Economia

La comunicazione traina i consumi

Spesso prevale un atteggiamento emotivo, non va bene. A Olio Officina Food Festival Luigi Caricato e Antonio Pascale hanno discusso sul tema della comunicazione per puntare a consumi di qualità per gli oli da olive

Monica Sommacampagna

La comunicazione traina i consumi

Il settore oleario italiano può “tirare” e recuperare slancio se, in parallelo, si sviluppa una comunicazione sempre più competente nel campo agroalimentare, rivolta a un ampio pubblico e finalizzata alla crescita di una cultura gastronomica di qualità a tutti i livelli. Questo, in sintesi, il messaggio e l’asupicio dell’ideatore di Olio Officina Food Festival Luigi Caricato e dell’agronomo e scrittore Antonio Pascale.

“I media svolgono un ruolo importante per dare voce all’agricoltura ma devono informare e formare veicolando conoscenze specializzate – ha detto Luigi Caricato. E con un approccio che, lungi da una visione nostalgica e tradizionalista, valorizzi le nostre eccellenze agroalimentari ancorandole ai traguardi concretizzati e concretizzabili oggi”.

Un atteggiamento condiviso da Antonio Pascale, che ha affermato: “Spesso quando si parla di olio e di agricoltura italiani prevale un atteggiamento emotivo, di ossequio al passato, che costituisce un handicap per una crescita razionale del settore”. Sì al recupero della storia, quindi, a patto che diventi parte di una cultura aperta e orientata a crescere in futuro.

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.