Economia

C’è un pre e un post pandemia anche per il mercato dell’olio extra vergine da olive

Lavoro, vita quotidiana e alimentazione hanno subito dei cambiamenti importanti in questi due anni pandemici. Juan Vilar, analista internazionale di olio d'oliva e consulente strategico, afferma che nel caso degli oli da olive, i consumatori, hanno preferito la categoria extra vergine rispetto agli oli vergini e raffinati. L’attenzione verso la qualità del cibo sta aumentando in modo considerevole. I mercati, quindi, per soddisfare la domanda, cambiano forma e si modellano a seconda delle richieste

Olio Officina

C’è un pre e un post pandemia anche per il mercato dell’olio extra vergine da olive

La pandemia ci ha costretti a stare a casa ha fatto sì che le nostre abitudini di consumo cambiassero.

Oltre a incorporare prodotti diversi nella nostra spesa, ci sono stati anche cambiamenti nella selezione di quei prodotti che fanno parte del nostro quotidiano, come l'olio d'oliva.

"C'è stata una sofisticazione del consumatore che, non potendo mangiare fuori o frequentare bar e ristoranti, ha speso una maggiore quantità di denaro per scegliere e consumare elementi e prodotti di un segmento superiore a quello che consumava di solito", dice Juan Vilar, analista internazionale di olio d'oliva e consulente strategico. "Questo significa che, nel caso degli oli d'oliva, hanno optato per la categoria extra vergine a scapito degli oli vergini e raffinati".

In questo senso, Luis del Real, Global Director of Commercial and Shopper Research di Lactalis ha commentato: "L'olio d'oliva nel nostro Paese ha un modello che è molto associato al consumo domestico. Gran parte del settore alberghiero e della ristorazione è governato da criteri di basso costo e tende a utilizzare grassi più economici per cucinare, mentre a casa ci piace avere l'olio d'oliva sia per il consumo freddo, sia per cucinarlo, ed è per questo che la categoria è stata molto favorita durante il contenimento".

Ricardo Alcón, Client Development Manager di NielsenlQ Spagna, ha aggiunto: "Tutto ciò ha avuto un'ulteriore conseguenza che ha favorito i prodotti a più alto valore aggiunto come l’Evo, perché liberare parte del budget per il consumo domestico ha permesso di fare un salto di qualità in vari prodotti come l'olio, che è cresciuto sopra la media del consumo domestico".

"Il blocco stabilito praticamente in tutti i Paesi occidentali e l'incertezza dei consumatori hanno portato ad altri due effetti: una prima reazione immediata è stata l'accaparramento di prodotti di base, dal famoso caso della carta igienica all'olio d'oliva, dove, a seconda del Paese e della categoria, abbiamo visto una crescita settimanale delle vendite tra il 30% e il 70% rispetto all'anno precedente e, durante i mesi successivi dell'anno e nei successivi confinamenti, le vendite nel canale alimentare sono cresciute tra il 10 e il 40% a seconda della categoria", ha aggiunto Ricardo Alcón.

Prezzo, il grande cavallo di battaglia

Tuttavia, nonostante la crescita causata dalla pandemia, il consumo di olio d'oliva è diminuito nuovamente dopo la pandemia. "Una volta che torniamo a certe routine di consumo, come il ritorno al commercio alberghiero e alla ristorazione, restituiamo la "quota presa in prestito" del consumo domestico", commenta Ricardo Alcón.

"Siamo effettivamente tornati al punto di partenza e il consumo di olio extravergine di oliva che avveniva in casa è stato sostituito da altri oli che si consumano principalmente nei ristoranti", aggiunge Juan Vilar.

"In Spagna il consumo pro capite di olio d'oliva è molto alto e difficile da mantenere, motivo per cui a lungo termine ha una leggera tendenza al ribasso che funziona a dente di sega, a seconda del prezzo di ogni stagione. Tuttavia, nei paesi a basso consumo come gli Stati Uniti e l'Europa centrale e settentrionale, la commercializzazione dell'olio d'oliva sta andando molto bene", sottolinea Luis del Real. E aggiunge: "Al di là di queste questioni geografiche, c'è una tendenza di fondo per migliorare la salute e cercare cibi più sani. Credo che la pandemia abbia reso la società ancora più sensibile ai problemi di salute. Si tratta di un asse di crescita che favorisce chiaramente le vendite di olio d'oliva a lungo termine".

Tutto questo suggerisce che, nonostante l'aumento durante la pandemia, l'olio extravergine di oliva ha ancora un po' di strada da fare e parte di questo problema dipende in gran parte, come ammettono gli esperti, dal prezzo.

"Questo fattore è molto importante e particolarmente rilevante se si tiene conto che gli oli sono tra le prime famiglie di prodotti di consumo di massa in termini di spesa per le famiglie spagnole. Qualsiasi cambiamento nei prezzi ha un impatto diretto sul carrello della spesa, senza sostituti in altre famiglie o categorie", assicura Luis del Real.

"I consumatori sono consapevoli che la migliore qualità nutrizionale e organolettica è quella dell'olio di oliva vergine e, anche se nei prodotti di base, come questo, l'elasticità della domanda alle variazioni di prezzo è inferiore a quella dei prodotti più sofisticati, è comunque rilevante, in modo tale che un aumento del 10% del prezzo nella categoria porterebbe a un calo del 7% delle vendite", aggiunge Luis del Real.  Da parte sua, Juan Vila ha sottolineato che non dobbiamo perdere di vista il fatto che "la Spagna è il Paese con la più alta produzione di oli d'oliva lampanti e il maggior numero di raffinerie al mondo, il che significa che questi oli fanno parte di una consuetudine d'uso consolidata. Gli oli di oliva vergini hanno avuto riscontri positivi negli ultimi decenni, ma gli oli raffinati superano ancora di poco gli oli vergini e la mancanza di categorizzazione e denominazioni degli oli di oliva non è chiara, il che significa che non sono facilmente comprensibili per tutti i consumatori". 

Ricardo Alcón, Luis del Real e Juan Vilar saranno alcuni degli esperti che saranno presenti al Salone mondiale dell'olio d'oliva che si terrà a Ifema Madrid l'8 e il 9 marzo 2022, che sarà un punto di incontro per i paesi produttori di olio d'oliva, i consumatori e le aziende adiacenti di tutto il mondo che cercano di consolidare il loro business.

Foto in apertura di Olio Officina©

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter