Economia

In Spagna? Gli oli extra vergini devono essere maggiormente tutelati

I risultati del rapporto Authenticity Study 2020 hanno stabilito che tutti gli oli da olive prodotti nel Paese iberico sono conformi alle norme vigenti. Per migliorare il settore, e l’immagine stessa degli aceites de oliva, occorre procedere adottando meccanismi di autocontrollo certificati, con lo scopo di valutarne la conformità. I consumatori percepirebbero un maggiore impegno da parte dell’azienda, tradotto quindi in fiducia e nella conseguente scelta d’acquisto

Olio Officina

In Spagna? Gli oli extra vergini devono essere maggiormente tutelati

Lo studio sugli oli da olive spagnoli è stato coordinato da Juan Vilar Consultores Estratégicos, e hanno partecipato aziende di rinomato prestigio, come Sgs, Ec2ce e Eurofins Analityc.

I dati ottenuti indicano che gli oli spagnoli, prodotti e commerciati, sono conformi alle norme alimentari vigenti.

Questa conclusione arriva in un momento di piena espansione del settore primario, compresa l’agroindustria, dove il ritmo di modernizzazione, innovazione e investimento ha accelerato negli ultimi tempi, sia con l’origine di capitale proprio che esterno, essendo uno dei settori più competitivi.

Il comparto inerente alla lavorazione dell’olio da olive è tra i più strategici.

Al suo costante miglioramento hanno contribuito, oltre al settore agroalimentare stesso, iniziative governative come il Regio Decreto 760/2021, del 31 agosto, che ha approvato la norma di qualità per gli oli d’oliva e di sansa.

Lo studio è stato realizzato in tutta la Spagna, segmentato per regione, e soprattutto negli ipermercati e nei supermercati, principalmente per gli oli da olive, sia nelle categorie medio e intenso, così come per gli oli extravergine ed extravergine non filtrato.

Il risultato è che tutti gli oli da oliva di origine spagnola e commercializzati in Spagna non hanno in nessun caso violato l’ordinamento giuridico, considerando la legislazione vigente sugli oli da olive commestibili, applicabile sia a livello mondiale che nell’Ue, oltre a quelle previste dall’ordinamento giuridico spagnolo.

Tuttavia, alcuni dei campioni analizzati sono risultati vicini ai limiti.

La ricerca è stata effettuata da novembre 2020 a novembre 2021. Il finanziamento della ricerca è stato fornito dai gruppi Dcoop, Deoleo e Iffco.

Alla luce dei risultati ottenuti in questa ricerca, risulta necessario, per perseguire un miglioramento continuo e costante dell’immagine degli oli da olive spagnoli, sia nel mercato interno che all’estero, sarebbe molto positivo stabilire un meccanismo di autocontrollo certificato, preventivo e predittivo, come previsto nel precedente nuovo standard di qualità, il cui obiettivo sarebbe la valutazione della conformità.

Offrirebbe, inoltre, la massima fiducia al mercato, attraverso la qualità e la garanzia di ciò che viene commercializzato, stabilendo e rispettando requisiti sia nel processo che nei requisiti fisici, chimici e organolettici del prodotto più esigenti di quelli previsti dalla legislazione in vigore (Regolamento Cee n. 2568/91 della Commissione dell’11 luglio 1991).

Questo si applicherebbe alle attività di lavorazione per le categorie di olio extravergine, vergine e olio di oliva, e alle iniziative di distribuzione e commercializzazione.

L’attuale vulnerabilità giuridica esistente in alcuni collegamenti sarebbe evitata e migliorerebbe la competitività del settore in tutta la catena del valore.

Inoltre, metterebbe fine alla potenziale concorrenza sleale che potrebbe talvolta colpire il settore, così come all’impotenza giuridica di fronte a istituzioni, organizzazioni, enti, entità con interessi opposti e che generano informazioni contraddittorie.

In larga misura, eviterebbe la potenziale banalizzazione degli oli da olive nel punto vendita.

Si concretizzerebbe in prima istanza, e successivamente ratificherebbe la leadership della Spagna nel settore della produzione internazionale di olio, preservando e garantendo la scelta e la preferenza espressa dal consumatore finale, migliorando così la sua soddisfazione.

Si tratta quindi di una notizia importante, i cui risultati, per il bene del settore, devono essere conservati nel tempo, sulla base di strumenti e strategie proprie del comparto, come il già citato sistema di autocontrollo, i cui effetti potenziali sono stati anche dimostrati.

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.