Cook

Notturno, un extra vergine ligure dalla personalità peculiare

Lo produco, lo racconto. Secondo Demis Bassan, produttore ligure di Pompeiana, in provincia di Imperia, il principio con cui si lavora è "rapida azione, pronta lavorazione". Da olive Taggiasca, colpisce il "sicuro carattere" dell'olio estratto. Equilibrato ma con carattere. Nella passata olivagione la raccolta è avenuta in notturna. Là dove tutto avviene è un luogo accogliente, di scambio culturale: "vorremmo diventasse un laboratorio di iniziative in campo rurale"

Olio Officina

Notturno, un extra vergine ligure dalla personalità peculiare

Premere olive taggiasche in Liguria occidentale raccolte in una notte di fine ottobre ha un senso. Il cambiamento climatico in atto si riflette anche sul comportamento degli olivi, alberi "lenti", prudenti nell'adattamento, ma molto sensibili.

Quando si vive e si lavora a Pompeiana, provincia di Imperia, antico fondo romano ligure, prossimo alla costa, alcune problematiche emergono con forza. Il caldo penetrante dell'estate prosegue fino ad ottobre inoltrato, in varia forma. Le olive maturano precocemente e vogliono essere raccolte.

Se ne accorge il rurale esperto, soprattutto quello che ha vissuto la rivoluzione del passaggio dalla bacchiatura con palo di legno a quella con scuotitore meccanico.

L'oliva la senti, più dura a staccarsi se avverte il freddo, molle, con il caldo. Già in un pomeriggio inoltrato di ottobre l'oliva ligure occidentale, la Taggiasca, comincia a pensare alla sera rinfrescante. Starà meglio, di sera. Sarà più sé stessa, di sera.

Per questo un'oliva fresca, molita entro otto ore dalla raccolta, può dare risultati molto interessanti. Perché può preservare caratteristiche peculiari, perché l'olivo è anche un albero "freddo". La prova sta proprio nel "Notturno".

La scelta è stata quella di raccogliere le olive in un podere con alberi di dieci anni, un terreno ricondotto alla coltura dell'olivo.

L'incantevole regione “Costa Panera”

Siamo in Regione Costa Panera di Pompeiana, un concentrato di storia agricola. Di lì si vede il mare, la posizione è invidiabile. Si raccoglie al plenilunio tardo di ottobre. Così dovrebbe sempre essere, in futuro. Quella sera e quella notte del 31 ottobre 2020 si è raccolto. La luna piena non si vedeva, occultata dall'umidità crepuscolare, in un giorno passato dal caldo appiccicoso ad un fresco acquoreo. La squadra di lavoro era composta da membri della famiglia. Il momento storico lo ha imposto.

Nonostante la caligine, la luce della luna è filtrata. E poi le lampade fotoelettriche hanno fatto il resto.

Reti mobili, lavoro rapido e indefesso, ristori caldi sul posto. Rapida azione, pronta lavorazione. Non senza pensieri, perché tutto sommato la stagione calda, con qualche bizzarria di fine luglio, aveva portato le olive già ad una invaiatura piuttosto avanzata.

Nel nuovo frantoio aziendale si era già franto. Però ci si attende, in questo caso, qualcosa di non scontato. E ci sono conferme all'assaggio, per quanto possa contare l'opinione di una persona sola, abituato anche ai propri oli, bene... l'assaggio è stato rivelatore. Di fatto colpisce il carattere.

Un olio che si potrebbe ritenere diretto verso l'estremo delle possibilità per la Taggiasca, equilibrato, sì, ma di sicuro carattere, a suo modo intrigante, passi la parola, persino "croccante" ecco...

Si è avuta una controprova con la successiva molitura di olive raccolte nella stessa regione, sempre da piante giovani e simili, ma di giorno, poco tempo dopo.

La differenza c'è, il “Notturno” ha una sua personalità peculiare. Si è alla prima uscita sul mercato. In realtà, in un periodo così difficile, non è stato possibile attuare anche la parte sociale ed emotiva del progetto.

Nei voti c'è una raccolta notturna e anche un momento di incontro, futuro, per guardare con fiducia all'annata olearia che inizia.

Pompeiana è luogo accogliente, luogo di scambio culturale, vorremmo diventasse un laboratorio di iniziative in campo rurale, in equilibrio tra un passato che rivalutiamo e un futuro che sempre di più dovrebbe vederci legati al territorio che amiamo. Che ricambia. Pure, ligusticamente. 

Demis Bassan

 [testimoniananza raccolta da Alessandro Giacobbe]

Azienda Agricola Bassan

Olio extra vergine di oliva “Notturno”, Dop Riviera Ligure -Riviera dei Fiori

Pompeiana, Imperia, Liguria, Italia

Casa virtuale: oliobassan.it

Potete leggere questo testo anche sul numero 18 del mensile Oliocentrico, pubblicazione sfogliabile digitalmente, edita da Olio Officina

Si ringrazia per le foto Demis Bassan

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter