Gea Terra

Primavera targata Fai

E’ stata una grande emozione vivere le celebri giornate organizzate dal Fondo ambiente italiano. Una grande kermesse che dalla sua prima edizione ad oggi, la XXII, ha coinvolto oltre 7 milioni di italiani

Silvia Ruggieri

Primavera targata Fai

Si è conclusa il 23 marzo la XXII edizione delle Giornate Fai di Primavera, che ancora una volta, dopo
“ I Luoghi del Cuore” ha confermato l’enorme capacità del FAI di coinvolgere in una manifestazione collettiva, tantissime persone interessate al patrimonio artistico Italiano e alle tante bellezze nascoste, sparse in tutto il territorio. Una grande kermesse che dalla sua prima edizione ha coinvolto oltre 7.000.000. di italiani

Durante questa edizione c’è stato un grandissimo afflusso di visitatori, circa 600.000, che nonostante la pioggia battente in molte Regioni , hanno fatto la coda per visitare i 750 beni aperti contestualmente in tutta Italia.
Si sono aperte le porte di centinaia di siti, spesso chiusi e non visitabili come palazzi, carceri, sedi istituzionali e dell’informazione così come torri, borghi, oratori, giardini, chiese, abbazie, castelli e tutti i beni Fai sparsi nel territorio italiano.

In Lombardia, c’è stato il record dei visitatori: circa 130.000 persone hanno visitato i 120 beni aperti in tutto il territorio lombardo. E Milano ha anche il record di visitatori di un suo sito: gli Studi della Rai di Milano, in Corso Sempione, con circa 11.000 visitatori, seguito a ruota dalle oltre 8.000 presenze al Deposito EX OMV di Milano centrale.( Deposito ex officine e manutenzione vetture di Milano Centrale dove erano esposti i veicoli storici ).

Sempre a Milano, oltre 6.500 presenze di visitatori all’Albergo Diurno Venezia, di piazza Oberdan attribuito al Portaluppi, e da anni abbandonato all’incuria degli uomini e del tempo. Un gioiello architettonico in puro stile liberty dell’inizio degli anni venti, e con una superficie di 1.200 metri quadrati che si trova sotto Piazza Oberdan. Tutti i locali, che vantano anche un’altezza di tre metri e trenta, sono stati ripuliti e risistemati lo scorso 9 marzo da uno stuolo di volontari del FAI per renderli visitabili per le Giornate Fai di Primavera.

Tantissimi visitatori anche negli altri siti aperti in città: migliaia di visitatori anche a Palazzo Mezzanotte, in Piazza Affari, sede della Borsa Italiana, nella sede del Corriere della Sera, in via Solferino, nel Palazzo Lombardia, la nuova sede del Governo Regionale, al Velodromo Vigorelli, al Palazzo Melzi D’Eril, a quello della Triennale cosi come alla Cavallerizza, in via Foldi, la nuova sede del FAI.

Un grande evento, questo del Fai, una grande festa della cultura

Iscriviti alle
newsletter