di Bari e Gdo

Riportiamo a beneficio dei lettori la sintesi di quanto emerso da una ricerca realizzata dal Consorzio Puglia Natura a partire dagli extra vergini a marchio Dop Terra di Bari. Si ringrazia per la gentile collaborazione Laura Bellomo, di Assoproli.

Gli oli extra vergini a Dop della Terra di Bari continuano a sfidare i mercati internazionali, con buone performance, soprattutto in Europa e nei nuovi grandi mercati emergenti, dal Brasile alla Cina. Migliaia di ettari dedicati, decine di Migliaia di addetti diretti ed indiretti, milioni di bottiglie commercializzate, di cui circa l’80% all’estero, fanno dell’olio extravergine a Dop Terra di Bari un volano economico, sociale ed ambientale unico e irrinunciabile in Puglia. Un risultato che resta straordinario, se si considera la crisi che morde tutti i comparti e la polverizzazione dell’offerta.

Differente la situazione sul mercato interno, che sconta la crisi dei consumi e lo spostamento degli stessi su fasce di prezzo (e qualità inferiori). in Italia gli oli a Dop della Terra di Bari si confermano come quelli a minor costo per il cliente finale, in tutto il paese, contendendosi il primato produttivo con la Igp Toscano, insieme alla quale rappresenta i due terzi dell’intero volume di vendita delle oltre 50 Dop esistenti nel comparto oleicolo italiano. un prodotto buono e certificato per tutte le tasche.

Molto però può essere ancora fatto: l’olio a Dop Terra di Bari ha potenzialità uniche nel comparto proprio perché, per quantità e rapporto qualità/prezzo, è praticamente il solo a poter essere fornito in maniera continuativa nella Grande Distribuzione e nella Distribuzione Organizzata.

L’indagine, realizzata dal Consorzio Puglia Natura, sul canale della Distribuzione Organizzata – che in Italia rappresenta, per capillarità e volume d’affari, il più importante canale del settore food, è stata focalizzata sulle abitudini d’acquisto rispetto al canale distributivo, gusto, formati, prezzi medi al consumo, tendenze, qualità offerta.

La ricerca, giunta alla terza edizione, fornisce alle aziende oleicole indicazioni e strumenti di conoscenza necessari per pianificare un’efficace strategia di marketing e comunicazione, dando continuità e maggior valore a quella già realizzati negli anni passati. Le città oggetto dell’indagine sono Bari, Milano, Matera e Civitanova. L’indagine è articolata in 4 fasi: merchandising e prelievo campioni; valutazione della conformità rispetto al packaging e alle informazioni obbligatorie e volontarie in etichetta; analisi sensoriale; analisi chimica.

Con questo lavoro, oltre a dare indicazioni utili al mondo della produzione, si intende soprattutto tutelare il consumatore, anche segnalando eventuali comportamenti erronei o scorretti e contribuendo al tempo stesso a valorizzare le migliori produzioni, sia in termini assoluti che di rapporto qualità/prezzo. Si Intende, in particolare, fornire informazioni certe e analitiche sui prezzi al consumo e sulla qualità intrinseca degli oli a Dop “Terra di Bari”.

I risultati dell’indagine mostrano un’Italia divisa in due: più si scende, da nord a sud, minore è lo spazio dedicato, l’ampiezza della gamma e il prezzo sullo scaffale degli oli a Dop: si passa dalle decine di diverse bottiglie a Dop esposte nei supermercati di Milano, il cui formato preferito è quello da 750 ml, alla quasi totale assenza di oli a Dop rilevata a Matera. E in termini di prezzo, a Bari rispetto a Milano, a parità di etichetta, si può anche spendere la metà.

Quest’anno, emulando il Giro d’Italia, l’indagine sullo scaffale ha sconfinato fino in Albania e in Repubblica di Macedonia. “Si tratta di una prima indagine sperimentale” ha detto il Presidente di Assoproli Bari Francesco Guglielmi “con la quale vogliamo valutare e monitorare mercati vicini che, seppur di modeste dimensioni, per abitudini alimentari e stili di vita possono essere molti interessanti per i nostri produttori. E le prime indicazioni appaiono molto interessanti”.

I campioni rilevati sono stati acquistati e sottoposti a panel test, la prova di assaggio effettuata da assaggiatori esperti e riconosciuta dalla UE, e ad analisi chimiche, presso un laboratorio accreditato: i risultati, per tutti i campioni analizzati, sono buoni, a conferma della crescente attenzione dei produttori dell’olio Dop e dei risultati raggiunti dagli enti preposti al controllo. “Il prodotto c’è” conclude Guglielmi “ora concentriamoci per portarlo sulle tavole di tutto il mondo”.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.