Terra Nuda

Coldiretti si aggiudica la guida del Consorzio Olio di Puglia Igp

Olio Officina

Coldiretti si aggiudica la guida del Consorzio Olio di Puglia Igp

Dopo lunga attesa, ora esiste anche il Consorzio per la tutela e la valorizzazione dell’olio extra vergine di oliva Olio di Puglia Igp. Questo nuovo corso, dopo le scarse performance delle Dop, vede protagonista lo strumento della Indicazione Geografica Protetta a carattere regionale. 

A dare notizia dell’obiettivo raggiunto è Coldiretti Puglia. L'organizzazione agricola attraverso un comunicato stampa ha reso nota la chiusura del percorso formale della Igp “Olio di Puglia” e con questa la nomina alla presidenza del Consorzio di Pantaleo Piccinno, un imprenditore salentino di Caprarica di Lecce, da sempre legato a Coldiretti. Alla vicepresidenza una donna, l'imprenditrice Maria Di Martino, di Trani. 

Il marchio Igp “Olio di Puglia” - si legge in questa nota - sarà ben riconoscibile per il logo distintivo caratterizzato da un’antica moneta romana che simboleggia l’unità della regione Puglia ed il suo legame storico con la coltivazione dell’olivo”.

Il percorso per ottenere l’Igp non è stato facile, perché Coldiretti è entrata a gamba tesa per acquisire il controllo. Poco importa, alla fine, perché ciò che conta, per il mondo produttivo, è poter oggi disporre di una Igp e di un Consorzio che la faccia conoscere e rendere vincente sul mercato. Il timore, tuttavia, è che uno strumento così importante, se gestito male, così come è avvenuto per anni con le Dop olearie pugliesi, è che si svuoti di significato.

LEGGI ANCHE

Nasce l’olio di Puglia Igp

Iscriviti alle
newsletter