Economia

Coi, i dati del mercato internazionale

Sono state rese note le variazioni nel consumo di olio da olive e di olive da tavola nel consumo globale. I dati ufficiali del Consiglio oleicolo internazionale nel dettaglio. Si tratta di rilievi provvisori, ma resta il fatto che i consumi siano aumentati dell'82,4% rispetto al periodo 1990/1991. Mentre, per ciò che concerne le stime relative alla campagna 2019/20, pare si attestino a un consumo superiore a 3 milioni di tonnellate

Consiglio Oleicolo Internazionale

Coi, i dati del mercato internazionale

Il consumo di olio d'oliva è aumentato dell'82,4% rispetto all'annata 1990/91. I dati provvisori per la campagna 2018/19 indicano un calo del 4,3%, lasciando il consumo a 2 909 000 t. Le stime per la campagna 2019/20 indicano un consumo superiore a 3 000 000 t.

Olio d'oliva - Dati provvisori per la campagna 2018/19 e stime 2019/20

Secondo i dati ufficiali dei Paesi e le stime della Segreteria Esecutiva, il consumo globale potrebbe raggiungere le 3.094.000 tonnellate nell'anno di raccolta 2019/20, con un aumento del 6,4% rispetto all'anno di raccolta 2018/19.

Anche se i dati non sono definitivi, il consumo mondiale dovrebbe raggiungere 2 909 000 t nell'annata 2018/19, ovvero il 4,3% o 130 000 t in meno rispetto all'annata precedente. Il consumo nei Paesi membri del Coi è stato pari a 2 009 500 t in quell'anno, con un calo dell'8%. Il totale per l'Europa si attesta a 1.433.000 t, con un calo del 10,2%. Il consumo nel resto dei paesi membri del Coi è sceso del 2,2% a 576 500 t. Nei restanti paesi non appartenenti al Coi, il consumo si attesta intorno alle 899 500 t, con un aumento del 5,3% rispetto alla campagna precedente.

Olive da tavola - Campagna provvisoria 2018/19 e stime per il 2019/20

Il maggiore aumento dei consumi è stato riscontrato nei principali paesi produttori membri del CIO. I grandi incrementi di produzione hanno portato ad un aumento dei consumi in alcuni paesi. L'Egitto è passato da un consumo di 11.000 tonnellate nell'annata 1990/91 a 450.000 tonnellate nell'annata 2018/19. L'Algeria ha aumentato il suo consumo da 14 000 t a 305 000 t nello stesso periodo, e la Turchia da 110 000 t a 360 000 t.

Il consumo è destinato ad aumentare del 2,1% nella campagna 2019/20.

L'Albania è stato il maggior consumatore pro capite nel 2018 con 10,9 kg, seguita dall'Algeria. Con una popolazione di 42 milioni di abitanti, l'Algeria ha consumato un totale di 305 000 t, pari a 7,1 kg a persona, seguita dall'Egitto con 5,6 kg, dalla Turchia con 4,3 kg e dal Libano con 3,6 kg. Gli altri Paesi hanno consumato meno di 3 kg pro capite

Il consumo nell'Ue è aumentato del 66,2% tra il 1990/91 e il 2018/19, passando da 346.500 t nel 1990/91 a 576 000 t nel 2018/19. Il consumo pro-capite è stato di 1,2 kg nel 2018.

Per quanto riguarda i paesi terzi, la Siria è in testa con ben 6,2 kg. Perù e Cile sono i prossimi, rispettivamente con 2 kg e 1,6 kg, mentre Australia, Arabia Saudita, Canada, Svizzera, Stati Uniti, Iraq e Brasile consumano tra 0,5 kg e 1 kg.

 

Commercio mondiale di olio d’oliva e olive da tavola

Olio d’oliva – anno di raccolta 2019/2020

La tabella seguente riporta i dati commerciali dell'olio d'oliva e dell'olio di sansa di oliva nei primi otto mercati del primo mese dell'anno di produzione in corso (ottobre 2019). Gli incrementi sono stati registrati in Cina (+28%) e in Brasile (+1%). Le importazioni sono diminuite in alcuni Paesi terzi, come l'Australia (-32%), la Russia (-7%), gli Stati Uniti (-5%), il Giappone (-3%) e il Canada (-3%).

Nel primo mese della campagna in corso (2019/20) le importazioni extra-UE sono aumentate del 3% rispetto allo stesso periodo della precedente campagna (1)

Olive da tavola – Campagna 2019/20

La tabella seguente riporta il commercio di olive da tavola nell'anno di raccolta 2019/20 (settembre 2019 - ottobre 2019) [2]. Si registrano incrementi negli Stati Uniti (+35%) e in Brasile (+4%) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Le importazioni sono invece diminuite del 23% in Australia e del 2% in Canada.

Nella campagna 2019/20 (settembre 2019), le acquisizioni intra-Ue sono diminuite dell'8% e le importazioni extra-Ue sono aumentate dell'11% rispetto allo stesso periodo della campagna precedente (3).

Prezzi alla produzione – Oli d’oliva

Il grafico 1 mostra l'andamento settimanale dei prezzi alla produzione dell'olio extra vergine di oliva nei tre principali paesi produttori dell'Ue e in Tunisia. Il grafico 3 mostra l'andamento settimanale dei prezzi alla produzione dell'olio d'oliva raffinato nei due principali paesi produttori dell'Ue. Le variazioni dei prezzi per mese sono riportate nei grafici 2 e 4.

Olio extravergine di oliva - I prezzi alla produzione in Spagna nella quarta settimana di dicembre si sono attestati a 2,15 €/kg, a 23% in meno rispetto all'anno precedente (grafico 1).

Italia - I prezzi in Italia nella seconda settimana di dicembre 2019 si sono attestati a 3,20 euro/kg, con un calo del 46% rispetto all'annata precedente.

Grecia - I prezzi in Grecia nella seconda settimana di dicembre 2019 si sono attestati a 2,35 euro/kg, in calo del 15% rispetto all'annata precedente.

Tunisia - I prezzi in Tunisia sono rimasti stabili nelle ultime settimane di giugno 2018, attestandosi a 3,43 euro/kg, in calo del 18% rispetto all'anno precedente.

Olio d'oliva raffinato: I prezzi in Spagna si sono attestati a 1,90 euro/kg nella quarta settimana di dicembre, con un calo del 21% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. I dati relativi all'Italia non sono disponibili dalla fine di dicembre 2017, quando erano saliti del 4% a 3,56 euro/kg.

Nella quarta settimana di dicembre 2019, la differenza di prezzo in Spagna tra l'olio extra vergine di oliva (2,15 euro/kg) e l'olio d'oliva raffinato (1,90 euro/kg) era di 0,25 euro/kg. In Italia, la differenza nel dicembre 2017 era di 0,43 euro/kg (grafico 3).

La foto di apertura è di Fabio Lazzari

Consiglio Oleicolo Internazionale

Iscriviti alle
newsletter