Mondo

Lo spreco alimentare riguarda tutti: chi lo consuma, chi lo produce

Le industrie agroalimentari spagnole svolgono un ruolo determinante per la lotta agli sprechi. Se fino a qualche anno fa le azioni per il raggiungimento di questo scopo erano limitate a donare il cibo in eccedenza, oggi tutti gli attori della filiera vengono formati per lavorare in un’ottica sostenibile. Solo così l’adozione di pratiche e tecnologie innovative assume un valore maggiore. Il governo spagnolo affiancherà le aziende, con l'obiettivo di ridurre in modo consistente i rifiuti del settore entro il 2030

Olio Officina

Lo spreco alimentare riguarda tutti: chi lo consuma, chi lo produce

Il ministro dell'agricoltura, Luis Planas, ha sottolineato che l'industria alimentare "ha svolto un ruolo molto importante nella lotta contro lo spreco alimentare" e che con le azioni che ha attuato "ha fatto passi da gigante" nella sua riduzione.

Planas ha ribadito l'importanza degli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione, per ottimizzare le risorse e ottenere una maggiore durata degli alimenti, migliorare le condizioni di conservazione, innovare il design degli imballaggi, produrre utilizzando tecnologie pulite e sviluppare catene del valore eco-efficienti incorporando sistemi digitali volti all'efficienza globale. 

Il ministro Planas ha chiuso la terza edizione del Forum partecipativo dell'industria alimentare sul progetto di legge sulla prevenzione delle perdite e degli sprechi alimentari, organizzato dal ministero dell'agricoltura al Palacio Condestable di Pamplona, dopo le sessioni di Valencia, rivolta a consumatori e Ong, e Barcellona, per la distribuzione e il canale Horeca.

Si tratta di una serie di conferenze settoriali a carattere partecipativo, che raccolgono esperienze e proposte per poterle proiettare nella Legge stessa.

Il ministro ha sottolineato che nell'elaborazione del progetto di legge, il ministero "ha compilato il gran numero di buone pratiche commerciali e sociali che già esistono" per combattere lo spreco alimentare.

"Non partiamo da zero", ha ribadito, e l'industria agroalimentare "è sempre più consapevole della necessità di ridurre l'impatto economico, sostenibile ed etico" di questo problema. 

Ha ricordato che solo pochi anni fa, le azioni di responsabilità sociale legate ai rifiuti erano limitate alle donazioni di cibo in eccesso.

Oggi, circa il 71% delle industrie agroalimentari ha già una strategia interna definita per lottare contro gli sprechi; più del 61% di esse promuove buone pratiche e il 51% promuove azioni congiunte con i propri fornitori.

In termini di donazioni, più del 53% delle aziende del settore hanno accordi stabili con organizzazioni sociali.  "Queste sono cifre di cui essere orgogliosi", conclude. 

Questa realtà, insieme alla ricerca e all'innovazione, alla formazione dei dipendenti, all'analisi dell'efficienza dei processi, al controllo delle scorte e allo scambio di informazioni lungo la catena, tra gli altri, sono esempi di pratiche che vengono sempre più attuate nell'industria alimentare.

Tutto ciò mette le industrie agroalimentari in una buona posizione per affrontare le novità del progetto di legge che Planas ha annunciato di voler portare al Consiglio dei ministri in primavera per la successiva elaborazione parlamentare.

Responsabilità del governo

Luis Planas ha inserito questa iniziativa nel quadro degli impegni della Spagna per l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, così come le aspirazioni delle politiche dell'Ue, che mirano anche a dimezzare lo spreco alimentare.

Porre fine a questo fenomeno è uno degli aspetti più cruciali quando si tratta di articolare sistemi alimentari sostenibili e un'economia circolare.

Il ministro Planas ha anche ricordato i due obiettivi specifici che la Spagna si è posta come parte della Strategia di Sviluppo Sostenibile e come parte della Relazione sui progressi 2021, che è stata presentata alle Nazioni Unite lo scorso luglio durante il Forum politico di alto livello sullo sviluppo sostenibile.

Il primo, quello di rivedere, entro la fine del 2022 e in collaborazione con le istituzioni dell'Ue, la legislazione sulla durata minima, la scadenza e le date di scadenza.

E il secondo ha lo scopo di ridurre la produzione di rifiuti alimentari entro il 2030 (50% nelle famiglie e nella vendita al dettaglio e 20% nella produzione e nelle catene di approvvigionamento).

Il governo si assumerà anche nuove responsabilità.

Dovrà elaborare un piano strategico in coordinamento con altri ministeri che definisca la strategia generale contro lo spreco alimentare e le linee guida e la struttura che le comunità autonome dovranno seguire nelle loro azioni in questo settore.

Inoltre, il ministero dopo aver consultato gli altri ministeri coinvolti, deve elaborare un Piano Nazionale per il controllo delle perdite e degli sprechi alimentari, che conterrà gli obiettivi generali e le priorità da seguire e che sarà integrato nel Piano Strategico.

Il governo elaborerà anche un rapporto annuale sui risultati dell'attuazione del piano nazionale, che dovrà riferire al Parlamento.

La legge rende anche obbligatorio per le amministrazioni pubbliche realizzare campagne d'informazione e redigere guide di buone pratiche per migliorare la gestione degli alimenti.

In apertura, foto di Olio Officina©

TAG: mapa

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter