Economia

Avete idea dei costi dei terreni agricoli nell’Unione europea?

Eurostat ci offre un quadro chiaro e completo al riguardo. Le Isole Canarie, per esempio, ospitano i seminativi con i prezzi più alti: oltre 120 mila euro per ettaro, per l’anno 2020. In Italia? Solo 32 mila euro. Mentre in Bulgaria il prezzo di vendita è lievemente superiore ai 2 mila euro

Olio Officina

Avete idea dei costi dei terreni agricoli nell’Unione europea?

Prima di fornire altri dati relativi ai costi che si possono incontrare nei vari Stati dell’Ue, è doverosa una premessa: i fattori che stabiliscono un determinato prezzo rispetto ad un altro sono molteplici, e occorre tenerli presente nella loro totalità per poter fare valutazioni.

Le leggi in vigore sul suolo nazionale, la situazione climatica e l’assenza di infrastrutture nei luoghi limitrofi al terreno interessato, la qualità del suolo e tutto ciò che concorre a definire questo concetto, e, infine, la domanda e l’offerta, sono tutte variabili che bisogna prendere in considerazione quando ci si confronta con i costi in questione.

La Spagna, attraverso le Isole Canarie, detiene il record europeo. In media, nel 2020, il costo per ettaro era di circa 120.477 euro.

Nel 2019 per acquistare un seminativo in Olanda occorrevano circa 70mila euro, mentre in Lussemburgo il costo medio si aggirava attorno ai 38mila euro.

In Italia il costo è inferiore, 32mila euro e un prezzo ancora più basso lo troviamo in Irlanda, 27mila euro.

Proseguendo, tutti gli altri Paesi dell’Ue hanno stabilito prezzi sempre più bassi.

Nel 2020, in Croazia, la cifra media era di 3.440, mentre in Bulgaria, e nella specifica regione sud-occidentale dello Yugozapaden, si tratta di una media di circa 2.051 euro.

Si può, però, riscontrare un dato comune a tutti gli Stati. In base alle fonti disponibili, risulta che il costo dei seminativi è superiore rispetto al prezzo dei prati permanenti, e i seminativi irrigabili richiedono cifre superiori rispetto ai non irrigabili.

 

La foto in apertura è di Olio Officina©

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter