Economia pagina 6 di 20

Altro annus terribilis

Secondo le stime di Assitol, la produzione nazionale non potrà superare in questa ultima olivagione le 200 mila tonnellate di olio da olive. Sono numeri ben al di sotto rispetto alle previsioni di inizio campagna. Un quadro complessivo ancora più difficile di quella, peraltro assai in negativo, del 2014. Le conseguenze del clima impazzito hanno influenzato al ribasso anche i quantitativi relativi ai principali produttori dell’area mediterranea, tranne che per la Spagna

Olio Officina


Esiste una Dop Economy?

Ciascuno potrà rispondere a suo modo, ma i dati fondati sui numeri parlano di un segmento da 15,2 miliardi di euro, con una crescita che si attesta a un segno +2,6%. Vince solo il Nord. A dominare la scena i formaggi  (con 3,9 miliardi) e i prodotti a base di carne (2,0). Per ciò che concerne gli oli da olive, la produzione certificata è tornata sopra le 10 mila tonnellate (+1,3%) e anche il valore della produzione è in crescita, ma l’export subisce una lieve flessione, nonostante i volumi esportati rappresentino circa la metà della produzione

Olio Officina


Fatti, non solo parole

Le risposte, concrete, del Fooi alle difficoltà dell’ultima campagna olearia. Cosa significa dire olio? Tante cose, tra cui ambiente e salute. Ecco perché la Filiera olivicola e olearia italiana si è riunita a Roma per valorizzare l’olio 100% italiano. L’acquirente, in sostanza, paga al produttore 40 centesimi al kg in più sul prezzo medio dell’extra vergine di produzione nostrana. Presto, inoltre, la costituzione di un Comitato tecnico scientifico, e, soprattutto, un confronto con Gdo e associazioni dei consumatori 

Olio Officina


Sottoprodotti o risorsa?

Quelli della filiera olearia: un problema per l’impatto ambientale e quindi per tutto quello che è correlato allo smaltimento. Allo stesso tempo, però, essi rappresentano una fonte importante di molecole potenzialmente bioattive che possono essere recuperate ed utilizzate in vari settori, da quello bio-medico a quello alimentare

Olio Officina

Cosa non fa l’Italia dell’olio

Quanti sono gli imprenditori italiani che investono all’estero? Quante le imprese che coltivano olivi e gestiscono frantoi al di fuori dei confini nazionali? Quanti i confezionatori che acquistano oli dall’estero e ne curano la commercializzazione in ogni angolo del mondo?

Luigi Caricato


I consumi d’olio cambiano

Una indagine su un campione di mille italiani tra i 18 e i 65 anni ci fa comprendere come il passaggio da commodity a bene di valore sia una strada possibile. Tra i canali preferiti per la conoscenza delle novità il passaparola risulta lo strumento più efficace. Le prospettive intanto sono rosee, anche nei consumi fuori casa. Il mercato dell'olio da olive di qualità vale oro. È quanto emerge dalla ricerca Nomisma commissionata da Frescobaldi in occasione del trentesimo anniversario del Laudemio Frescobaldi

Olio Officina


Misure di emergenza per Xylella

È stato pubblicato l'atteso decreto, con le modifiche introdotte allo scopo di far fronte alle problematiche del batterio che sta decimando gli olivi in Puglia. Tali modifiche riguardano in particolare l’aggiornamento dell'area infetta, come pure le misure di lotta agli adulti del vettore, con riduzione da quattro a due del numero minimo di trattamenti insetticidi obbligatori, da somministrarsi non più tra maggio e dicembre ma tra maggio e ottobre. Il documento da scaricare

Olio Officina


Più economia con la bioenergia

Il 50% di tutta l'energia "green" nel nostro Paese è prodotta dai residui delle lavorazioni e da specifiche colture energetiche. Durante il recente salone Eima Energy a Bologna, sono stati diffusi i dati sull’impiego di fonti rinnovabili, che dimostrano come l’Italia abbia raggiunto, con due anni di anticipo, la “quota target” assegnata

Marcello Ortenzi

Più attenzione ai sansifici

È quanto chiede Assitol, l'associazione italiana per l'industria olearia. La scarsa produzione di olio da olive, unita alla “corsa” ai sottoprodotti olivicoli per il biogas, che usufruisce degli incentivi statali destinati alle fonti rinnovabili, sta mettendo in difficoltà il comparto sansa, anello fondamentale della filiera

Olio Officina


Contratti di fornitura olive

Chiamatela pure filiera solidale, è un bell'esempio di come si possa instaurare un legame tra i vari soggetti coinvolti nella produzione di oli da olive. Sono in tutto 542 i contratti di consolidato rapporto tra olivicoltori e frantoiani depositati presso il Consorzio di tutela dell’olio Dop Riviera Ligure

Olio Officina


L’etica del fare

In una Italia senza più riferimenti, con una olivicoltura che non vuole modernizzarsi, adeguando i criteri di coltivazione, c’è chi scommette sul futuro e guarda in avanti con la consapevolezza di aver fatto il proprio dovere. La scommessa della famiglia Manca, di Olio San Giuliano, ad Alghero è la prova evidente che il cambiamento si può mettere in atto partendo da se stessi, non aspettando che qualcuno ci tenda la mano

Luigi Caricato


Il futuro dei pagamenti Pac

Le conclusioni cui giunge la Corte dei Conti Europea devono diventare motivo di una seria riflessione, alla luce di quanto accade in Italia, in uno scenario futuro di dotazioni finanziarie ridotte. Una politica di cui non si può verificare la rispondenza tra obiettivi e risultati non è una politica

Alfonso Pascale

Stime produzione oleicola

Spagna, Italia, Grecia, Tunisia, Turchia, Portogallo, Marocco e altri Paesi. I conti, è vero, si fanno solo con l’olio nei serbatoi, ma le previsioni sono molto importanti. Per questo noi vi presentiamo le nostre. Anche se in tanti, tra vari enti ed esperti, hanno già espresso le loro anticipazioni, quelle che vi riportiamo, proprio in quanto successive, definiscono meglio i raccolti, per l’ovvia considerazione che più si è vicini all'olivagione più le situazioni divengono definitive

Adriano Caramia


Quel che non si dice sull’olio

Tutti a stracciarsi le vesti, intimoriti dagli oli importati, ma nessuno che si interroghi sul reale valore dell’olio italiano e, soprattutto, sulla importanza degli extra vergini a marchio Dop. L’origine certificata non ha nulla a che vedere con gli oli mass market, di produzione non italiana, che si trovano abitualmente in commercio. Occorre imparare a comunicare il valore dell’olio italiano, e di quello Dop, al consumatore. Zero polemiche e nessun grido di allarme. Quando si sperimenta la qualità, poi si prende la giusta confidenza e non si è più capaci di abbandonarla

Ciro Zambito


Professione agente in mediazione

Il resoconto della consulta merceologica nazionale di Fimaa, la Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari.  A essere rappresentati sono molteplici settori dalle materie prime agli alimenti, dalle granaglie al riso, dall'ortofrutta ai vini e mosti, dagli oli a d altro ancora. Tante le questioni affrontate, ma l’attenzione si è concentrata sulla lotta all’abusivismo, la digitalizzazione del mercato, la formazione e aggiornamento degli associati ed aspiranti, la promozione delle attività presso i principali mercati borse merci e fiere settoriali, gli scambi con paritetiche organizzazioni estere

Adriano Caramia


Olivagione 2018 secondo Ismea

Intorno alle 265 mila tonnellate. Secondo le prime indicazioni ricavate dalla rete di monitoraggio dell'Istituto di servizi per il mercato agricolo e alimentare, frutto delle ricognizioni effettuate a fine settembre sullo stato degli oliveti, si evidenzierebbe una chiara flessione della produzione nella campagna 2018/2019 rispetto alla precedente

Olio Officina

La Turchia punta sull’olio

Un Paese in grande evoluzione, con tante richieste sia di olive, sia di oli di olive da coltivazioni sostenibili. Gli esportatori turchi ci credono, ma a loro volta richiedono produzione più regolari e costanti. L’obiettivo prioritario sono i nuovi mercati di esportazione, Estremo Oriente e Sud America. Senza trascurare gli Stati Uniti. Ma non finisce qui. Un altro grande obiettivo è l’incremento del consumo interno pro capite di olio, per arrivare a a 5 kg. Nostra intervista a Davut Er, presidente della Aegean Olive and Olive Oil Exporters Association

Luigi Caricato


La stagione delle castagne

I mercati autunnali beneficiano del ritorno a raccolti generosi. Si stimano circa 30 milioni di chili, contro lo scivolone di 5 anni fa, con il minimo storico di 18 milioni, ma sono lontanissimi i tempi in cui nel 1911 la produzione di castagne nel 1911 ammontava a 829 milioni di chili. Al di là dei numeri, conta il fatto che questo alimento contenga il 7% di proteine, il 9% di lipidi e l'84% di carboidrati, con il vantaggio che è privo di colesterolo

Marcello Ortenzi


Etichette alimentari chiare

È importante oltre alla loro semplicità, anche e soprattutto la leggibilità. Per questo un regolamento comunitario stabilisce tassativamente le dimensioni minime dei caratteri tipografici. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone


L’obiettivo del Testo Unico

Per il comparto vitivinicolo esiste il cosiddetto Testo Unico della vite e del vino, dove, in un corpus di soli 91 articoli, si trova semplificata e raccolta, in maniera organica, la normativa del settore. Sarebbe auspicabile un lavoro analogo per il comparto olivicolo e oleario. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law 

Giorgia Antonia Leone

Iscriviti alle
newsletter

L’olio al centro del mondo

Cosa emerge dalle rilevazioni IRI relative al mercato europeo degli oli da olive? Cresce l’interesse per tale grasso alimentare. A Yale, nel Connecticut, ci sarà intanto il primo simposio sull’olio di oliva e la salute. In Tunisia si evidenzia il ruolo centrale delle donne, ma solo perché la mano d’opera femminile è a basso costo. Questo e altro si legge nella rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari


Esistono i contratti di filiera

In tanti ne hanno sentito parlare o hanno letto qualcosa, ma di cosa si tratta? Esistono anche i contratti di distretto, in agricoltura. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone


Tante notizie dall’estero

Un elenco di 563 specie vegetali, individuate attraverso una nuova ricerca bibliografica e tramite le notifiche a Europhyt, cui lavora unteam dell’Efsa, il quale ha aggiornato la classificazione di patologie causate dalla Xyella fastidiosa. E poii risultati di uno studio sul ruolo positivo dell’olio nella riduzione del rischio di malattie cardiovascolari. I tappi antirabbocco per la ristorazione in Grecia, dove i locali che si sono adeguati pare siano ancora un’eccezione. Questo e altro nella rassegna stampa internazionale

Mariangela Molinari


Il cibo sicuro garantito

Nulla va trascurato. C’è un apposito regolamento comunitario che attribuisce un alto grado di responsabilità all’operatore del settore alimentare. A tal riguardo l’onere primario di garanzia della sicurezza alimentare spetta proprio a costui, sia esso persona fisica o giuridica. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone

Frantoiani di Spagna

Grande successo a Jaén per il XII Meeting dei maestri e responsabili di frantoio organizzato da GEA Iberia. Centrale l'attività di formazione, che si è esplicitata in una serie di presentazioni, nonché in una tavola rotonda sul futuro del settore da qui a dieci anni, oltre a un panel di colloqui tecnici molto istruttivi. “La Spagna – ha dichiarato Antonio Luque, presidente di Dcoop – produrrà 500 mila tons di olio in più entro i prossimi cinque anni. Il settore dovrà prepararsi a vendere una produzione di 1,8 o 1,9 milioni di tons per ogni campagna”

Olio Officina


Etichette olio sotto mira

Con il Reg. Ue 2018/1096, già in vigore, si autorizzano gli Stati membri a rendere obbligatoria l’indicazione della campagna di raccolta, così da fornire ai consumatori un dato più preciso sul periodo in cui l’olio è stato prodotto. Inoltre, si evidenzia come il consumo di acidi grassi polinsaturi, presenti in abbondanza nelle olive, aumenti i livelli di fattori neurotrofici che stimolano il funzionamento cognitivo. Questo e altro nella consueta rassegna stampa internazionale

Mariangela Molinari


Che olivagione sarà

Secondo le previsioni di Gea Iberia, la Spagna produrrà oltre il 50 per cento dell'olio da olive mondiale, nella prossima campagna olearia, pari a 1.580.000 tonnellate, con un incremento di oltre il 26% rispetto alla precedente. Il lieve calo della produzione complessiva mondiale è dovuto alla contrazione di Italia, Tunisia, Turchia e Grecia. L’Italia produrrà solo 200 mila tonnellate d’olio, scendendo così in fondo alla classifica, alla quarta posizione

Olio Officina


Le Forme dell’Aceto

E così, dopo l’olio da olive, spazio anche agli aceti, di tutti i tipi, nessuno escluso. Olio Officina indice la prima edizione del concorso internazionale di packaging e visual design e innovazione. Possono concorrere tutte le aziende produttrici e confezionatrici

Olio Officina