Gea Terra

Il Pepac. Cos’è? Intanto non convince le principali Ong spagnole

Seo/BirdLife, Wwf e altre organizzazioni di rilevanza nazionale hanno mosso critiche importanti al Piano Strategico della Politica Agricola Comune. Ecco cosa è il Pepac! In particolare, è stato analizzato il sistema di monitoraggio del terreno, che oltre a non aumentare i controlli necessari dovrebbe anche essere completato da informazioni incrociate su sanzioni amministrative e reati ambientali. Stanno procedendo nella giusta direzione, invece, gli interventi settoriali innovativi, come l’aiuto agli uliveti tradizionali, potenziando la produzione pur mantenendo un corretto equilibrio della biodiversità

Olio Officina

Il Pepac. Cos’è? Intanto non convince le principali Ong spagnole

Le principali Ong ambientaliste a livello nazionale, Amici della Terra, Ecologisti in Azione, Greenpeace, Seo/BirdLife e Wwf, si sono riunite con i rappresentanti della Segreteria di Stato per l'Ambiente, il massimo organo del Ministero per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica, Miteco, per presentare le loro conclusioni dopo aver analizzato, nella procedura di Valutazione Ambientale Strategica, Vas, il Piano Strategico della Politica Agricola Comune, Pepac, della Spagna per il periodo 2023-2027.

Secondo queste organizzazioni, molti punti devono essere rivisti e migliorati in quest'ultima fase per ottenere un Pepac che sia equa per gli agricoltori che dipendono da questa politica, che promuova la sostenibilità dell'attività agricola e lo sviluppo rurale, e che garantisca cibo sano per tutta la popolazione.

Per questo motivo, avvertono le Ong, il Miteco ha l'ultima possibilità di correggere gli elementi del Pepac che hanno un impatto negativo sull'ambiente e sulla nostra salute, includendoli nella Dichiarazione Ambientale Strategica che presenterà al Ministero dell'Agricoltura, Pesca e Alimentazione, Mapa. Il Pepac deve essere uno strumento per aiutare il settore agricolo ad affrontare sfide importanti come la mitigazione del cambiamento climatico (l'unico settore che ha aumentato le sue emissioni di gas serra del 2,3% tra il 2019 e il 2020) e l'inquinamento delle acque da nitrati (con la recente apertura di una procedura di infrazione da parte della Commissione europea).

Gli aspetti positivi del Pepac, allineati con gli obiettivi del Patto Verde e delle strategie Farm to Table e Biodiversità 2030, devono essere rafforzati e definiti in modo più ambizioso, e deve essere promossa la necessaria e urgente transizione agro-ecologica verso sistemi alimentari sostenibili.

Molti gli aspetti da migliorare

Uno degli aspetti criticati dalle Ong è che la Vas non analizza l'impatto del cosiddetto Basic Income Support for Sustainability e del Redistributive Payment (per la vitalità economica delle aziende agricole), anche se rappresentano il 45% del bilancio totale della Pac e si suppone che contribuiscano per il 40% agli obiettivi ambientali e climatici attraverso la cross-compliance.

Il nuovo piano - spiegano - perpetua, nonostante alcuni aggiustamenti, il sistema basato su diritti e riferimenti storici, che è ingiusto per i produttori delle aziende di Alto Valore Naturale e insostenibile per l'ambiente, poiché dà più priorità ai modelli che all'epoca applicavano un approccio più intensificato nelle zone più produttive.

Per quanto riguarda la condizionalità (rispetto dei regolamenti ambientali e buone condizioni agricole e ambientali), il Pepac non riesce nemmeno a modificare la mancanza di ambizione ambientale incarnata dai regolamenti europei, che ancora non includono parte degli articoli dei regolamenti ambientali che riguardano il settore agricolo.

Anche se le pratiche ereditate dal greening (pagamenti verdi precedenti) sono state parzialmente incorporate, ci sono di nuovo numerose eccezioni e incertezze.

Le Ong ambientali avvertono anche che il sistema di monitoraggio e di sanzioni proposto non aumenta i controlli sul terreno, né prevede sanzioni efficaci, nonostante l'aumento delle inadempienze.

Inoltre, dovrebbe essere completato da informazioni incrociate su sanzioni amministrative e reati ambientali, per un uso più efficiente del denaro pubblico. 

Per quanto riguarda gli eco-schemi (nuovi pagamenti verdi), le Ong sono particolarmente preoccupate per la semina diretta, nota come "agricoltura di conservazione", in quanto comporta l'uso di erbicidi ad ampio spettro, con un impatto provato sulla salute delle persone e sulla biodiversità.

Non convince il fatto che su uno stesso ettaro si possa addebitare una sola pratica, il che sminuisce i sistemi ad alto valore naturale dove si applicano più pratiche benefiche per la natura.

Per quanto riguarda gli aiuti settoriali, le Ong sottolineano che non ci sia stata una valutazione indipendente di ciascuno degli interventi che compongono ogni programma e che siano necessari grandi miglioramenti, in linea con l'11% del bilancio del primo pilastro, per ridurre i numerosi impatti ambientali negativi secondo lo stesso Studio Strategico Ambientale, come l'alto consumo di acqua e di input legati al settore ortofrutticolo.

Una situazione simile si verifica con gli aiuti legati alla produzione (14% del bilancio del primo pilastro) per i quali, inoltre, non vengono proposte misure preventive, correttive o compensative nella valutazione dell'impatto ambientale.

In particolare, non c'è garanzia che le produzioni più intensive sostenute (ingrasso di vitelli, barbabietola da zucchero, riso e pomodoro industriale) riducano i loro impatti, come la dipendenza esterna dalle risorse naturali da deforestazione (come la soia importata) o il consumo eccessivo di acqua, prodotti agrochimici ed energia.

È prioritario ridurre l'uso dei fertilizzanti sintetici e dei liquami degli allevamenti industriali, vista la contaminazione delle acque da nitrati della Spagna e il mancato rispetto della direttiva corrispondente, che la Commissione europea ha denunciato davanti alla Corte di giustizia dell'Ue.

Per quanto riguarda gli interventi di sviluppo rurale, soffrono degli stessi problemi dei precedenti, cioè si mantiene la valutazione congiunta quando, in realtà, ogni comunità autonoma ha fatto il proprio approccio alla maggior parte di essi.

Da un lato, le Ong ambientaliste deplorano che gli interventi proposti dalle comunità autonome includano impegni ambientali e climatici che non vanno oltre la condizionalità (come la gestione integrata dei parassiti) e gli eco-schemi (colture sostenibili con rotazioni o tetti verdi), mentre mancano misure agro-ambientali per sfide trasversali come la coesistenza con i grandi carnivori, il sostegno alla transumanza, il controllo naturale di parassiti e malattie con predatori naturali e un sostegno decisivo con strumenti multipli per la produzione nella Rete Natura 2000.

Allo stesso modo, si è persa l'opportunità di implementare misure innovative, come i pagamenti per risultato, i contratti territoriali per azienda, le banche della terra e l'accettazione di misure agro-ambientali nell'ambito di schemi associativi o collettivi, tra gli altri.

D'altra parte, criticano il fatto che i fondi pubblici continuano ad essere destinati a modelli di produzione con un impatto negativo (i cosiddetti "sussidi perversi"), in particolare agli investimenti produttivi per l'ammodernamento, la trasformazione e le infrastrutture agricole in base ai quali si sovvenzionano le piantagioni intensive di legname a scapito dei Sistemi di Alto Valore Naturale; le macrofile a scapito dell'allevamento estensivo; o la modernizzazione dei sistemi di irrigazione senza risparmiare acqua per garantire il buono stato dei corpi idrici.

Inoltre, verrà conteggiata una percentuale del contributo alla mitigazione e all'adattamento al cambiamento climatico o ad altri aspetti ambientali e, tuttavia, non vengono estesi i requisiti per cui questi interventi devono essere soggetti alla condizionalità ed essere sottoposti al sistema di controlli e sanzioni.

Per quanto riguarda il programma di monitoraggio e follow-up della Pac, le Ong segnalano carenze nel monitoraggio ambientale, ad esempio, l'indicatore per la riduzione delle emissioni nel settore dell'allevamento non è collegato agli interventi sul bestiame; mancano indicatori del regolamento europeo sulla biodiversità agricola, l'agricoltura biologica e la conservazione degli habitat e delle specie, così come altri per valutare i sistemi ad alto valore naturale e il monitoraggio delle popolazioni di uccelli legate agli ambienti agricoli in tutte le comunità autonome.

Cosa è stato fatto di positivo

Nonostante gli aspetti da migliorare, le Ong ambientaliste hanno evidenziato alcuni punti positivi, come l'applicazione della condizionalità anche al regime dei piccoli agricoltori e l'introduzione di una percentuale minima di elementi non produttivi per promuovere la biodiversità in tutte le aziende di seminativi.

O la riduzione dell'importo massimo dei pagamenti diretti (capping) e il nuovo esercizio di convergenza (valori medi regionali e intra-regionali), così come il tentativo di pagamento ridistributivo o il sostegno all'allevamento estensivo attraverso vari strumenti di pagamenti diretti.

Anche se questo non è sufficiente per portare un vero cambiamento nel modello di attuazione della Pac, è un passo nella giusta direzione.

Puntano correttamente anche i nuovi eco-schemi, specialmente il sostegno alla copertura erbacea, agli elementi del paesaggio e ai pascoli estensivi; anche se di nuovo con limitazioni che impediranno risultati più significativi, come la necessaria caratterizzazione preliminare del grado di estensività degli allevamenti.

Sperano che interventi settoriali innovativi, come l'aiuto agli oliveti tradizionali, siano orientati a contribuire positivamente al mantenimento di un agro-ecosistema con un grande potenziale di conservazione della biodiversità di specie in declino, come l'olivastro dal petto rosso, dichiarato Uccello dell'anno2022 dalla Seo/BirdLife, con un declino della popolazione del 94,8% negli ultimi quindici anni.

Tutte queste e altre accuse alla Valutazione Ambientale Strategica, sostenute dalle cinque Ong ambientali, sono state inviate da Seo/BirdLife e Wwf al Mapa, per essere prese in considerazione nel documento finale del Pepac e nella Dichiarazione Ambientale Strategica obbligatoria che il Miteco dovrà preparare.

In apertura, foto di Olio Officina©

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter