Economia

Il settore dell'olio in Italia

Speciale Filo d'Olio 2018 | Segmentare l'extra vergine.  Come si presenta l'Italia dell'olivo e dell'olio? Quante aziende olivicole vi sono? A quanto ammonta la produzione interna di olia da olive e a quanto invece è necessario importare? Quanto incide il consumo mondiale di olio da olive e quanto la produzione di olio certificato e di qualità? E i dati import / export?

Olio Officina

Il settore dell'olio in Italia

Riportiamo, tal quale, a beneficio di chi ci segue, la nota stampa diffusa da Federolio in relazione allo storico accordo tra la stessa Federolio e Coldiretti e Unaprol. L'incontro si è svolto a Roma lo scorso 28 giugno,  nell'ambito della convention "Filo d'Olio. Segmentare per crescere: nuove prospettive di consumo e di offerta". 

Dopo aver letto il resoconto ufficiale (QUI) e l'indagine Doxa commissionata da Federolio (QUI), proseguiamo con uno sguardo in sintesi del settore olivicolo e oleario, compreso anche questo, nella nota ufficiale diffusa da Msl Group per conto di Federolio.

Le aziende olivicole in Italia

In Italia si stima che siano circa 825mila le aziende olivicole con un patrimonio di oltre 350 cultivar differenti, una ricchezza e varietà che non ha uguali al mondo. Purtroppo per le caratteristiche delle aziende (dimensioni troppo piccole o specializzazione olivicola medico bassa) solo il 37% risulta essere competitivo sul mercato.

La produzione italiana di olio d’oliva e la necessità di ricorrere all’import

Il 2017 è stato caratterizzato da una forte ripresa produttiva attestandosi sulle 432.000 tonnellate, in fortissima crescita rispetto alle 182.000 del 2016 ma senza raggiungere le 475.000 del 2015. Confermate le caratteristiche ormai distintive del nostro sistema: la produzione domestica è soggetta ad una fortissima variabilità e tendenzialmente in calo negli ultimi anni, il consumo è stabilmente superiore alla produzione sancendo la non autosufficienza del Paese e la necessità dell’import sia per far fronte alla domanda interna che per permettere l’export.

La produzione nazionale è, infatti, fortemente insufficiente a coprire il fabbisogno interno e quello necessario alle attività di export, pari complessivamente a 1 milione di tonnellate. Se infatti si considera che il consumo interno di oli da olive si attesta intorno alle 600mila tonnellate e che circa 400mila sono le tonnellate di cui le nostre aziende hanno bisogno per quell’attività di export che fa dell’Italia il primo Paese esportatore di olio da olive in confezioni, ben si comprende come sia da sempre strutturalmente indispensabile selezionare anche in mercati esteri l’olio che la produzione nazionale non è in grado di fornire. La produzione è concentrata principalmente al sud con la Puglia che da sola contribuisce con il 51,9% al totale nazionale, seguita da Calabria (13,6%) e Sicilia (11%). Lazio e Toscana raggiungono ciascuna il 4,3%.

Gli oli di qualità

L’Italia è prima per numero di riconoscimenti in Europa vantando 46 prodotti a denominazione, il 40% del totale. La produzione di olio certificato, non supera però il 2-3% del totale in quantità restando sotto le 10 mila tonnellate. 

Il consumo mondiale

La domanda di olio d’oliva a livello globale ha smesso di crescere nel 2012 attestandosi attorno ai 3 milioni di tonnellate rappresentando quindi appena il 4-5% dei consumi mondiali di grassi lasciando quindi un enorme spazio di crescita in particolare in quei paesi dove l’abitudine al consumo è ancora assente.

Import ed Export

L’Italia è stabilmente al primo posto tra i paesi importatori (531.000 tonnellate nel 2017) seguita da Stati Uniti (318.000), Spagna (172.000) e Francia (118.000) ed al secondo posto (411.000 tonnellate nel 2017) tra i paesi esportatori dopo la Spagna (1.229.000) e prima del Portogallo (135.000).

La foto di apertura è di Luigi Caricato

Iscriviti alle
newsletter