Economia

Una oleoteca vista dal di dentro

A Spello, per chi ha piacere di capire come è fatta una oleoteca, si può andare a visitare e sperimentare una realtà modello, ideata e progettata in ogni minimo particolare dall'architetto (e anche produttrice in proprio) Monia Caneschi. Inizia da qui un nostro viaggio a puntate nelle oleoteche d'Italia e nel resto del mondo

Olio Officina

Una oleoteca vista dal di dentro

Lei, Monia Caneschi, ha tutta la nostra ammirazione. Sempre presente nell'ambito di Olio Officina Festival, dove peraltro si è imposta all'attenzione di tutti per essere una architetto e una designer di successo.

Il packaging e il design degli oli di Mia Italy sono impareggiabili, e non è un caso che le giurie delle varie edizioni del concorso le abbiano assegnato ogni volta posizioni di rilievo, con primi posti meritatissimi per stile e originalità. Nell'edizione 2020 si è presentata peraltro anche con progetti effettuati per altre aziende olearie.

Monia Caneschi, tuttavia, non è solo questo, è anche l'ideatrice di una oleoteca in Umbria, a Spello, che invitiamo a visitare. È una oleoteca modello, con molte proposte formative.

Si chiama in modo strano: E*tra Vergine Oleoteca. Noi ne avevamo scritto nel 2017, proprio all'esordio. Intervistata lei disse, per precisare e definire quanto aveva realizzato, che si trattava di un format, non qualcosa di chiuso in se stesso, ma un progetto riproducibile altrove. Per questo noi di Olio Officina abbiamo pensato bene di iniziare a promuovere e caldeggiare l'idea di contribuire in qualche modo a far aprire nuove oleoteche, in Italia e nel resto dei Paesi.

"Il format - ci aveva infatti confidato a suo tempo l'architetto Monia Caneschi, a ribadire quello che è il nostro pensiero riguardo alle oleoteche - ha già riscosso interesse per poter essere replicato altrove, sia in altre città italiane, sia, soprattutto, all’estero, da dove era iniziata la mia prima progettazione-ideazione".

Il tavolo che vedete, in solido legno di quercia, è fantastico. Lungo sei metri, accoglie tanta gente che può scambiarsi un sorriso e le impressioni sugli oli degustati. Certo, di questi tempi che ci hanno stravolto la vita sarà tutto più difficile, ma con le dovute distanze, nonostante le giuste paure per il coronavirus, si può prendere posto e iniziare a capire gli oli attraverso l'assaggio in purezza o in abbinamento ad altri alimenti.

Qualcuno vuole forse obiettare sul perché della presenza di un tavolo in legno di quercia anziché di olivo? Suvvia, non siate così rigidi: oggi è il 2 giugno, festa della Repubblica. Non sapete forse che nello stemma vi sono sia l'ulivo, sia la quercia? L'emblema della Repubblica Italiana è infatti caratterizzato da tre elementi: la stella, la ruota dentata e i rami dell'ulivo e della quercia.

Il ramo di ulivo simboleggia in particolare la volontà di pace della nostra nazione, sia nel senso della concordia interna, sia nel senso della fratellanza internazionale. 

Il ramo di quercia che chiude a destra l'emblema, incarna la forza e la dignità del popolo italiano. Entrambi i simboli, ulivo e quercia, sono inoltre l'espressione delle specie arboree più tipiche del Paese. 

La ruota dentata d'acciaio è invece il simbolo dell'attività lavorativa, e traduce il primo articolo della Carta Costituzionale: "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro". 

Infine, la stella, è uno degli oggetti più antichi del patrimonio iconografico italiano ed è sempre stata associata alla personificazione dell'Italia. Lo sapevate?

Ora, intanto che avete letto in merito a questo interessante concept di oleoteca, immagino che siate tutti così curiosi da voler di gran corsa recarvi a Spello, vero? Fate bene, certo, ma, attenzione: in questo periodo difficile, nel vivo della complessa Fase 2 conseguente all'emergenza Covid, al momento l'Oleoteca di Monia Caneschi non ha ancora riaperto. Sarà a breve riprogrammata l'apertura con i soliti orari, ovvero tutti i giorni dal martedì alla domenica, con orario continuato dalle ore 10 alle 24. Per l'E*VO experience, in questo periodo è indispensabile la prenotazione via WhatsApp al numero 3382292881. 

Iscriviti alle
newsletter