Economia

Xylella fastidiosa, tanta paura

Tutto quanto serve sapere. Nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, il numero 15 del 29 gennaio 2015, compare la ridefinizione delle aree appositamente delimitate

Olio Officina

Xylella fastidiosa, tanta paura

L’anno 2015, il giorno 16 del mese di gennaio in Bari, presso la sede dell’Area Politiche per lo Sviluppo
Rurale ‐ Lungomare Nazario Sauro 45/47, il funzionario dell’Ufficio Osservatorio Fitosanitario sulla base dell’istruttoria effettuata, riferisce:

Visto il D. Lgs. n° 214 del 19/08/05 che dispone che i Servizi Fitosanitari Regionali istituiti dal Decreto Legislativo 536/92, devono espletare le attivita di controllo fitosanitario sul territorio regionale, in particolare attraverso il monitoraggio sul territorio degli organismi nocivi da quarantena e oggetto di lotta obbligatoria.
Considerato che in applicazione di tale normativa, l’Ufficio Osservatorio Fitosanitario nell’ambito delle proprie attivita di controllo, ad ottobre 2013 ha riscontrato nella provincia di Lecce la presenza, su alcune specie vegetali e in particolare su olivo, del batterio Xylella fastidiosa, patogeno da quarantena.

Vista la DGR n. 2023 del 29/10/2013 (BURP 153/2013), che ha stabilito specifiche misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l’eradicazione della Xylella fastidiosa, prevedendo il monitoraggio del territorio, il prelievo di campioni da sottoporre alle analisi di laboratorio e l’abbattimento delle piante risultate infette.

Vista la DDS 157 del 18/04/2014, con cui sono state istituite le aree delimitate a seguito dei risultati del monitoraggio effettuato da novembre 2013 a marzo 2014.

Vista la Decisione di esecuzione della Commissione Europea 2014/497/UE del 23/07/2014 che prevede che ogni Stato membro deve effettuare ispezioni sulla Xylella e deve definire le “zone delimitate”.

Considerato che, a seguito degli esiti del monitoraggio effettuato da maggio ad agosto 2014, sono stati individuati numerosi focolai nella provincia di Lecce che hanno evidenziato una rapida espansione delle infezioni di Xylella, per cui la maggior parte della Provincia di Lecce deve essere definita zona infetta.

Visto il Decreto del Ministeriale n. 2777 del 26/09/2014 che ha recepito la Decisione di esecuzione della Commissione Europea 2014/497/UE del 23/07/2014 e che all’art. 10 ha previsto che il Servizio fitosanitario regionale comunichi la modifica della zona delimitata della Provincia di Lecce, di cui alla DDS 157 del 18/04/2014, identificando i nuovi confini della zona infetta e la rispettiva zona cuscinetto.

Considerato che, il Servizio fitosanitario regionale, allo scopo di costituire una ulteriore barriera di sicurezza per contrastare l’espansione territoriale dell’organismo specificato, ha previsto, inoltre, l’individuazione
di un “cordone fitosanitario” posto a nord della zona cuscinetto e trasversalmente alla penisola salentina, con larghezza di circa 2 Km.

Considerato che, per individuare il confine della zona infetta e delimitare la relativa zona cuscinetto nonché il cordone fitosanitario, e stata effettuata nel periodo da settembre a novembre 2014 un’attivita di monitoraggio capillare.

Preso atto dei risultati delle analisi di laboratorio e delle analisi di conferma dei campioni di materiale vegetale prelevati nel precitato periodo, sono stati individuati catastalmente i limiti della zona infetta, della relativa zona cuscinetto e del cordone fitosanitario.

Ritenuto necessario dare massima informazione della ridefinizione dell’area delimitata e della localizzazione del cordone fitosanitario.

Per quanto sopra riportato e di propria competenza, si propone:

‐ di stabilire che la “Zona infetta” da Xylella fastidiosa e costituita dal territorio della Provincia di Lecce ricadente a Sud della zona cuscinetto come rappresentata graficamente nell’Allegato 1, facente parte integrante del presente provvedimento;

‐ di precisare che l’elenco dei Comuni che ricadono interamente o parzialmente nella zona infetta e riportato nell’Allegato 2, facente parte integrante del presente provvedimento, con l’indicazione per i Comuni parzialmente delimitati dei fogli di mappa compresi nella zona infetta;

‐ di precisare che il territorio dei Comuni di: Porto Cesareo, Salice Salentino, Guagnano, Veglie, non ricade nella zona infetta;

‐ di stabilire che la “Zona cuscinetto” e costituita dal territorio contiguo alla zona infetta ed a Nord della stessa, come rappresentata graficamente nell’Allegato 1, i cui estremi catastali (Comune e fogli di mappa interessati), sono riportati nell’Allegato 2;

‐ di stabilire che il “Cordone fitosanitario” di cui al comma 3 dell’art. 10 del DM 2777/2014, e costituito dall’area rappresentata graficamente nell’Allegato 1, i cui estremi catastali (Comune e fogli di mappa interessati), sono riportati nell’Allegato 2;

‐ di stabilire che la cartografia delle Zone delimitate e consultabile sul sito www.sit.puglia.it e che inoltre per i Comuni ricadenti parzialmente nella zona infetta e/o nella zona cuscinetto e/o nel cordone fitosanitario, l’elenco degli estremi catastali (foglio di mappa e relative particelle) del territorio ricadente in tali aree, sara pubblicato sul portale istituzionale della Regione Puglia (www.regione.puglia.it), e nei siti www.svilupporurale.regione.puglia.it e www.sit.puglia.it, al fine di consentire la consultazione da parte di tutti i soggetti interessati;

‐ di rendere noto ai proprietari o conduttori a qualsiasi titolo dei fondi ricadenti nella zona cuscinetto, l’obbligo di eseguire le misure fitosanitarie di cui al comma 4 e alle lettere a) e b) del comma 5 dell’art. 10 del DM 2777/2014;

‐ di rendere noto ai proprietari o conduttori a qualsiasi titolo dei fondi ricadenti nel cordone fitosanitario, l’obbligo di eseguire le misure fitosanitarie di cui alle lettere a) e b) del comma 5 dell’art.
10 del DM 2777/2014;

‐ di stabilire che con successivo atto dirigenziale per la “fascia di zona infetta di 1 km contigua alla zona cuscinetto” di cui al comma 7 dell’art. 10 del DM 2777/2014, saranno resi noti i riferimenti catastali del territorio ricadente nella predetta fascia, per l’esecuzione delle misure fitosanitarie obbligatorie di cui al comma 7 dell’art. 10 del DM 2777/2014;

‐ di rendere noto ai proprietari o conduttori a qualsiasi titolo dei fondi ricadenti nella zona infetta, l’obbligo di eseguire le misure fitosanitarie di cui al DM 2777/2014 e al decreto ministeriale in corso di emanazione;

‐ di stabilire che, allo scopo di rendere nota la definizione delle precitate aree ai proprietari o conduttori dei fondi ricadenti nelle stesse, nonche gli obblighi disposti dal DM 2777/2014 a carico degli stessi, il presente atto deve essere inviato a tutti i Comuni interessati, alle associazioni di produttori, alle organizzazioni professionali di categoria.


VERIFICA AI SENSI DEL D. Lgs 196/03 Garanzie alla riservatezza

La pubblicazione dell’atto all’albo, salve le garanzie previste dalla legge 241/90 in tema di accesso ai  documenti amministrativi, avviene nel rispetto della tutela alla riservatezza dei cittadini, secondo quanto disposto dal D. Lgs. 196/03 in materia di protezione dei dati personali, nonche dal vigente regolamento regionale n. 5/2006 per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari.

Ai fini della pubblicita legale, l’atto destinato alla pubblicazione e redatto in modo da evitare la diffusione di dati personali identificativi non necessari ovvero il riferimento a dati sensibili.

ADEMPIMENTI CONTABILI. Ai sensi della L. R. n. 28/2001 e successive modifiche e integrazioni

Il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo o quantitativo di entrata o di spesa ne a carico del bilancio regionale ne a carico degli enti per cui debiti i creditori potrebbero rivalersi sulla Regione (e che e escluso ogni ulteriore onere aggiuntivo rispetto a quelli gia autorizzati a valere sullo stanziamento previsto dal bilancio regionale).

I sottoscritti attestano che il procedimento istruttorio loro affidato, e stato espletato nel rispetto della vigente normativa regionale, nazionale e comunitaria e che il presente schema di provvedimento, predisposto ai fini dell’adozione dell’atto finale da parte del Dirigente del Servizio Agricoltura, e conforme alle risultanze istruttorie.

Il Funzionario responsabile
Dott.ssa Anna Percoco


Tutto cio premesso, IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AGRICOLTURA

Visti gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97;

Vista la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98;

Visti gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01;

RITENUTO, per le motivazioni sopra riportate, che vengono condivise, di emanare il presente provvedimento;

DETERMINA

‐ di approvare e confermare tutto quanto riportato nelle premesse;

‐ di stabilire che la “Zona infetta” da Xylella fastidiosa e costituita dal territorio della Provincia di Lecce ricadente a Sud della zona cuscinetto come rappresentata graficamente nell’Allegato 1, facente parte integrante del presente provvedimento;

‐ di precisare che l’elenco dei Comuni che ricadono interamente o parzialmente nella zona infetta e riportato nell’Allegato 2, facente parte integrante del presente provvedimento, con l’indicazione per i Comuni parzialmente delimitati dei fogli di mappa compresi nella zona infetta;

‐ di precisare che il territorio dei Comuni di: Porto Cesareo, Salice Salentino, Guagnano, Veglie, non ricade nella zona infetta;

‐ di stabilire che la “Zona cuscinetto” e costituita dal territorio contiguo alla zona infetta ed a Nord della stessa, come rappresentata graficamente nell’Allegato 1, i cui estremi catastali (Comune e fogli di mappa interessati), sono riportati nell’Allegato 2;

‐ di stabilire che il “Cordone fitosanitario” di cui al comma 3 dell’art. 10 del DM 2777/2014, e costituito dall’area rappresentata graficamente nell’Allegato 1, i cui estremi catastali (Comune e fogli di mappa interessati), sono riportati nell’Allegato 2;

‐ di stabilire che la cartografia delle Zone delimitate e consultabile sul sito www.sit.puglia.it e che inoltre per i Comuni ricadenti parzialmente nella zona infetta e/o nella zona cuscinetto e/o nel cordone fitosanitario, l’elenco degli estremi catastali (foglio di mappa e relative particelle) del territorio ricadente in tali aree, sara pubblicato sul portale istituzionale della Regione Puglia (www.regione.puglia.it), e nei siti www.svilupporurale.regione.puglia.it e www.sit.puglia.it, al fine di consentire la consultazione da parte di tutti i soggetti interessati;

‐ di rendere noto ai proprietari o conduttori a qualsiasi titolo dei fondi ricadenti nella zona cuscinetto, l’obbligo di eseguire le misure fitosanitarie di cui al comma 4 e alle lettere a) e b) del comma 5 dell’art. 10 del DM 2777/2014;

‐ di rendere noto ai proprietari o conduttori a qualsiasi titolo dei fondi ricadenti nel cordone fitosanitario, l’obbligo di eseguire le misure fitosanitarie di cui alle lettere a) e b) del comma 5 dell’art. 10 del DM 2777/2014;

‐ di stabilire che con successivo atto dirigenziale per la “fascia di zona infetta di 1 km contigua alla zona cuscinetto” di cui al comma 7 dell’art. 10 del DM 2777/2014, saranno resi noti i riferimenti catastali del territorio ricadente nella predetta fascia, per l’esecuzione delle misure fitosanitarie obbligatorie di cui al comma 7 dell’art. 10 del DM 2777/2014;

‐ di rendere noto ai proprietari o conduttori a qualsiasi titolo dei fondi ricadenti nella zona infetta, l’obbligo di eseguire le misure fitosanitarie di cui al DM 2777/2014 e al decreto ministeriale in corso di emanazione;

‐ di stabilire che, allo scopo di rendere nota la definizione delle precitate aree ai proprietari o conduttori dei fondi ricadenti nelle stesse, nonche gli obblighi disposti dal DM 2777/2014 a carico degli stessi, il presente atto deve essere inviato a tutti i Comuni interessati, alle associazioni di produttori, alle organizzazioni professionali di categoria;

‐ di stabilire che il presente provvedimento deve essere trasmesso all’Ufficio del Bollettino per la pubblicazione sul BURP, e sul sito istituzionale della Regione (www.regione.puglia.it) e ad InnovaPuglia
per la pubblicazione sui siti www.svilupporurale.regione.puglia.it e www.sit.puglia.it,

‐ di stabilire che il presente atto e immediatamente esecutivo.

Il presente atto, composto di n° 6 (sei) facciate timbrate e vidimate e dagli Allegati 1 composto da 1 pagina timbrata e vidimata e dall’Allegato 2 composto da 3 pagine timbrate e vidimate, e redatto in un unico originale che sara conservato agli atti del Servizio.

Una copia conforme all’originale sara trasmessa alla Segreteria della Giunta Regionale; una copia all’Assessore Regionale alle Risorse Agroalimentari; una copia all’Ufficio proponente. Non sarà trasmesso all’Area Programmazione e Finanze ‐ Servizio Ragioneria ‐ in quanto non sussistono adempimenti
contabili.

Il Dirigente del Servizio Agricoltura
Dr. Giuseppe D’Onghia

ALLEGATO 1

ALLEGATO 2

Iscriviti alle
newsletter