Economia

Zero chilometri zero

E‘ on line il nuovo video di Coltura&Cultura, l’ennesimo di una fortunata serie con cui si presenta un progetto dedicato alla cultura alimentare a partire dall’agricoltura. La questione di partenza è: potremmo davvero comprare solo frutta e verdura “a Km 0”? L’agronomo Duccio Caccioni ci racconta una geografia molto particolare, mai insegnata a scuola. Il vero prodotto locale è quello italiano

Olio Officina

Zero chilometri zero

Le lettrici e i lettori di Olio Officina Magazine già conoscono i videoclip realizzati in tutti questi mesi dal portale Coltura &Cultura, piazza telematica in cui si racconta come nasce e come arriva sulle nostre tavole ciò che mangiamo, il tutto in una formula originale e in una modalità compleatamente nuova: giovane per i giovani, ben ritmata, per nulla noiosa, anzi ispirata a un linguaggio moderno, nello stile televiviso di alto profilo per contenuti, accessibilità al pubblico, e moduli espressivi.

Per chi non lo sapesse, si tratta di una iniziativa di Bayer CropScience, che vanta il patrocinio di diverse realtà, l’Asa, l’Associazione stampa agroalimentare, l’Unaproa, l’Unione nazionale tra le organizzazioni dei produttori ortofrutticoli, agrumari e di frutta in guscio, oltre che dell’Accademia dei Georgofili.
Questa iniziativa è mirata a far conoscere come nasce quello che mangiamo e nello stesso tempo a valorizzare le grandi colture italiane frutto dell’innovazione di “oggi e di ieri”.

Parte del progetto sono i “video” di Coltura & Cultura: una serie di brevi filmati dal format assolutamente originale che in maniera semplice, divertente ma nello stesso tempo educativa raccontano al grande pubblico aspetti della produzione dei prodotti legati all’innovazione e sconosciuti al consumatore: per imparare a conoscere veramente e ad apprezzare i cibi che ogni giorno portiamo a tavola.

E ora, ecco l’ultimo videoclip realizzato, dal titolo Zero chilometri zero, di cui è sempre protagonista l’agronomo Duccio Caccioni. La questione di partenza è la seguente: potremmo davvero comprare solo frutta e verdura “a chilometri zero”, cioè locali, ed evitare di consumare tanta energia per trasportarla su e giù per l’Italia? Risponde a questa domanda, appunto, l’agronomo Duccio Caccioni, che in questo video racconta una geografia molto particolare, che a scuola non ci hanno mai insegnato: una geografia “Made in Italy” che racconta “veramente” da dove viene quello che mangiamo!

GUARDA IL VIDEO QUI

Per chi ha piacere di registrarsi al portale di Coltura & Cultura, potrà, iscrivendosi, ricevere in anteprima i prossimi video, oltre agli aggiornamenti dei vari contenuti pubblicati.

Iscriviti alle
newsletter