Immagini

La tanto odiata mosca delle olive

Quella che vedete nella foto di Domenico Fazio è l'arcinota Bactrocera oleae. Può non piacere, la sua presenza non è molto gradita, ma sono creature di straordinaria bellezza e come si può notare, a stretto con tatto con le olive, si nutrono con tanto amore. Come noi contempliamo le olive, prima di spremerle per ricavarne l'olio, allo stesso modo le mosche le contemplano al punto tale da prendere così tanta confidenza da entrare in intimità con le olive, facendo casa al loro interno

Olio Officina

La tanto odiata mosca delle olive

Già, piaccia o non piaccia, in fondo l'oliva non ha nulla da perdere.

Tra l'uomo e la mosca, il frutto dell'olivo ha l'imbarazzo della scelta. Viene amato e desiderato da emtrambi.

Qualcuno si stupirà di queste nostre riflessioni, è vero. Le mosche olearie sono nostre antagoniste. le olive, tuttavia, non si dispiacciono poi tanto della loro presenza e compagnia. 

È solo puro antagonismo. Noi vogliamo la nostra parte, le mosche ambiscono alla propria.

LEGGI ANCHE

LA MOSCA SPIEGATA AI BAMBINI

Iscriviti alle
newsletter