Economia

Italia e Spagna olearia a confronto

In un unico ed essenziale grafico il quadro della realtà, dalla campagna olearia 1990-91 alla campagna 2013-14. Le considerazioni a voi

Massimo Occhinegro

Italia e Spagna olearia a confronto

A fronte di una produzione più o meno stabile italiana, si può apprezzare la forte crescita della produzione spagnola, fatta eccezione per la campagna 2012/2013.

Sul fronte dell’export verso i Paesi al di fuori dell’Unione Europea, si può notare la diminuzione del gap dell’export tra Italia e Spagna negli ultimi anni. Ciò è dovuto principalmente all’affermazione del prodotto spagnolo soprattutto nei nuovi mercati della Russia e della Cina.

A monte del quasi “sorpasso” spagnolo, ci sono ragioni di egemonia produttiva, maggiore efficienza nelle campagne promozionali divulgative promosse da tutto il comparto spagnolo nel suo insieme. Tale percorso porterà ad un aumento dell’egemonia del “gusto spagnolo” nel mondo creando non pochi problemi all’Italia che al contrario manca di una vision, nonchè di una strategia comune a tutta la filiera che appare, al contrario di quanto avviene in Spagna, molto slegata e perciò meno forte.

Ad aggravare il tutto le campagne mediatiche contro, di ispirazione italiana e riprese dagli stessi competitors a proprio ulteriore vantaggio oltre che da media internazionali.

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.