Terra Nuda

Come un pezzo di pane

Gli appuntamenti Ipack-Ima ed Expo 2015 rappresentano una occasione più unica che rara per riflettere sul futuro della produzione alimentare e per proporre nuovi modelli di sviluppo delle filiere agro-alimentari. L’invito a una prrestigiosa conferenza

Claudio Peri

Come un pezzo di pane

Veniamo dalla generazione che ha globalizzato i commerci, ma inquinato l'ambiente e accentuato le disuguaglianze, generando l'opulenza accanto alla miseria e le malattie dovute all'eccesso di cibo accanto a quelle della fame. Però possiamo anche constatare negli stand di Ipack-Ima una straordinaria molteplicità di soluzioni tecnologiche innovative, sicure, rispettose dell'ambiente; e, al contempo, nei padiglioni di Expo, cioè nel mondo, una straordinaria varietà di cibi e di tradizioni alimentari.

Abbiamo dunque gli strumenti materiali e conoscitivi per vincere la fame, migliorare la salute e proteggere l'ambiente. Perché siamo così preoccupati dalla prospettiva che fra vent’anni la popolazione del globo avrà superato i 9 miliardi di persone? Perché accettiamo che centinaia di milioni di queste persone continuino a soffrire la fame e, per giunta, proprio nei Paesi che hanno la più favorevole disponibilità di suolo e di clima per produrre cibo? Perché nella situazione attuale di diseguale abbondanza, proprio i consumatori più privilegiati sono sempre più diffidenti nei confronti della tecnologia e della industrializzazione delle filiere agro-alimentari?

La conferenza Ipack-Ima del 20 maggio rappresenta il tentativo di prospettare nuovi modelli di sviluppo, in grado di promuovere relazioni solidali e non solo competitive, trasparenti e non ambigue, differenziate secondo le opportunità e le tradizioni e non omologate dalla globalizzazione.

Alla conferenza del 20 Maggio abbiamo dato un titolo accattivante e complesso (“Designing a Resilient Future: Food, Technology, and Sustainable Development”), ma un simbolo molto semplice: un pezzo di pane. Il pane è una metafora potente e universale per dire: torniamo all'essenziale, alla ricerca di un buon accordo fra intervento dell'uomo e rispetto della (sinergia con la) natura, allo spirito di comunità.

Consideriamo questa conferenza come primo atto di una riflessione che sarà raccolta in un testo e divulgata come il nostro modesto contributo al dibattito sul futuro del cibo. Per condividerla il più ampiamente possibile, come un pezzo di pane …

Tutti i dettagli QUI. Da parte mia l'invito a partecipare. Non ve ne pentirete.

Invito alla conferenza “Designing a Resilient Future: Food, Technology, and Sustainable Development”, in programma il prossimo 20 maggio 2015 (QUI), con traduzione simultanea italiano-inglese e viceversa.

La foto di apertura è di Olio Officina

Iscriviti alle
newsletter