Gea Terra

La natura assorbe quasi il 50% delle emissioni causate dall'attività economica umana

La protezione della biodiversità è stata assente dalle decisioni della Cop. Dopo l'accordo di Parigi, solo la Cop25, Cile-Madrid, ha riconosciuto l'importanza della natura nel frenare il riscaldamento globale. Porre fine alla deforestazione ed estendere le pratiche agricole sostenibili potrebbe ridurre, all'anno, l'equivalente di quello che la Cina ha emesso nel 2020. Glasgow deve essere il punto di svolta per abbandonare le politiche climatiche che danneggiano la natura. Questo è ciò che la scienza chiede

Olio Officina

La natura assorbe quasi il 50% delle emissioni causate dall'attività economica umana

La protezione della biodiversità è stata appena menzionata nelle decisioni finali della Cop25sul cambiamento climatico conclusi finora. Dall'adozione dell'accordo di Parigi alla Cop21 nel 2015, la questione è stata menzionata solo in una decisione, alla Cop25, organizzata dal Cile a Madrid. Nel giorno in cui la Cop26 è dedicata alla natura, Seo (Società Spagnola di Ornitologia) /BirdLife chiede che questa situazione cambi radicalmente a Glasgow e chiede alle parti di riconoscere il valore della biodiversità come prima linea di difesa contro il cambiamento climatico e di assicurare che gli strumenti per ridurre le emissioni a zero siano rispettosi della natura.

L'organizzazione esige che, nella "decisione 1" della Cop26 di Glasgow, l'impegno degli Stati a garantire che le risposte alla crisi climatica - le energie rinnovabili, la costruzione di infrastrutture per proteggerci dall'aumento del livello dei mari o la coltivazione di biocarburanti, tra le altre - siano compatibili con la conservazione della biodiversità. L'Ong sostiene anche che le decisioni di questa Cop dovrebbero garantire che le politiche climatiche riconoscano il ruolo cruciale degli ecosistemi sani nell'assorbire l'eccesso di Co2 dall'atmosfera e quindi anche contribuire a garantire che, entro il 2030, il pianeta smetta di perdere la natura e inizi a recuperarla.

 

La natura è assente dalla "Decisione 1"

Le decisioni adottate da ogni Cop sono numerate, con il primo posto riservato alla decisione finale che le parti adottano come conclusioni della riunione, la decisione quadro. Questo documento è decisivo per determinare il grado di ambizione e di impegno raggiunto dai Paesi in ogni riunione e viene utilizzato dagli analisti per determinare il successo o il fallimento di questo evento annuale. Come è logico, la storia della "Decisione 1" si è concentrata sulla determinazione dei progressi nel mitigare l'avanzata del cambiamento climatico, proponendo azioni per adattarsi agli effetti che si stanno verificando, e affrontando la distribuzione degli sforzi. In questo viaggio attraverso la storia della diplomazia, la grande assente è stata la biodiversità, di cui non ci sono praticamente riferimenti.

Nell'ultimo decennio, solo la decisione "Cile-Madrid, Time for Action" ha affrontato la questione al punto 15, sottolineando "il contributo essenziale della natura alla lotta contro il cambiamento climatico e i suoi effetti, così come la necessità di affrontare la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico in modo integrato".

L'inclusione di questo messaggio è stato un passo avanti nello sforzo della diplomazia del clima di proteggere la prima linea di difesa contro il cambiamento climatico, la natura, senza il cui intervento sarà impossibile raggiungere l'urgente obiettivo "zero emissioni". Infatti, si stima che la natura assorba attualmente quasi il 50% delle emissioni causate dall'attività economica umana.

Questo è riconosciuto dalle Nazioni Unite, che sottolineano l'importanza di proteggere e aumentare i pozzi naturali di carbonio - oceani, foreste, zone umide, prati, ecc. - e insistono sull'importanza di attuare soluzioni basate sulla natura, sia per ridurre le emissioni che per proteggerci dagli effetti del cambiamento climatico, per esempio, mantenendo le dune o restaurando le zone umide.

 

Soluzioni climatiche che non aiutano la natura

Nell'unico riferimento alla biodiversità da anni, il vertice Cile-Madrid 2020, le parti hanno spiegato la necessità di affrontare in modo integrato le due grandi sfide dell'umanità, il cambiamento climatico e la sesta estinzione causata dalla perdita di biodiversità. Sfortunatamente, questo non è sempre il caso. Quest'anno, i gruppi di esperti delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico e la biodiversità, Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) e Ipbes (Intergovernmental Science Policy on biodiversity and Ecosystem Services), hanno pubblicato, per la prima volta, una valutazione congiunta. Il rapporto nota ciò che si può vedere nella "decisione 1" della Cop negli ultimi 26 anni: la politica ha affrontato il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità in modo indipendente nella maggior parte delle occasioni.

Gli autori sostengono che trattare questi due problemi come realtà separate è dannoso. In primo luogo, perché le azioni destinate a frenare il cambiamento climatico possono distruggere la natura, e viceversa. E secondo, perché non lavorare insieme impedisce di sfruttare le sinergie e, soprattutto, alle comunità locali di beneficiare di azioni che sono circoli virtuosi.

La loro conclusione finale è che la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico condividono le cause - le attività economiche umane - e si rafforzano a vicenda. Nessuno dei due sarà risolto con successo se non saranno affrontati insieme.

Questo è qualcosa che Seo/BirdLife e i giovani hanno sostenuto nelle strade con il loro grido: "non un grado in più, non una specie in meno".

 

Il potere della natura per ridurre le emissioni

Ridurre la deforestazione e il degrado delle foreste può aiutare a ridurre le emissioni di gas serra prodotte dall'uomo fino a 5,8 miliardi di tonnellate di biossido di carbonio equivalente ogni anno. Questo è quasi il 95% in più di quanto la Spagna emetterà nel 2020.

Impegnarsi in pratiche agricole e forestali sostenibili ha un potenziale annuale di mitigazione del cambiamento climatico fino a sei miliardi di tonnellate equivalenti di biossido di carbonio. Questo è circa la metà delle tonnellate emesse dalla Cina nel 2020.

Per ottenere un clima vivibile, una biodiversità "autosufficiente" e una buona qualità di vita, dobbiamo proteggere e conservare bene il 30-50% di tutta la superficie oceanica e terrestre. Attualmente, le aree protette rappresentano il 15% sulla terra e circa il 7,5% negli oceani, e la loro protezione non sempre garantisce una buona conservazione.

 

Azione climatica negativa per la natura

Gli esperti dell'Ipcc e dell'Ipbes citano alcune delle pratiche climatiche che possono essere dannose per la natura. Questi includono le coltivazioni bioenergetiche su larga scala; l'impianto di alberi in ecosistemi che non sono stati storicamente foreste e la riforestazione con monocolture, specialmente con specie arboree esotiche; o certe misure tecniche che si concentrano troppo sull'adattamento, come la costruzione di dighe e argini.

In Spagna, Seo/BirdLife si concentra su due gruppi di misure identificate dagli autori di Ipbes e Ipcc: installazioni rinnovabili in luoghi dannosi per la natura e l'aumento o la conversione di terreni piovosi in terreni irrigui. Queste sono due tendenze in crescita nel Paese e sono al centro della maggior parte del lavoro delle Ong ambientali sulle rivendicazioni di impatto ambientale. Per citare un esempio, solo negli ultimi 20 mesi, Seo/BirdLife è stata costretta a fare accuse contro 200 progetti rinnovabili che sono destinati ad essere situati in aree di alto valore ambientale e, quindi, di alto valore per articolare una risposta coordinata e duratura al cambiamento climatico.

L'Ipcc e l'Ipbes sono d'accordo con la maggior parte della comunità scientifica che le informazioni e l'ampia gamma di alternative sono ora disponibili per minimizzare il più possibile l'impatto ambientale della risposta climatica.

"Il clima e la biodiversità possono e devono andare di pari passo. Glasgow deve segnare il punto di svolta affinché, finalmente, le politiche climatiche e di conservazione della natura si rafforzino a vicenda, migliorando anche le opportunità per le popolazioni indigene e le comunità locali. È il momento di rompere un conflitto che non sarebbe mai dovuto accadere. Ci aspettiamo che le parti prendano un forte impegno che si rifletta nel testo più importante uscito dalla Cop26, la decisione 1", dice David Howell, responsabile per il clima e l'energia di Seo/BirdLife.

"Questa Cop26, la prima che si tiene dopo l'eruzione del covid-19, deve servire a garantire che rispettiamo Parigi e non aumentiamo la temperatura di più di 1,5 gradi, che ci prendiamo cura del nostro miglior vaccino preventivo contro le future pandemie e, soprattutto, che non lasciamo indietro nessuno".

 

Seo/BirdLife alla Cop26

 Durante tutta la Cop26, Seo/BirdLife comunicherà sui suoi canali principali i progressi e gli sviluppi dei negoziati, sia in termini di priorità per la natura e per la Spagna, sia in termini generali. Inoltre, Seo/BirdLife si offre di gestire i contatti dei media spagnoli con i portavoce dei team internazionali di BirdLife e Climate Action Network presenti alla Cop.

Foto in apertura di Olio Officina

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter