Economia pagina 8 di 20

I consumatori di extra vergine

Speciale Filo d'Olio 2018 | Segmentare l'extra vergineUna ricerca Doxa, commissionata da Federolio,  approfondisce il rapporto tra gli italiani e l’olio da olive. Ne emerge che l'85% dei consumatori nostrani utilizza in prevalenza l’olio extra vergine di oliva, giacché ritenuto il "migliore da utilizzare" (36%), "un olio di qualità" (27%) e un olio che "fa bene alla salute" (18%). Non solo, si scopre che il 39% degli italiani spende mediamente meno di 6 euro al litro, il 48% da 6 a 10 euro e il restante 13% va invece oltre i 10 euro

Olio Officina


Il settore dell'olio in Italia

Speciale Filo d'Olio 2018 | Segmentare l'extra vergine.  Come si presenta l'Italia dell'olivo e dell'olio? Quante aziende olivicole vi sono? A quanto ammonta la produzione interna di olia da olive e a quanto invece è necessario importare? Quanto incide il consumo mondiale di olio da olive e quanto la produzione di olio certificato e di qualità? E i dati import / export?

Olio Officina


Gestire le vendite a distanza

La commercializzazione telematica è la nuova frontiera anche per i prodotti alimentari. Quali sono le informazioni obbligatorie da trasferire al consumatore? Tale attivitàè disciplinata dal Reg. 1169/2011, prevalendo sulle disposizioni generali previste dalla Direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone


L’Italico, nuova strada per l’olio

C’è molto da cambiare. Intanto con un netto “no” all’utilizzazione dell’extra vergine quale traffic builder, e poi con un netto “sì” all’olio democratico che sappia parlare di valori e articolate distintività. La qualità, prima di tutto. Servono però regole rigorose, giuste e soprattutto ben applicate, come nel caso del panel test e dell’etichettatura. Alla vigilia della convention del 28 giugno a Roma, abbiamo intervistato il presidente di Federolio Francesco Tabano

Luigi Caricato

Come Spagna insegna

Saper comunicare l'olio. Un complotto storico contro l’olio di oliva spagnolo negli Usa? Si tratta di Oliveleaks, un documentario di Olive Oils from Spain, parte di una campagna promozionale incentrata sull’origine spagnola dell’olio quale garanzia di qualità.  E poi c’è Taste the truth, attraverso cui, con dati e fatti alla mano, si dimostra come gli oli spagnoli siano leader in qualità, sostenibilità, versatilità e anche in quanto a effetti benefici per la salute. Questo e altro nella rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari


L’imprinting degli oli Vernèra

I concept della quinta edizione del Premio Le Forme dell’Olio. Questa settimana presentiamo due confezioni realizzate da Carlo Coniglio: “Le Case di Lavinia” e “Le Terre di Vito”, due oli che vengono definiti “straordinari”, in quanto “intrisi dell’aria e della terra dei Monti Iblei, che guardano la costa orientale della Sicilia dalla quale svetta il vulcano Etna” (4. continua)

Olio Officina


Le responsabilità in Gdo

Un quesito che di recente trova grande interesse nel settore alimentare, riguarda l'attribuzione di responsabilità nei casi in cui in un supermercato ci si imbatte in prodotti in cattivo stato di conservazione, alterati o scaduti. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law 

Giorgia Antonia Leone


Quali scenari per l’olio

Gli chef in Spagna? Nella scelta di un olio sono poco interessati a salute e benessere. Tra i loro principali criteri di acquisto: gusto, prezzo e fiducia nel produttore. Negli Usa invece conta molta la leva salute. C’è però un problema: le etichette non aiuterebbero i consumatori a comprendere le diverse tipologie di oli. Per quanto concerne gli olio di sansa e di oliva, si registrano incrementi in Brasile (21%), Giappone (7%), Canada, Usa (4%) e Russia (3%). Questo e altro nella rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari

Il clorpirifos negli oli. Cosa fare

Con il cambio dei limiti, cosa ci si attende? Il nuovo regolamento introduce variazioni più severe. Intanto, c'è da osservare che il nuovo limite per le olive da olio è applicabile solo per quanto prodotto successivamente al 5 dicembre 2018. Va inoltre considerato che le disposizioni si riferiscono alle olive e non al prodotto trasformato. Per l’olio non è prevista a livello comunitario una disciplina specifica in relazione ai limiti massimi di residui. Ciò crea un “vuoto normativo” che solo parzialmente risulta colmato a livello nazionale

Chemiservice


Il country sounding per l'olio

Massima attenzione alle etichette degli oli da olive. Sono previste sanzioni la cui competenza in materia spetta all'Ispettorato centrale per la repressione frodi. Tutto parte da una norma innovativa e si estende a tutti i marchi registrati in Italia successivamente al 31 dicembre 1998 o, in Europa, al 31 maggio 2002. Le considerazioni del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law 

Giorgia Antonia Leone


Oli d’alta qualità?

Secondo Susana Romera, direttrice della Escuela Superior del Aceite de Oliva, il consumatore spesso non sa ancora distinguere tra gli oli, ma in Giappone c’è maggiore attenzione. Intanto l’Arthritis Foundation consiglia gli extra vergini agli affetti da artrite. Questo e altro nella rassegna stampa internazionale della settimana

Mariangela Molinari


L’Oro dei Martelli

 I concept della quinta edizione del Premio Le Forme dell’Olio. Proseguiamo la nostra rassegna con l’azienda agricola di Marta Martelli e l’art direction di Francesco Schinaia. I criteri alla base del progetto di packaging sono gli elementi che racchiudono preziosità, eleganza, riconoscibilità e riproducibilità in piccoli quantitativi. Si tratta di una piccola impresa che non ha voluto rinunciare alla cura e valorizzazione del proprio prodotto e identità, seppur con limitate risorse (4. continua)

 

Olio Officina

Nuoce o non nuoce alla salute?

Come si comportano le autorità nazionali in materia di sicurezza e di rischio degli alimenti, sino all'eventuale ritiro dal commercio dei prodotti o al divieto di immissione in commercio? Un alimento inadatto al consumo umano è necessariamente anche dannoso per la salute? La risposta al quesito da parte del Centro Studi Diritto Alimentare-Food Law

Giorgia Antonia Leone


Tante domande sull’olio

Cosa accadrebbe se Trump decidesse di estendere i dazi all’olio di oliva? Se lo chiede un’inchiesta del Dipartimento degli affari economici della Spagna a Washington. Altra domanda: è possibile che l’uliveto spagnolo possa raggiungere una produzione di 2 milioni di ton di olio a campagna? Nel caso cosa succederebbe sui mercati? Intanto, promosso dal Queensland Olive Oil Council, in Australia si punta a un bollino che garantisca l’origine dell’olio prodotto 

Mariangela Molinari


C’è una Olivetta per te

 I concept della quinta edizione del Premio Le Forme dell’Olio. Andando oltre il mondo agricolo in senso stretto, muovendosi tra design, arte della ceramica e cultura dell'olio. I coniugi Mazzilli, titolari dell’azienda agricola pugliese, si sono imposti all’attenzione per un design molto originale ed elegante, presentandosi con una linea di cocci completamente dedicata al wedding e alla regalistica. Protagonista la Coratina (3. continua)

 

Olio Officina


Cosa significa Novel Food

Mosche, cavallette, larve della farina, grilli, bachi da seta e altri insetti edibili. Cosa c'è da sapere, dal punto di vista normativo, per avviare un'attività che li preveda nella sfera alimentare? Valgono i medesimi temi di tracciabilità, controllo di filiera, sicurezza sugli standard qualitativi e sanitari, che valgono anche per altri alimenti?

Giorgia Antonia Leone

Rilanciare l’olio al ristorante

C'è desiderio e piena convinzione nel voltare pagina, rendendo più funzionali le collaborazioni tra gli artefici di una materi prima pregiata qual è l'olio da olive e coloro che professionalmente la rendono fruibile dai tanti avventori dei pubblici esercizi. Si è conclusa con successo la prima edizione del Forum Olio & Ristorazione, iniziativa fortemente voluta da Luigi Caricato e organizzata da Olio Officina. In tale contesto sono state avviate una serie di utili e preziose sinergie

Cinzia Boschiero


Gli chef per l’evo

In Spagna è nata Frying Alliance, un club di chef che friggono rigorosamente solo con olio extra vergine di oliva. Riguardo al mercato gourmet in Danimarca, l’Italia risulta il principale fornitore di oli da olive, con una quota, nel 2016, superiore al 60% in volume e valore.  In Belgio, invece, a fare la parte del leone è la Spagna, con una quota del 55% a valore e del 58% a volume. Intanto, c'è pure chi annuncia la fine della Dieta mediterranea. Questo e altro nella rassegna stampa internazionale della settimana

Mariangela Molinari


Quest’olio è Coltofranto

I concept della quinta edizione del Premio Le Forme dell’Olio. Il marchio nasce dalla necessità di rappresentare un nuovo prodotto di particolare pregio all’interno della produzione dell’Oleificio Toscano Morettini. Il progetto è stato curato dall'agenzia di comunicazione Studio Astra di Arezzo, Art Director Elena Nepi, con la ricerca di un design moderno, a partire dalla scelta del font e dall’utilizzo “creativo” della disposizione delle lettere (2. continua)

Olio Officina


In materia di sicurezza alimentare

Informazioni utili per chi si occupa a vario titolo di alimentazione. Cosa succede quando sopraggiungono conflitti normativi fra le amministrazioni centrali e quelle territoriali? Cosa sancisce al riguardo la Carta Costituzionale?

Giorgia Antonia Leone

Iscriviti alle
newsletter

Chef ambasciatori di pane e olio

Al Forum Olio & Ristorazione, le aziende dell’extra vergine e dell’arte bianca si sono confrontate con la ristorazione, con l’obiettivo di collaborare alla valorizzazione della dieta mediterranea e dei due alimenti che ne costituiscono le fondamenta. La manifestazione ha visto Assitol confrontarsi con gli addetti ai lavori della cucina e della gastronomia che, troppo spesso, considerano l’olio d’oliva un ingrediente di contorno. Non è così. Da qui il lancio di una iniziativa: il bread dipping

Olio Officina


I dazi sull’olio? Nemici della salute

C’è grande agitazione sui mercati internazionali, per ciò che concerne i dazi applicati agli oli da olive in alcuni Paesi, come nel caso dell’India. Della questione sta cercando di occuparsi Fedolive, l'organismo che unisce i rappresentanti del settore di Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Francia

Olio Officina


Nuove prospettive per l’olio

È davvero possibile condurre una piantagione superintensiva come se fosse un uliveto ecologico? Parrebbe di sì, stando a quanto dichiara Alfonso Gómez, di Todolivo. Su altri fornti, le luci si accendono su Olive Predictor, un dispositivo che aiuta a determinare il momento migliore per la raccolta delle olive. Questo e altro nella rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari


Quando si dice piante officinali

Riformata la vecchia legge, il nuovo testo che disciplina il settore delle erbe officinali è stato perfezionato dal governo, in attesa della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Il consumo di queste piante in Italia ha superato le 25mila tonnellate annue, ma il 75% è ancora rappresentato dalle importazioni. Si rende necessario incoraggiare la crescita della produzione

Alessio Ortenzi

Oliveti da Guinness

I dieci consigli chiave per far sì che gli uliveti si possano adattare ai cambiamenti climatici in atto.  Una indagine sulle maggiori tenute olivicole del mondo svela che non si trovano in Spagna. Il Coi e la sua attività per avvicinare Cina e Australia. Il Coi e la produzione mondiale di olio di oliva. La rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari


Il terzo polo dell’olio

Cambia lo scenario nel comparto olio da olive. Il Gruppo Avril ha stretto un’alleanza con le famiglie  Sabatini e Santirosi, fondatrici del noto marchio italiano Costa d’Oro. Prende così corpo, con questa operazione, il terzo marchio più importante a livello mondiale, che punta a combinare autenticità naturale, con innovazione e tracciabilità

Olio Officina


Cresce l’interesse per gli olivi

Previsioni di crescita della superficie coltivata a ulivo in California, con oltre 100 cultivar presenti e uno straordinario incremento della domanda di extra vergine. In Giordania gli uliveti rappresentano il 77% di tutta la superficie coperta da alberi e il 24% del totale delle aree coltivate. A Jaén un progetto di agricoltura di precisione negli uliveti grazie all’utilizzo di droni. Questo e altro nella rassegna stampa internazionale di questa settimana

Mariangela Molinari


L’olivo e l’olio ovunque

La grande avanzata dell’Argentina olearia, con un incremento di oltre il 155% rispetto all’annata precedente. Lo slogan “Nuestra Dieta Mediterránea”, in Spagna, per lanciare la nuova campagna istituzionale di promozione. Il timore per la Xylella fastidiosa , dove presso la Comunità di Madrid sono stati già abbattuti 300 ulivi. E poi, fari accesi sull’ulivo più grande della Gran Bretagna, a Londra, a pochi passi dalle rive del Tamigi, nel più antico orto botanico. Infine, le opportunità per l’abolizione dei dazi in Messico

Mariangela Molinari