Terra Nuda

Cambiamento climatico, la battaglia del Coi

A Perugia, il 3 dicembre, si è tenuto il convegno Olive4Climate, organizzato dall’Università di Perugia dove si sono espressi varie figure illustre: un messaggio è arrivato anche da parte del Direttore esecutivo del Coi dichiarando che l’olivicoltura è un’ottima strategia per far fronte ai cambiamenti climatici

Consiglio Oleicolo Internazionale

Cambiamento climatico, la battaglia del Coi

"L'olivicoltura è ormai una strategia sostenibile contro i cambiamenti climatici", ha dichiarato Abdellatif Ghedira, Direttore Esecutivo del Coi, in un messaggio ai partecipanti al convegno Olive4Climate, organizzato dall'Università di Perugia.

Dalla salute ai cambiamenti climatici, il settore olivicolo è coinvolto in molte delle sfide che il mondo di oggi si trova ad affrontare e il Consiglio oleicolo internazionale si è impegnato con la comunità scientifica internazionale per trovare soluzioni.

Secondo Abdelkrim Adi, capo dell'unità tecnica e ambientale del Coi, il progetto Thoc (True Healthy Olive Cultivar) del Coi si prefigge di "caratterizzare le cultivar di olivo in termini genetici". Il progetto è stato ideato in collaborazione con l'Università di Cordoba, Ifapa e la Junta de Andalucía e coprirà 22 paesi produttori. Essa aggiungerà al “Catalogo mondiale delle varietà del Coi” pubblicato nel 2000 per definire le caratteristiche morfologiche delle principali varietà di olivo. L'edizione digitale di questo catalogo è disponibile sul sito web del Coi.

Sono state selezionate più di 1 600 varietà, un centinaio delle quali corrispondono alle varietà elencate nel catalogo. I frutti di queste varietà producono in media 3 milioni di tonnellate di olio d'oliva nel mondo ogni anno.

La prima fase del progetto è dedicata alle emissioni di carbonio del settore olivicolo. Anche se si ritiene che l'agricoltura e l'allevamento siano responsabili del 14% delle emissioni di gas serra, molti studi dimostrano che l'olivo è in grado di trattenere la CO2 nel suolo. Con il progetto Thoc, il Coi vuole che non solo i consumatori ma anche i governi considerino l'olio d'oliva come uno dei migliori filtri naturali per la protezione dell'ambiente, tenendo presente che il 94% degli europei concorda sull'importanza di proteggere l'ambiente.

La produzione mondiale di olio d'oliva assorbe le emissioni di carbonio equivalenti di circa 16 000 persone e gli 11 milioni di ettari di terreno utilizzato per la coltivazione dell'olivo immagazzinano l'equivalente di CO2 prodotto da una città di 7 milioni di persone.

"L'olivicoltura è ormai una strategia sostenibile contro i cambiamenti climatici", ha dichiarato Abdellatif Ghedira, Direttore Esecutivo del Coi, in un messaggio ai partecipanti al convegno Olive4Climate, organizzato dall'Università di Perugia, e al professor Primo Proietti, coordinatore di questo importante progetto internazionale. Ghedira ha sottolineato quanto sia importante che la comunità internazionale condivida i risultati di questo tipo di ricerca in forum intergovernativi come il Coi.

Le prime stime per l'annata 2019/20 indicano che la produzione supererà i 3,14 miliardi di tonnellate, i consumi intorno ai 3,1 miliardi di tonnellate e i volumi di scambio intorno a 1 milione di tonnellate.

Negli ultimi 20 anni, la produzione e il consumo sono generalmente aumentati parallelamente, anche se il consumo ha superato negli ultimi anni. "Si tratta di uno sviluppo positivo", afferma Michele Bungaro, responsabile del Dipartimento Osservatorio del Coi. "Ed è grazie alle campagne di informazione a cui stiamo lavorando". Gli Stati Uniti sono attualmente il più grande importatore, assorbendo circa il 36% di tutto l'olio d'oliva prodotto nel mondo, seguiti dall'Unione Europea con il 15%.

Ciò che preoccupa, tuttavia, è che l'olivo sembra fiorire prima, con forti ripercussioni sull'offerta e sui prezzi sul mercato mondiale. La produzione ha oscillato molto negli ultimi quattro anni, diminuendo del 18% nel 2016/17, per poi aumentare del 32% nel 2018/19, per poi diminuire nuovamente del 5% nel 2018/19 e del 2% nel 2019/20. "La ricerca è quindi essenziale", ha concluso Bungaro. "Il Consiglio oleicolo internazionale presterà particolare attenzione alle comunità accademiche e scientifiche".

Consiglio Oleicolo Internazionale

Iscriviti alle
newsletter