Terra Nuda

Crescono, nella Tuscia, gli oli di alta qualità

Il comune di Gradoli, conosciuto per i suoi prodotti tipici, tra cui in particolare i vini Aleatico e Grechetto e la grappa, ora si impone sulla scena anche con un olio extra vergine di oliva da varietà Canino, Leccino e Frantoio, a marchio Appo, peraltro noto e apprezzato in tutta Europa 

Marcello Ortenzi

Crescono, nella Tuscia, gli oli di alta qualità

Si è svolto di recente il concorso regionale “Ori del Lazio”, dedicato ai migliori oli extra vergini di oliva, ma senza la cerimonia di premiazione causa Coronavirus. Promosso da Unioncamere Lazio, l’Unione delle Camere di Commercio del Lazio che, nel quadro delle iniziative promozionali a sostegno del settore agricolo, rivolge la massima attenzione alla filiera olivicola attraverso una serie di iniziative a supporto delle imprese del settore. 

Inizialmente nato come fase di selezione su base regionale dei partecipanti al concorso nazionale “Ercole Olivario”, il concorso regionale nel corso degli anni ha assunto prestigio e visibilità propri. 

Il XVII concorso ha visto salire sul podio di secondo premiato per la seconda volta l’olio extra vergine di oliva a marchio Appo, prodotto nella Cantina oleificio sociale di Gradoli (VT) per la categoria leggero fruttato Dop Tuscia.

L’extra vergine di varietà Canino, Leccino e Frantoio, è ottenuto a partire da olive del territorio tracciate dal campo alla bottiglia. Prodotto di alta qualità la cui lavorazione avviene al massimo entro le dodici ore dalla raccolta delle olive.

Appo Società Cooperativa è un’organizzazione di produttori che opera da decenni sul territorio viterbese. Si occupa di rafforzare e promuovere l’intera filiera olivicola fornendo assistenza alle aziende e ai frantoi associati. Di recente è diventata anche produttrice di olio giacché gestisce direttamente l’Oleificio di Gradoli e quello di Castel Cellesi a Bagnoregio. 

L’olio prodotto attraverso i conferimenti dei soci è dunque tracciato, dall’origine alla vendita. La tradizione olearia in paese ha radici molto profonde. Diminuiti nel tempo i campi coltivati a olivi, quelli rimasti mantengono produzioni di qualità, con un lavoro accurato che prevede anche il Dop. Del resto, l'olio del comprensorio del lago di Bolsena mantiene intatta ancora oggi la sua rinomata qualità, tale da renderlo unico fra gli oli del centro Italia. Una posizione geografica privilegiata che contribuisce a esaltare l'odore inconfondibile e speciale e che ne rende impossibile le imitazioni o gli accostamenti.

Iscriviti alle
newsletter