Gea Terra

C’è chi è contro l’espansione degli oliveti in Andalusia

Nonostante Seo/BirdLife sia parte del progetto Life Olivares Vivos, che riconosce il ruolo strategico di queste piante per la conservazione di determinati volatili, gli ultimi avvenimenti hanno portato l’associazione a esprimere una visione contraria all’incremento degli olivi nella più grande regione olivetata al mondo. Il loro aumento ridurrebbe fortemente altre colture in cui l’otarda e l’otarda minore hanno trovato l’habitat ideale, mettendo fortemente a rischio la loro sopravvivenza. Servono politiche mirate, che tengano conto della redditività degli agricoltori ma che al contempo tutelino la biodiversità

Olio Officina

C’è chi è contro l’espansione degli oliveti in Andalusia

L'espansione degli oliveti in Andalusia sta riducendo l'habitat delle già scarse popolazioni di otarda e otarda minore in questa regione della Spagna.

È questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori spagnoli dell'Università di Córdoba e dell'Università Tecnica di Manabí, Ecuador, in un articolo pubblicato su Bird Conservation International, la rivista scientifica di BirdLife International.

Gli autori hanno analizzato l'espansione degli oliveti in Andalusia, dove, come in molte parti del bacino mediterraneo, questa coltura ha subìto una forte espansione negli ultimi due decenni, in particolare occupando campi di cereali e campagne.

Secondo i ricercatori, "la conversione di questi campi aperti in colture legnose potrebbe influire sulla qualità dell'habitat degli uccelli delle steppe associati a queste colture e ai pascoli naturali".

Gli autori hanno valutato la presenza di nuove aree di oliveti nelle zone in cui sono distribuite le popolazioni di otarda e otarda minore in Andalusia, la più grande regione olivicola del mondo.

Successivamente, hanno confrontato la percentuale dei diversi usi del suolo tra il 2000 e il 2018 utilizzando i dati del Corine Land Cover, che mostra le mappe degli habitat sul territorio. 

I ricercatori evidenziano che, in questo intervallo di 18 anni, i nuovi oliveti hanno occupato il 2,14% e il 2,61% dell'areale dell'otarda e dell'otarda minore, rispettivamente, in Andalusia.

La regressione dei seminativi e l'aumento delle colture legnose sono stati i principali fattori di cambiamento nella composizione del paesaggio durante il periodo di studio. Sottolineano inoltre che l'indice di frammentazione dei terreni coltivabili è stato più alto nel 2018 rispetto al 2000.

"Pertanto, spiegano gli autori, "questi cambiamenti nella configurazione del paesaggio suggeriscono una diminuzione della disponibilità e della qualità dell'habitat per gli uccelli delle steppe, che potrebbe influenzare la loro distribuzione e le dimensioni della popolazione. Inoltre, dal 2000 al 2018 non sono state riscontrate differenze nella percentuale di nuovi oliveti piantati all'interno e all'esterno delle Aree Importanti per l'Avifauna e la Biodiversità, Iba, designate per la conservazione proprio di questi uccelli delle steppe. Questo ci porta a credere che la politica di conservazione debba essere rivista e migliorata per evitare che i cambiamenti nell'uso del territorio siano dannosi per le diverse specie".

Per questo motivo, sottolineano che è urgente regolamentare le nuove piantagioni di olivi per preservare gli habitat della steppa e gli uccelli associati a questo sistema agrario.

Ad esempio, indicano che le nuove colture dovrebbero essere evitate nei telai ad alta densità di impianto sopra i "punti caldi" per l'otarda e l'otarda minore, come i siti di corteggiamento e di nidificazione.

Tuttavia", sostengono gli autori, "l'assenza di un quadro giuridico di protezione per la maggior parte delle Iba rende difficile limitare l'espansione degli oliveti in questi campi.

In questo scenario, la Politica Agricola Comunitaria per il periodo 2023-2027 potrebbe prevedere misure per proteggere e migliorare lo stato di conservazione dei seminativi aperti nelle Iba, insieme a sussidi per evitare che questi terreni vengano convertiti in oliveti intensivi, generalmente più redditizi".

Perdita di habitat qualitativa e quantitativa

Per José Eugenio Gutiérrez, delegato della Seo/BirdLife in Andalusia e responsabile del progetto Life Olivares Vivos +, "questo articolo mostra correttamente l'impatto della perdita di habitat negli agrosistemi cerealicoli a favore delle colture legnose, in questo caso gli oliveti. Mostra l'effetto di questa perdita di habitat sull'otarda e l'otarda minore, cosa che già sapevamo, ma che questo lavoro scientifico mette in cifre".

Sebbene l'espansione degli oliveti negli ultimi due decenni non sia stata così importante dal punto di vista quantitativo (5%, anche se non è trascurabile)", continua Gutiérrez, "è stata importante dal punto di vista qualitativo, perché è avvenuta a costo di occupare terreni agricoli dedicati alle colture cerealicole e ha avuto un impatto sulla perdita e sulla frammentazione dell'habitat che si è aggiunta a quella accumulata nei decenni precedenti.

Dal progetto Life Olivares Vivos, il cui obiettivo è recuperare la biodiversità nell'oliveto e trasformarla in redditività per l'agricoltore, questo messaggio di conservazione delle aree agro-steppiche è stato trasmesso non solo nel documento di raccomandazioni della Pac inviato alla Commissione Europea al termine della prima fase del progetto, ma anche nelle conferenze, nelle presentazioni e nei documenti informativi.

Inoltre, Seo/BirdLife ha presentato numerose denunce per fermare l'espansione degli oliveti in un'area emblematica per gli uccelli delle steppe, come la Zona di Protezione Speciale per gli Uccelli, Zps, Campiñas de Sevilla, un'area della Rete Natura 2000 designata proprio per la protezione di queste specie.

Grazie al progetto Life, è stata dimostrata l'importanza strategica dell'oliveto tradizionale per la conservazione della biodiversità, ma anche per dimostrare che l'espansione di nuovi modelli di olivicoltura a scapito della riduzione e della frammentazione delle aree cerealicole ha un notevole effetto negativo sulla conservazione della biodiversità. 

Per una Pac che protegga gli agro-steppici

Tra i molti aspetti da migliorare nella futura Pac 2023-2027, Seo/BirdLife ritiene essenziale fissare obiettivi che evitino il cambio di destinazione d'uso dell'agricoltura da cereali, leguminose o altre colture erbacee a colture legnose.

A tal fine, è essenziale migliorare la redditività delle colture cerealicole, soprattutto nelle aree della Rete Natura 2000 e nelle Iba non incluse nella Rete.

Tuttavia, è necessario lavorare anche in altre aree non protette da alcuna figura, ad esempio in quelle in cui rimangono piccole macchie di colture cerealicole all'interno della monocoltura dell'olivo, favorendo il paesaggio a mosaico che giova agli uccelli e alla biodiversità in generale.

Sebbene sia vero che anche una parte delle superfici cerealicole situate nelle Zps sia stata convertita a colture legnose, in questi casi il passaggio da cereali a oliveti è stato molto meno intenso che in altre aree.

Ciò dimostra che, se si dispone di piani di gestione adeguati, queste trasformazioni possono essere evitate.

Pertanto, da un lato, sebbene esista una giurisprudenza sul valore delle Iba, è necessario fornire loro una qualche forma di protezione, dall'altro occorre tenere conto del loro valore per la conservazione delle specie di uccelli delle steppe ed estendere la dichiarazione delle Zps per questo valore.

D'altra parte, Seo/BirdLife ritiene importante che, oltre a tutte le aree protette con pianificazioni e gestione efficaci per garantire la conservazione degli habitat e delle specie per cui sono state dichiarate, si sviluppi una politica agricola per promuovere la redditività di questi agrosistemi per i loro agricoltori.

In breve, è prioritario conservare le aree agro-steppiche che ancora rimangono in Andalusia, che sono vitali per la conservazione degli uccelli associati a questi ecosistemi, e quindi "sono necessarie politiche agricole e di mercato per aumentare la redditività di queste colture cerealicole".

Attualmente, per conservare il nostro patrimonio naturale (e, come stiamo vedendo, anche per migliorare la nostra indipendenza alimentare), fermare questa trasformazione dei terreni coltivabili in colture legnose o impianti solari fotovoltaici è una priorità assoluta che richiede un'adeguata pianificazione strategica a livello territoriale e il rispetto degli obiettivi ambientali della nuova Pac.

La conservazione della biodiversità non può ricadere interamente sulle spalle di questi agricoltori che resistono al cambiamento e, finché il mercato agroalimentare, e i consumatori, non avranno incorporato la biodiversità nelle loro dinamiche, urge una politica agricola.

I prossimi mesi saranno fondamentali per la definizione del Piano Strategico della nuova Pac e, in questo senso, la Regione Andalusia deve approfittarne per proporre e portare avanti misure agroambientali specifiche per aumentare la redditività degli agrosistemi cerealicoli andalusi e conservare così il loro grande patrimonio naturale", conclude José Eugenio Gutiérrez. 

In apertura, foto di Olio Officina©

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter