Terra Nuda

Coldiretti e Unaprol propongono al Coi una nuova classificazione degli oli extra vergini di oliva

Si richiede di abbassare il livello di acidità da 0,8 a 0,5%

Olio Officina

Dal workshop promosso in Italia da Unaprol e Coldiretti  è giunta al COI la richiesta di una nuova classificazione degli oli extra vergine di oliva. La proposta del presidente David Granieri  è quella di  abbassare il livello di acidità dell’extra vergine da 0,8 a 0,5% per privilegiare la qualità e contrastare in maniera più efficace il rischio di frodi.

Per arginare questo fenomeno Unaprol si schiera per la difesa ed il rafforzamento della norma COI che sostiene il panel test.  “La richiesta di una nuova classificazione degli oli di oliva può essere presa in esame nell’ambito delle procedure previste dall’accordo internazionale dell’olio di oliva e delle olive da tavola - ha dichiarato Abdellatif Ghedira, direttore esecutivo del COI - Gli standard del COI sono uno strumento in continua evoluzione proprio per rispondere alle esigenze del mercato, di trasparenza e di rispetto dei consumatori. È necessario però che una proposta venga presentata ufficialmente al Consiglio dei membri perché il Segretariato Esecutivo possa istruire la pratica e avviare le procedure per la discussione dell’argomento”.

Iscriviti alle
newsletter