Gea Terra

Un modello di olivicoltura per tutelare la biodiversità

Visti i traguardi raggiunti dal progetto Olivares Vivos, impegnato a recuperare il legame tra il settore agricolo e la natura, in questi giorni è stato presentato al Consiglio Olivicolo Internazionale Life Olivares Vivos+, nato con lo scopo di velocizzare l’espansione del modello precedente in altri Paesi. I luoghi maggiormente coinvolti sono quelli vocati all’olivicoltura come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo. Presto il programma sarà esteso anche ad altre colture

Olio Officina

Un modello di olivicoltura per tutelare la biodiversità

Life Olivares Vivos+, il cui obiettivo principale è quello di ingrandire il modello olivicolo Olivares Vivos, è stato presentato oggi presso la sede del Consiglio oleicolo internazionale di Madrid.

Un modello di agricoltura che recupera la biodiversità e la trasforma in redditività per l'agricoltore.

I risultati del precedente progetto Life Olivares Vivos, iniziato alla fine del 2015 e terminato lo scorso maggio, hanno dimostrato che questo nuovo modello di olivicoltura recupera significativamente la biodiversità e la trasforma in redditività, attraverso il risparmio di input (una riduzione media del 22% della spesa per fertilizzanti e fitosanitari); dal pagamento dei servizi ambientali (attraverso gli ecosistemi e le misure agroambientali della nuova Pac) e, soprattutto, dal valore aggiunto che il recupero delle specie della fauna e della flora rappresenta per l'olio prodotto negli oliveti viventi (garantito dal marchio Olivares Vivos e dal suo sistema di certificazione). 

Il nuovo progetto, che inizia quest'anno e durerà fino al 2026, servirà ad accelerare la replica di questo modello nelle principali regioni olivicole di Spagna, Italia, Grecia e Portogallo.

Inoltre, questa nuova fase fornirà informazioni su come la biodiversità si comporterà a lungo termine, dopo la sua implementazione, e come si comporterà negli scenari di cambiamento climatico, dato che sarà studiata anche nelle regioni più aride dell'area di distribuzione dell'oliveto.

Sarà esteso anche ad altre colture. Per quanto riguarda la Politica Agricola Comunitaria, Pac, Olivares Vivos rappresenta il modello da seguire nelle politiche e strategie incluse nel "Green Deal" o Patto Verde Europeo.

È un esempio di come "riportare la natura sui terreni agricoli", uno dei principali obiettivi della Strategia per la biodiversità 2030; integra la filosofia della strategia Farm to Fork, che collega produttori e consumatori; quella dell'adattamento al cambiamento climatico; l'Iniziativa europea per l'impollinazione; gli obiettivi di riduzione dei prodotti agrochimici ed è stato un eccellente banco di prova per ispirare il raggiungimento degli obiettivi ambientali della nuova Pac.

 "L'oliveto è la coltura più importante per la conservazione della fauna selvatica in Europa. Il fatto che Olivares Vivos+ stia accelerando la sua espansione nelle principali regioni olivicole del bacino del Mediterraneo, un hotspot di biodiversità, rappresenta un impegno globale per recuperare il legame tra agricoltura e natura mantenendo come premessa gli interessi degli agricoltori. Siamo convinti che questa estensione sarà il passo definitivo per consolidare Olivares Vivos come riferimento, aggiungendo più alleati e consolidando in Europa un modello di agricoltura riconciliato con la vita", dice Asunción Ruiz, direttore esecutivo di Seo/BirdLife. 

Uno degli obiettivi di questa nuova fase sarà quello di estendere e replicare questo modello di olivicoltura, attraverso fattorie dimostrative e corsi di formazione per agricoltori, in tutte le comunità autonome di Andalusia, Estremadura, Madrid, Castiglia-La Mancia, Valencia e Catalogna.

Nel frattempo, a livello internazionale, si svilupperà anche in Alentejo in Portogallo, Toscana e Puglia in Italia e il Peloponneso e Creta in Grecia.

Allo stesso modo, si continuerà a valutare la biodiversità e a studiarne l'evoluzione in ciascuna di queste regioni, una volta attuati i piani d'azione per salvarla, e si analizzerà l'impatto che il cambiamento climatico avrà su questo modello di olivicoltura e sull'oliveto in appezzamenti situati in zone semiaride delle province andaluse di Almeria e Granada.

Con il progredire del progetto, inizierà ad essere applicato anche ad altre colture, come la vite, i mandorli e gli agrumi. Durante l'ultimo progetto Life, oltre al lavoro di monitoraggio della biodiversità e alle prove di misure agro-ambientali, il dipartimento di marketing dell'Università di Jaén ha condotto studi e indagini in diversi paesi dell'Ue per progettare la migliore strategia commerciale e concentrare la promozione dell'extra verigne con il marchio Olivares Vivos.

Ma ora, tutto questo lavoro sul campo e la ricerca continuerà ad essere accompagnato da azioni informative rivolte ai consumatori, l'ultimo ma indispensabile anello della catena del progetto.

Come sottolinea José Eugenio Gutiérrez, delegato di Seo/BirdLife in Andalusia e coordinatore di Olivares Vivos, "i consumatori sono la chiave di tutto il processo, grazie alla loro capacità di scegliere nel carrello della spesa, ed è essenziale che riconoscano il sigillo di differenziazione degli extra vergine di Olivares Vivos: il primo prodotto agroalimentare in Europa con una garanzia scientifica che certifica che sono state recuperate specie di flora e fauna per produrli". 

La cerimonia di presentazione di Olivares Vivos+ è stata ospitata da Noelia Santos, giornalista di gastronomia e tempo libero per Time Out, e ha visto la partecipazione di Angelo Salsi, capo del dipartimento Risorse naturali, clima, economia blu sostenibile ed energia pulita della Cinea-Commissione europea; Asunción Ruiz, direttore esecutivo di Seo/BirdLife; Hugo Morán, segretario di Stato per l'ambiente; Fernando Miranda, segretario generale per l'agricoltura e la pesca; Fernando Miranda, segretario generale per l'agricoltura e la pesca; Hugo Morán, segretario di Stato per l'ambiente; Fernando Miranda, segretario di Stato per l'agricoltura e la pesca; Fernando Morán, segretario di Stato per l'ambiente; Fernando Miranda, segretario generale dell'agricoltura e dell'alimentazione del Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione; Jaime Lillo, vicedirettore del Consiglio oleicolo internazionale; Araceli Cabello, direttore generale dell'ambiente naturale, della biodiversità e delle aree protette del Ministero dell'agricoltura, dell'allevamento, della pesca e dello sviluppo sostenibile del governo regionale andaluso, e Pedro Bruno, assessore all'agricoltura, ambiente e cambiamento climatico del Consiglio provinciale di Jaén.  

La scia di Olivares Vivos 

Dopo cinque anni, Olivares Vivos è diventato un punto di riferimento mondiale per la conciliazione dell'agricoltura e della biodiversità, ottenendo un successo e un riconoscimento nazionale e internazionale, che lo ha portato a ricevere un nuovo impulso dal programma Life.

Lo schema agro-ambientale che compone il modello Olivares Vivos si basa sul più grande studio scientifico realizzato al mondo sugli oliveti e la biodiversità.

Un lavoro di ricerca realizzato dal dipartimento di ecologia dell'Università di Jaén e dalla Stazione Sperimentale delle Zone Aride del Csic, che ha misurato la biodiversità in 40 oliveti dell'Andalusia prima e dopo aver implementato le azioni di recupero della flora e della fauna.

Questo studio ha confermato che negli oliveti viventi, e in soli tre anni, il numero di specie di uccelli, formiche, api e piante è aumentato tra il 7 e il 12%, e la loro abbondanza del 40%.

Un altro 25% dovrebbe essere recuperato a medio termine. Complessivamente e in termini assoluti, 180 specie di uccelli, 60 specie di formiche, 200 specie di api selvatiche e più di 750 specie di piante sono state trovate negli oliveti studiati, compresa una nuova per la scienza, Linaria qartobensis. 

Questo miglioramento della biodiversità è stato possibile grazie all'attuazione di misure semplici ma molto efficaci, come la gestione della copertura erbacea, il ripristino delle aree improduttive dell'oliveto (calanchi, ruscelli, confini, bordi delle strade, ecc.), attraverso la piantagione di specie autoctone, e l'installazione di infrastrutture di supporto alla fauna, quindi stagni e abbeveratoi, muri, cassette e postazioni per la nidificazione, cassette per gli insetti.

Azioni realizzate dagli olivicoltori del progetto Life, e da volontari e squadre di professionisti, coordinati da Seo/BirdLife. 

Un altro aspetto significativo è stata la grande accettazione che Olivares Vivos ha avuto in tutta l'Andalusia, concretizzata nella Rete di Comuni per gli Oliveti Viventi.

Promosso dalla Diputación de Jaén, riunisce 68 località che hanno firmato un manifesto basato sulla promozione di un oliveto alleato della biodiversità.

Sulla stessa linea, più di 750 agricoltori hanno già chiesto di partecipare a Olivares Vivos, il che dimostra il grande interesse che c'è per un altro modello di olivicoltura che migliora anche la redditività. 

Il progetto Life Olivares Vivos+ sarà coordinato da Seo/BirdLife e ha la partecipazione del Consiglio Provinciale di Jaén, l'Università di Jaén, la Stazione Sperimentale delle Zone Aride Eeza-Csic, Hellinikos Georgikos Organismos - Dimitra, Dream Italia, l'Università di Évora e Juan Vilar consultants, e ha il sostegno finanziario della Diputación de Jaén, della Consejería de Agricultura, Ganadería, Pesca y Desarrollo Sostenible de la Junta de Andalucía, dell'Interprofesional del Aceite de Oliva de España, della Junta de Comunidades de Castilla-La Mancha e della Caja Rural de Jaén.

Presentazione Oliveros Vivos+

Presentazione Olivares Vivos+

Per le foto in apertura e all'interno si ringrazia Seo/BirdLife

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati.
Se sei un utente registrato puoi accedere al tuo account cliccando qui
oppure puoi creare un nuovo account cliccando qui

Iscriviti alle
newsletter