Mondo

L’autonomia alimentare dell’Ue deve essere una priorità

La Commissione europea e gli Stati membri devono continuare a lavorare seguendo quanto attuato finora, afferma il ministro dell’agricoltura spagnolo, Luis Planas, in un incontro con il ministro francese Marc Fesneau. Le grandi incertezze dovute ai rincari e alle difficoltà di reperimento delle materie prime presentano un problema sempre maggiore, e solo una continua strategia comune porterà a risultati efficaci e duraturi

Olio Officina

L’autonomia alimentare dell’Ue deve essere una priorità

Il ministro dell’agricoltura, Luis Planas, afferma che “dobbiamo lavorare per garantire l’autonomia alimentare nell’Unione europea e cercare soluzioni congiunte ai problemi globali”, in un contesto internazionale complesso che influisce sulla produzione agricola a causa delle conseguenze economiche e sociali dell’invasione russa in Ucraina.

Planas ha incontrato il ministro dell’agricoltura e della sovranità alimentare della Francia, Marc Fesneau, nella prima riunione bilaterale in cui hanno esaminato l’attuale situazione internazionale, in particolare i problemi affrontati dal settore agricolo a causa della siccità e dell’aumento dei prezzi.

Le alte temperature registrate in Europa quest’estate e le scarse precipitazioni hanno già portato a una riduzione del raccolto di cereali, impattando sulle altre produzioni. Tutto questo, insieme ai rincari del petrolio e all’aumento del prezzo del gas, genera grande incertezza nei mercati e la conseguente volatilità dei costi.

Pertanto, sia la Commissione europea che gli Stati membri devono lavorare insieme, “come è stato fatto finora”, e consentire meccanismi per aiutare il settore a garantire la redditività e l’offerta ai cittadini.

Planas ha espresso l’impegno di entrambi i Paesi di continuare a lavorare per raggiungere l’autonomia dell’Unione europea nella produzione di fertilizzanti, poiché sono un “elemento chiave per la nostra agricoltura e il nostro bestiame”, un parere condiviso dal ministro francese.

Il ministro ha anche fatto riferimento agli effetti della siccità, che colpisce gravemente il 47% del territorio dell’Unione europea secondo una relazione della Commissione europea.

A tal proposito, Planas ha ricordato che il governo spagnolo ha convocato il 4 marzo la tabella della siccità e successivamente sono state promosse “misure di risposta efficace” ancora in vigore, come i crediti d’imposta, le misure sociali e di liquidità, nonché la promozione delle opere idrauliche. Un impegno del valore di 450 milioni di euro.

Per il ministro spagnolo, “siamo in un nuovo momento, in cui devono essere prese in considerazione molte strategie relative all’acqua”.

L’irrigazione sostenibile è essenziale per la sicurezza alimentare, e un ammodernamento degli impianti risulta ormai inevitabile tanto che per i prossimi sei anni sono previsti 2,15 miliardi in sostegno a progetti in questo settore: è necessario fare un uso razionale ed efficace di questa risorsa tanto necessaria per l’agricoltura.

Tra le iniziative normative in sospeso c’è la futura regolamentazione sulle indicazioni geografiche. Spagna e Francia condividono che le cifre di qualità differenziata “sono uno strumento fondamentale per la valorizzazione dei nostri prodotti agroalimentari”.

Nel corso della riunione sono state scambiate anche opinioni sulla proposta di regolamento sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, che la Commissione europea ha pubblicato nel giugno di quest’anno.

Il ministro comprende che “dobbiamo fare progressi nell’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari”, ma in modo tale che gli agricoltori possano utilizzare sostanze alternative ed è importante che si tenga conto del principio di reciprocità.

Per Luis Planas, è fondamentale che tutti quei prodotti importati nell’Unione europea siano stati realizzati seguendo le stesse condizioni a cui gli agricoltori e gli allevatori europei devono sottostare. Pertanto, “dobbiamo garantire che questo elemento di reciprocità sia garantito in tutti i negoziati commerciali in corso”.

In apertura, foto di Olio Officina©

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.